FOX

L'Invasione degli Ultracorpi: (nuovo) remake in arrivo per il film di Don Siegel

di -

I baccelli de L'Invasione degli Ultracorpi stanno per tornare. Warner Bros. ha annunciato un nuovo remake della celebre pellicola diretta nel 1956 da Don Siegel.

Kevin McCarthy e Dana Wynter ne L'Invasione degli Ultracorpi del 1956

2 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

I "baccelli" stanno per tornare. Warner Bros. ha annunciato che produrrà un remake de L'Invasione degli Ultracorpi, il film a basso costo del 1956 diretto da Don Siegel e diventato un vero e proprio oggetto di culto tra gli appassionati di fantascienza.

Per la pellicola si tratta del quarto rifacimento, dopo quelli realizzati nel 1978, 1993 e 2007.

L'Invasione degli Ultracorpi: tutte le informazioni sul remake

Hollywood continua ad attingere a piene mani dal passato e questa volta sceglie un classico della fantascienza, L'Invasione degli Ultracorpi.

Come riporta Deadline, Warner Bros. produrrà il remake della celebre pellicola con John Davis di Davis Entertainment e lo script sarà affidato a David Leslie Johnson.

Lo sceneggiatore ha all'attivo una lunga collaborazione con gli studi di Burbank, in California, e tra i suoi lavori annovera Orphan, Cappuccetto Rosso Sangue, due episodi di The Walking Dead (Sangue del Mio Sangue 2x05 e Grilletto Facile 2x09), La Furia dei Titani, The Conjuring - Il Caso Enfield e il recente L'Amore Criminale. Attualmente è impegnato nella scrittura di The Conjuring 3 e nel rifacimento di Nightmare on Elm Street.

Locandina de L'Invasione degli Ultracorpi (1956)HDWalter Wanger Production
La locandina de L'Invasione degli Ultracorpi di Don Siegel del 1956

L'Invasione degli Ultracorpi: la storia e i remake

Il film L'Invasione degli Ultracorpi di Don Siegel si basa sull'omonimo romanzo di fantascienza di Jack Finney del 1955.

La storia racconta la drammatica vicenda degli abitanti della cittadina di Santa Mira, in California, attaccati da una misteriosa forma di vita aliena che assume le loro sembianze nel sonno, replicandosi all'interno di grandi baccelli.

Interpretata da Kevin McCarthy e Dana Wynter, la pellicola del 1956 ha un finale aperto, che non rivela la sorte dell'umanità. Ma in origine il regista aveva pensato a una conclusione diversa e decisamente più drammatica, in cui i replicanti prendevano il posto di tutti gli abitanti di Santa Mira e il protagonista si rivolgeva direttamente agli spettatori, avvisandoli che sarebbero stati i prossimi.

La sensibilità dell'epoca (e la produzione) ha costretto Don Siegel a rivedere i suoi piani, ma nel 1978 Philip Kaufman ha utilizzato in parte l'idea per il finale del remake Terrore dallo Spazio Profondo, interpretato da Donald Sutherland, Jeff Goldblum e Leonard Nimoy e ambientato a San Francisco. Il film contiene altri due omaggi alla pellicola originale, rappresentati da altrettanti camei di Siegel e McCarthy.

Un fotogramma di Terrore dallo Spazio ProfondoHDUnited Artists
Leonard Nimoy, Donald Sutherland e Jeff Goldblum in Terrore dallo Spazio Profondo (1978)

Con la storia degli alieni capaci di assumere sembianze umane all'interno di baccelloni si è cimentato anche Abel Ferrara nel 1993 con Ultracorpi - L'Invasioni Continua.

L'ultimo remake coincide con il primo tentativo di Warner Bros. di realizzare un rifacimento del film del 1956 ed è Invasion, girato nel 2007 da Oliver Hirschbiegel (La Caduta - Gli Ultimi Giorni di Hitler) e interpretato da Daniel Craig e Nicole Kidman.

Ma la pellicola non ha avuto fortuna. Il lavoro del regista non ha convinto la major, che ha chiamato le sorelle Wachowski e James McTeigue per rimaneggiare il materiale, e alla fine il film non è piaciuto neppure al pubblico.

Questa volta, Warner Bros. riuscirà a fare centro? Per saperlo, non resta che aspettare che la pellicola arrivi in sala.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.