FOX

Addio a "Mister Godzilla": è morto Haruo Nakajima, primo interprete del mostro

di -

Il primo attore che animò il re dei mostri in ben 12 film dedicati a Godzilla si è spento a 88 anni. Ecco chi era Haruo Nakajima.

Haruo Nakajima e una replica della testa di Godzilla

96 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Era stato lui, il primo cuore pulsante di Godzilla: Haruo Nakajima.

L'attore giapponese animò il re dei Kaiju per 18 anni, dal 1954 al 1972, contribuendo a far entrare nel mito la creatura, incarnazione dell'incubo atomico. Non lo fece con l'aiuto della computer grafica, ma indossando un ingombrante costume di cemento del peso di oltre 100 chili che, in diverse varianti, gli avrebbe fatto compagnia per ben 12 film.

Nel mese di agosto 2017 (lunedì 7, secondo i primi resoconti non ufficiali), Nakajima è morto all'età di 88 anni, consapevole dell'eredità che ha lasciato al mondo.

Alla fine, il Godzilla che ho interpretato rimarrà per sempre su una pellicola. Rimane nella memoria della gente, e di questo sono davvero grato.

Come si diventa Godzilla

"Mister Gozilla" (com'è noto in Giappone) iniziò la sua carriera attoriale poco dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale. Destino volle che fosse stato proprio lo studio di produzione Toho, il futuro produttore di Godzilla, a scritturarlo.

Haruo Nakajima alla presentazione di una statua dorata di Godzilla nel 2014

I suoi primi passi nel mondo del cinema furono davvero modesti: Nakajima, come molti attori alle prime armi, si destreggiava tra una comparsata e l'altra, solitamente nella parte di qualche guerriero samurai che moriva. Fu un bandito nel famoso I Sette Samurai di Akira Kurosawa e una volta, sul set di Eagle of the Pacific, dovette persino uscire da un aereo in fiamme. Fu quello il momento che cambiò tutto: il regista Ishirō Honda lo notò e decise di proporgli una parte nel suo prossimo film, Godzilla.

All'epoca, la pellicola era un progetto ancora piuttosto nebuloso. Nakajima dovette portare avanti da solo molte delle ricerche riguardo il suo ruolo: visto che il copione non dava una chiara idea di come il mostro si muovesse e agisse, lui decise di fare degli studi sul campo. Visitò lo zoo, osservando da vicino grandi creature come gorilla ed elefanti, e alla fine trovò il modo migliore di muoversi all'interno del suo pesante costume di scena.

La scommessa di Toho su Godzilla si trasformò in un successo quasi inaspettato, e Nakajima diventò sempre più felice di interpretare il Kaiju. Tanto che nella sua carriera aiutò a portare sul grande schermo anche altri mostri giganti, inclusa l'enorme falena Mothra nell'omonimo film del 1961, sempre per la regia di Honda.

Rilasciato dal suo contratto con Toho nel 1973, Nakashima cominciò ad apparire a convention già negli anni '90: un'attività a cui non ha rinunciato nemmeno negli ultimi anni della sua vita. L'attore avrebbe dovuto fare un'apparizione anche al Tokyo International Film Festival il prossimo ottobre, in occasione di una proiezione dell'originale Godzilla in versione rimasterizzata e con orchestra dal vivo.

Negli anni della pensione, Nakajima scrisse anche un'autobiografia, Monster Life, pubblicata in Giappone nel 2010.

Via: THR, Deadline

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.