FOX  

Homeland 6x07: Il diavolo degli Stati Uniti

di -

Dar Adal diventa il rischio imminente di Carrie e Saul. Le nuove rivelazioni minacciano di sconvolgere l'intera trama della sesta stagione di Homeland.

0 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Rischi imminenti minacciano la vita di Carrie Mathison e non solo, nel settimo episodio della sesta stagione di Homeland.
Il poco dinamismo dell'episodio e la mancanza d'azione di questa settimana sono ripagati da una rivelazione che comincia a dare una direzione al tortuoso labirinto della serie.
Ancora una volta Quinn e Carrie sono lontani ma paralleli: entrambi pronti a perdere il controllo. Nel frattempo, le più terribili e viscide rivelazioni su Dar Adal, il diavolo americano, vengono alla luce. 

I traumi di Peter Quinn

Dar Adal fa una (spiacevole) visita a Peter Quinn.

Nell'ultimo episodio abbiamo lasciato Quinn, a sorpresa, tra le braccia di Astrid.
In Rischio Imminente scopriamo ben presto che la fuga dell'uomo è stata architettata da Dar Adal. E non solo quella.
Il machiavellico uomo – la macchina infernale del governo statunitense – ha lasciato le sue ragnatele ovunque tra le storie dei personaggi di Homeland. Da Carrie a Quinn, da Saul al Presidente Eletto. È ormai chiaro che Dar non gioca nella squadra di nessuno e questo sta portando non pochi guai. In particolare, il suo dialogo con Quinn nella scena finale ha lasciato emergere in modo più esplicito il lato manipolatore dell'uomo. Riuscirà a scatenare Peter contro Carrie?

Il loro enigmatico scambio di battute ci costringe a rivalutare il rapporto tra i due. Quinn è una creazione di Dar – ma quanti dei suoi traumi sono opera del Direttore delle Attività Speciali della CIA? Il dubbio è proprio che molto di quello che è successo a Quinn non verrà mai rivelato e ciò che viene insinuato tra i due è terribile quanto angosciante.

“Sono una brava madre”

Non è nessun intrigo politico a turbare l'equilibrio di Carrie Mathison. A scuotere e sconvolgere l'apparente calma dell'ex agente della CIA è l'intervento degli assistenti sociali su Frannie. Ai nostri occhi sono tutti nemici: il pubblico è Carrie, non importa quanto instabile o inaffidabile sia. Carrie, nonostante tutto, è una buona madre. Sembra ieri che non riusciva neppure a tenere in braccio la sua bambina e adesso è davvero tutto ciò che le rimane. Ci sembra di ripercorrere un deja-vu: la nostra protagonista è costretta ancora una volta a guardare impotente mentre le portano via la persona che più ama al mondo. È arrivato il momento che l'inquieta ma inarrestabile Carrie prenda il sopravvento nella storia.

Le mille risorse di Saul Berenson

Il nostro amico mi ha detto di portarle i saluti del sergente Brody.

Saul incontra Javadi a New York

Sono queste parole che convincono Saul a incontrare Javadi a New York. I due uomini, al momento, sono l'unica arma contro il piano di Dar Adal. Niente testimoni, nulla è lasciato in sospeso nell'alleanza tra i due. "Me l'ha insegnato tu, Saul". Le possibilità di successo, però, sono minime e pericolose. Ciò nonostante, Saul è ancora uno dei manipolatori più brillanti e ingegnosi che la CIA (e i fan di Homeland) abbia mai visto. L'uomo potrebbe averla vinta sul suo vecchio amico Dar Adal. Forse è tempo che riunisca le forze con Carrie per trovare una soluzione e abbattere la minaccia in arrivo.

Homeland non smette di ammaliarci – non importa quanto siamo disposti a credergli e seguirlo. Ogni settimana, ogni lunedì siamo su FOX alle 21.00 per lasciarci trascinare ancora.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.