FOX  

Homeland 6x09: i burattini della politica

di -

La lotta contro Dar Adal è appena cominciata. Carrie, Saul, Quinn e il Presidente eletto dovranno trovare la soluzione contro l'uragano politico scatenatosi a New York.

Carrie e Saul devono prendere una decisione difficile

39 condivisioni 1 commento

Condividi

Nel nuovo episodio di Homeland, il nono della sesta stagione, si gioca a carte scoperte.
Il villain – se è possibile che ce ne sia solo uno nella serie – è Dar Adal. Crudele e viscido come non l’avevamo mai visto. Ma più audace si fanno le sue scelte e più facile da smascherare diventa. E a modo loro Carrie, Quinn e Saul sono determinati distruggerlo. In Il video, Homeland ci mostra il sottile legame tra politica e media, quanto pericolose e distruttive possano diventare per l'essere umano e, soprattutto, quanto sia facile diventare burattini nelle mani di chi controlla il potere.

“Suo padre aveva i capelli rossi”

I primi minuti dell’episodio sono un opening focalizzato e dedicato a Carrie Mathison. Finalmente la sua fragilità ritorna alla ribalta, il suo squilibrio è protagonista assoluto della scena. In una conversazione con lo psicologo, l’ex spia della CIA si rivela cosciente del suo lato peggiore: mette in pericolo chi ama per le sue azioni e convinzioni. È successo con Brody. È successo con Quinn e forse succederà ancora con Frannie. Il suo amore per ognuna di queste persone è indiscutibile, ma non per questo meno pericoloso.

“Come possiamo fermarlo?”

Dar Adal e Elizabeth Keane sono due nemici che fingono di essere amici

Il sacrificio di Majid Javadi gioca a favore di Carrie e Saul. Lasciare il cellulare nel luogo dove i due l'avrebbero trovato è l'ultima brillante mossa dell'uomo che ha fatto il doppio gioco per anni. La confessione di Nafisi sul complotto per costringere la Presidente a cambiare la sua politica salta finalmente fuori. Ma il Mossad non ha agito da solo e il Presidente eletto viene immediatamente informato. La sua rabbia è cieca, nei confronti di Dar Adal. Ma sarà quella stessa cecità a renderla più trasparente: quando arriva il momento di incastrare Dar, la Keane si mostra fin troppo gentile e questo insospettisce l’uomo. Dopotutto, stiamo parlando di un Machiavelli ingegnoso e spietato come pochi, che agisce nell’ombra e incurante di ogni limite.

La vendetta di Quinn

Peter Quinn è tornato. Ma la sua rabbia sarà l'inizio o la fine?

Nello scorso episodio, “Paranoia”, abbiamo assistito alla morte di Astrid per un terribile corso degli eventi. Il volto di Peter Quinn si è trasformato in quello dell’assassino mercenario che era stato. La sua furia contro Dar Adal riporta Quinn sulla strada di Carrie. E nulla è più spaventoso di un uomo folle che non ha più nulla da perdere. Ma sarà Quinn l’elemento chiave che fermerà Dar Adal? 

L’America di Homeland è un America che spia i propri cittadini, manipola le loro opinioni, devia le loro decisioni. La serie gioca con alcune verità e altre finzioni, lasciandoci chiedere a noi stessi se non è davvero così che funziona davvero il mondo socio-politico.

Il gran finale si avvicina. Il prossimo appuntamento con Homeland è lunedì alle 21.00 su FOX!

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.