FOX  

Lacrime di miele nel primo poster di American Horror Story: Cult

di -

Dalla simbologia religiosa a quella che rappresenta il potere, passando per la rivelazione: le nostre interpretazioni del poster ufficiale di American Horror Story: Cult.

American Horror Story: Cult. Il poster

270 condivisioni 12 commenti 5 stelle

Share

Sappiamo quando (dopo le presidenziali americane), ma non cosa.

Però sappiamo che i clown, come riportato dai vari teaser, e anche dal primo poster ufficiale rilasciato, saranno protagonisti.

American Horror Story: Cult, come da tradizione, si legherà alla storia americana.

La nuova stagione sarà particolarmente connessa alla politica, con le consuete metafore e allegorie utilizzate da Ryan Murphy per parlarci - attraverso creature umane e soprannaturali - della nostra società.

American Horror Story: Cult. Il poster

L’interpretazione del poster di American Horror Story Cult 

1: Il potere

Il trucco della donna con un alveare al posto del cervello richiama senza possibilità di equivoci quello di un clown, personaggio ricorrente nelle anticipazioni della prossima stagione di American Horror Story.

Ma c'è di più, molto di più. La simbologia data dalla scelta di "incoronarla" con un alveare potrebbe richiamare una Regina (come l’ape regina, appunto).

Una Regina i cui operosi sudditi sono al tempo stesso una risorsa (producono il nettare, necessario alla vita) e una grossa responsabilità (tanto da prendere il posto - letteralmente - di ogni altro suo pensiero).

In questo senso, perciò, l’elemento politico emerge con forza: il governante (la Regina) è completamente assorbito dal pensiero delle persone di cui è responsabile.

E porta su di sé il peso di quella responsabilità. Da grandi poteri, si sa, derivano grandi responsabilità

E il potere, data anche l'ambientazione, sarà sicuramente una delle tematiche fondamentali dei nuovi episodi.

2: La simbologia religiosa

C’è anche molto altro, però, nell’immagine composta per questo poster.

Le api - solo nella Basilica di San Pietro ne troviamo raffigurate oltre cinquecento - sono uno dei simboli della Cristianità.

Rappresentano l’operosità, ma soprattutto la virtù e la castità. Sono un simbolo positivo, insomma.

In questo caso, potrebbero indicare la fonte del potere religioso (una divinità, o addirittura una figura ecclesiastica di rilievo) e richiamare il trucco da clown - strisce rosse sotto gli occhi - alle lacrime di sangue dei miracoli cattolici.

In definitiva, l’indizio potrebbe essere il rimando a una divinità (se non Dio in persona) che piange per noi. E piange lacrime di sangue.

Ricollegandosi al concetto di sacrificio e all’espiazione dei peccati necessaria per la salvezza (richiamo non distante da quanto visto nella precedente stagione, ovvero i sacrifici che la Macellaia imponeva in Roanoke per “purificare” la casa dagli estranei, cioè i proprietari successivi alla sua epoca).

3: La rivelazione

Legandosi sia al tema del potere che a quello religioso, c’è anche l’interpretazione della rivelazione.

Nei teaser abbiamo sentito pronunciare diverse frasi (“Arrenditi a una nuova verità”, “Svegliati”, “I tuoi pensieri e le tue paure sono illusioni”) che rimandano, appunto, alla rivelazione di una verità precedentemente ignorata, a una scoperta, all’ammissione di qualcosa che i personaggi potrebbero aver voluto evitare di riconoscere.

Anche qui, naturalmente, l’elemento politico ha una forte valenza: non conoscendo il tema ma il “momento” (le presidenziali) potremmo pensare a qualche scioccante rivelazione sui retroscena del potere, o dei personaggi politici (allegorici) rappresentati.

Non ci resta che aspettare, per saperne di più.

Nel frattempo, una cosa è certa: la sfida all’interpretazione degli indizi su American Horror Story si fa ogni anno più avvincente. E ricca di simboli stimolanti.

Gli attori Sarah Paulson e Evan Peters
Sarah Paulson e Evan Peters, come nelle precedenti stagioni, compariranno anche in American Horror Story: Cult

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.