FoxCrime       

Speciale Serie TV: ecco 85 serie legal tutte da vedere e rivedere

di -

Da Perry Mason ad Ally McBeal, da Matlock a Boston Legal, passando per The Good Wife e The Practice: ecco 85 serie legal tutte da scoprire nel nostro speciale dedicato alla legge in TV.

Le regole del delitto perfetto: Viola Davis

193 condivisioni 3 commenti 5 stelle

Share

Non solo drama. In questa selezione ho inserito anche commedie, vere e proprie sitcom, serie drammatiche con marcati aspetti "legal". Titoli consigliati, da recuperare - alcuni inediti in Italia, molto pochi, ma comunque reperibili in DVD.

Uno speciale dedicato a uno dei generi più amati e sfruttati dal piccolo schermo, forte di personaggi indimenticabili nel corso dei decenni - da Perry Mason ad Alicia Florrick, da Patty Hewes a Denny Crane, da Jack McCoy a Ally McBeal, da Ben Matlock a Harvey Specter.

Un lungo viaggio nella storia della TV, dagli anni '50 a oggi. Per scoprire e riscoprire titoli che vi faranno perdere la testa, se vi piacciono le serie legal.
Dalla A alla Z...

1. 100 Centre Street

La serie 100 Centre Street

L’indirizzo è quello del Tribunale della Corte Suprema di New York, a Manhattan.

La firma è quella del grande Sidney Lumet, e i volti quelli di Alan Arkin e Bobby Cannavale (fra gli altri). Anche solo una di queste ragioni sarebbe sufficiente per vedere questo grande legal drama, prodotto per 2 stagioni. E io ve ne ho appena date tre…

2. Ally McBeal

Ally McBeal: Calista Flockhart con Tina Turner

Il mondo visto attraverso gli occhi di un’avvocatessa alla ricerca dell’amore, nello studio legale più pazzo della città fra allucinazioni, musica e risate. Una serie ricchissima di personaggi improbabili e di cause legali bizzarre.

Con Calista Flockhart, Lucy Liu, Peter MacNicol, Courteney Thorne-Smith e tanti altri. Un cult imperdibile.

3. Al banco della difesa

I casi più complessi, delicati e scottanti finiscono tutti nelle mani dello stesso avvocato: Clinton Judd (Carl Betz), che lavora a Houston ma segue clienti in tutti gli Stati Uniti.

Mentre ci stupisce con la sua bravura e le sue intuizioni, addestra un giovane avvocato, Ben Caldwell (Stephen Young), che dimostra un prezioso alleato in molte cause. Trasmessa fra il 1967 e il 1969 da ABC, con prestigiose guest star (Ron Howard, Robert Duvall, Richard Dreyfuss…).

4. Accused

Due stagioni, per un totale di 10 episodi, incentrati su altrettanti casi giudiziari con un punto di vista specifico: quello sulle implicazioni relative alle vite degli imputati e dei loro cari. Michael Maloney interpreta il Giudice, mentre Jimmy McGovern - fra i più prolifici autori TV britannici - costruisce casi complessi che facciano appassionare i telespettatori. Un gioiello del piccolo schermo.

5. Avvocati a Los Angeles

L.A. Law: Avvocati a Los Angeles

Pluripremiata, fra Emmy Awards e Golden Globes, la serie del grande Steven Bochco (NYPD Blue) racconta i casi affrontati dai soci di un prestigioso studio legale di Los Angeles.

Prodotta per 8 stagioni, la serie ha visto diversi avvicendamenti nel cast senza mai rimanerne danneggiata. Soprattutto grazie ai temi attuali (dalle dipendenze all’omosessualità, dalla politica al razzismo) trattati con grande attenzione. Fra i protagonisti ricordiamo Jimmy Smits, Blair Underwood, John Spencer e Susan Dey.

6. Avvocati a New York

Avvocati a New York
Raising the Bar: Avvocati a New York

Solo 25 episodi sono stati prodotti e trasmessi, ed è un vero peccato: la serie era davvero interessante e i protagonisti tutti perfetti.

Mark-Paul Gosselaar, J. August Richards, Gloria Reuben: interpreti che avevano dato spessore agli avvocati che interpretavano, divisi fra avvocati d’ufficio che vogliono cambiare il mondo e saggi giudici pronti a ridimensionarli. Dietro le quinte, Steven Bochco.

7. Le avventure di Bailey

L’avvocato di Londra Horace Rumpole (Leo McKern) ci accompagna per molti anni (fra il 1978 e il 1992, con delle pause) con la sua serie ispirata alla vita professionale del vero avvocato John Mortimer, creatore di storie appassionanti.

Consigliata a tutti, ma soprattutto a chi ha un debole per le serie TV britanniche.

8. Avvocati alla prova del fuoco

Negli Stati Uniti andò in onda fra la fine degli anni ’60 e l’inizio dei ’70, con grande successo nonostante una sola stagione di 25 episodi. La ragione? Semplice: l’idealismo dei protagonisti, studenti che non possono ancora esercitare e che fanno pratica legale grazie al procuratore David Barrett (Lee J. Cobb).

Quando i giovani che vogliono cambiare il mondo si scontrano con la realtà, solo qualcuno dotato di grande esperienza e tanto buonsenso può evitare che gettino la spugna… Nota in Italia anche come Giovani avvocati, la serie è uno spaccato sulla società dell’epoca e sui sogni infranti. Meritevole.

9. American Crime Story - Il caso O.J. Simpson

La prima stagione del capolavoro legal prodotto da Ryan Murphy ci ha regalato interpretazioni da brivido, ricostruzioni fedelissime del “processo del secolo” contro l’ex campione di football O.J. Simpson e immagini di repertorio indimenticabili.

Sarah Paulson, Cuba Gooding Jr. e Courtney B. Vance - insieme a John Travolta e David Schwimmer - sono le star di una serie che non si limita a raccontare i fatti: ricostruisce alla perfezione il clima sociale dell’epoca.
Tesissimo, come la serie.

10. Anna Winter - In nome della giustizia

Serie tedesca in cui la dottoressa Anna Winter (Alexandra Neldel) guida un team di avvocati specializzati nel riesaminare vecchi casi in cui l’accusa ha commesso qualche errore, mandando in prigione un innocente. Ambientata a Berlino, amatissima in patria, è un titolo valido e permette di conoscere a fondo il sistema legale tedesco - opportunità che le serie TV offrono raramente.

11. Billions

Billions
Billions

Non è “puramente” legal, ma uno dei due protagonisti è un procuratore. E cerca d’incastrare l’altro (un milionario) attraverso la legge.

Due grandissimi attori, Paul Giamatti e Damian Lewis, si fronteggiano in una serie carica di colpi di scena, in cui non sempre - da telespettatore - finisci per fare il tifo per i “buoni”. Ed è proprio questo il bello: Billions ti costringe a interrogarti, continuamente, sui limiti legali che i potenti non dovrebbero mai superare e che la legge non dovrebbe mai manipolare per ottenere i suoi scopi. Il fine giustifica i mezzi? Sì, per entrambi i protagonisti. Su schieramenti opposti. Una serie maestosa.

Da vedere tutta d’un fiato (2 stagioni, finora. La terza arriverà il prossimo anno).

12. Better Call Saul

A volte, l’allievo supera il maestro. Forse non è questo il caso, ma quantomeno siamo a pari merito: lo spinoff di Breaking Bad non delude, anzi.

Le avventure - legali e personali - di Jimmy McGill (l’impeccabile Bob Odenkirk) non hanno nulla da invidiare a quelle di Walter White. Fra nuovi inizi, parenti ingombranti e amori difficili, Better Call Saul è all’altezza delle aspettative. Da vedere subito.

13. Boston Legal

Boston Legal: James Spader è Alan Shore

Due straordinari avvocati - interpretati da due straordinari attori, William Shatner e James Spader - ci intrattengono con le loro bizzarrie e i casi (anche parecchio strambi) di cui si occupano. Una serie geniale, divertente, affollata da personaggi che lasciano il segno.

Uno dei migliori legal drama (e non solo drama…) mai visti in TV. Assolutamente da recuperare, se ve la siete persa. Denny Crane!

14. Il cliente

Un cast di alto livello (JoBeth Williams, John Heard, Ossie Davis, Harry Lennix) per la versione televisiva - dopo il successo cinematografico dell’anno precedente con Susan Sarandon - del romanzo di John Grisham: Il cliente.

Tentativo riuscito a metà, vista la cancellazione dopo una sola stagione. Un’occasione un po’ sprecata, forse, ma io ne consiglio la visione a chi ha già conosciuto e amato la storia narrata da Grisham.

15. I casi di Rosie O’Neill

Sharon Gless, indimenticabile detective di New York, New York, è un difensore d’ufficio. Affronta con difficoltà la vita separata dal marito, che l’ha tradita, e si barcamena fra vita privata, analista e tribunale.

Ha lasciato il suo precedente e più redditizio lavoro in uno studio legale per difendere chi non può permettersi di assumere un bravo legale. Insieme al suo capo Ben (Ron Rifkin) combatte ogni giorno per la giustizia.

Due stagioni e un meritatissimo Golden Globe alla straordinaria protagonista.

16. Le cause dell’avvocato O’Brien

Molti identificano Peter Falk con il solo ruolo televisivo di Colombo, ma prima ci fu anche altro.

Ci fu Daniel O’Brien, nel 1965, a difendere i suoi clienti in tribunale, a mettersi nei guai in aula per poi risolvere brillantemente e a citare continuamente Shakespeare. La serie è datata, certo, ed è composta da una sola stagione. Ma per un avvocato così, vale davvero la pena di fare un salto indietro nel tempo.

17. Canterbury’s Law

Canterbury's Law: Julianna Margulies

Cancellata dopo appena 6 episodi, la serie merita la nostra attenzione per i protagonisti: Julianna Margulies, prima di vestire i panni dell’avvocato Alicia Florrick, interpreta Elisabeth Canterbury - detta Beth - un’avvocatessa che si trasferisce a Providence dopo la tragica morte del figlio.

Insieme al marito Matthew (Aidan Quinn), che insegna legge, Beth riesce a trovare un nuovo scopo nella vita e a travolgere tutti - giudici, colleghi, clienti - con la sua personalità. Un grandissimo peccato, averla avuta per così poco.

18. Century City

Century City: il cast
Il cast di Century City

Nel lontano 2004, prima di indossare i panni di Annalise Keating, Viola Davis aveva vestito quelli di Hannah Crane in questo insolito mix di legal e fantascienza.

La storia? Eccola: uno studio legale si occupa di casi riguardanti clonazione, crimini virtuali, manipolazione genetica e altri reati “futuristici” in un futuro non troppo lontano. Prodotto interessante (nel cast anche Nestor Carbonell e Hector Elizondo), purtroppo non capito dal pubblico abbastanza da andare oltre la prima stagione.

19. Civil Wars

Prodotta da Steven Bochco, questa serie dei primi anni ’90 ruota attorno alle “guerre civili” portate in uno studio legale di New York da coppie in procinto di divorziare.

Casi delicati fra gelosie, tradimenti, ripicche e affidamento dei figli fanno da sfondo alle vite private dei legali. Nel cast Alan Rosenberg, Peter Onorati e Mariel Hemingway. Grandi potenzialità, forse non comprese appieno dal pubblico di allora. Due stagioni per un totale di 36 episodi.

20. Close to Home - Giustizia ad ogni costo

Close to Home
Close to Home - Giustizia ad ogni costo

Annabeth Chase (Jennifer Finnigan), mamma da poco, torna al lavoro nell’ufficio del procuratore per perseguire i criminali.

Scoprirà, suo malgrado, che non tutti quelli che si nascondono nel vicinato, sotto l’apparenza di persone comuni, possono essere fermati in tempo. E dovrà fare i conti con il suo nuovo capo, Maureen (Kimberli Elise), che sembra intenzionata a complicarle la vita… 2 stagioni ricche di casi appassionanti. Ne avrei visti volentieri altri.

21. Criminal Justice

Ben Coulter (Ben Whishaw) è accusato di un crimine che non ricorda di aver commesso. Era ubriaco e aveva fatto uso di droghe, e si ritrova catapultato in un incubo.

Juliet MIller (Maxine Peake) accoltella il marito violento, per difendersi, e deve fare i conti con le ingiustizie del sistema legale. Due casi per due stagioni di un grande legal drama britannico, che non ha paura di mettere in mostra le contraddizioni e le falle del sistema. Consigliatissima.

22. Conviction

Da non confondere con Law & Order: Conviction (tramessa come “Conviction” per provare ad attirare un pubblico diverso e prontamente cancellata), la serie racconta la storia di Hayes Morrison (Hayley Atwell), figlia dell’ex Presidente degli Stati Uniti che inizia a lavorare per il procuratore di New York. Ma non è semplice, perché il procuratore - Conner Wallace (Eddie Cahill) è anche il suo ex fidanzato e il motivo per cui Hayes deve lavorare per lui è un ricatto. Puro e semplice.

Così, Hayes si unisce al team che indaga su casi di persone ingiustamente condannate. Cancellata dopo una stagione, avrebbe avuto ancora molto da dire. Ma la dura legge dell’audience ha mietuto un’altra vittima innocente…

23. Crown Court

Un altro grande classico della TV inglese, amatissima dal pubblico e prodotta per la bellezza di 13 stagioni. La particolarità? Eccola: i casi giudiziari che affronta sono così complessi (e ben studiati) da non poter essere risolti in un solo episodio. Così, a ciascuno di essi ne vengono riservati tre: tre episodi per un caso. Peter Wheeler, Joseph Berry e Richard Colson, fra gli altri, ci accompagnano in un lungo viaggio attraverso il sistema legale britannico, da casi civili a drammatici casi penali.

Fra le moltissime guest star, attori molto amati: Colin Firth, Ben Kingsley, Brian Cox, Robert Powell…

24. Damages

Glenn Close e Rose Byrne, prima alleate e poi nemiche, si sfidano a suon di ricatti, vendette e complotti in uno dei legal drama più emozionanti di sempre. Per raccontarci come i più grandi avvocati - a cominciare da Patty Hewes (la Close) - nascondano i crimini peggiori per fare carriera. 5 stagioni con un grandissimo cast e un’infinità di sorprese. Epocale.

25. Dirty Sexy Money

Non è un legal classico, ma il protagonista è un avvocato e la legge è al centro della narrazione: Nick George (Peter Krause) finisce a lavorare per Patrick Darling (Donald Sutherland), l’uomo più in vista della città nonché capo della famiglia più ricca. Andando contro a tutto ciò in cui crede, Nick finirà per scoprire quanto siano seducenti i soldi. Per quanto sporchi possano essere.

Ingiustamente cancellata dopo 2 ottime stagioni.

26. Difesa a oltranza

Serie degli anni ’70 con Arthur Hill, Lee Majors (sì, lui: L’uomo da 6 milioni di dollari) e Tim Matheson incentrata sul lavoro di un avvocato californiano e dei suoi associati.

Ancora una volta, l’avvocato di successo - sullo sfondo della splendida Santa Barbara - insegna ai suoi giovani aiutanti a interpretare la legge, a usarla nel modo più utile ai clienti e a superare l’impressione di essere impegnati in una guerra che non si può vincere: quella per la giustizia. Fra le guest star, una sfilza di attoroni. Da Farrah Fawcett a Mark Hamill, da Sharon Gless a John Travolta.

27. Drop Dead Diva

Drop Dead Diva

Deb Dobkins (Brooke Elliott) è una ragazza molto bella, che ha deciso di basare il proprio successo solo sulla bellezza. A un passo dalla realizzazione del suo sogno, convolare a nozze col fidanzato Grayson Kent (Jackson Hurst), avvocato, muore in un incidente. Ma visto che ha vissuto in modo così superficiale da non sapere se deve andare in Paradiso all’Inferno, viene rimandata sulla Terra nel corpo di Jane Bingum, avvocatessa sovrappeso anche lei morta da poco.

Lavorando nello studio legale insieme a Grayson, Deb dovrà fare tre cose: imparare a fare l’avvocato, riconquistare il suo fidanzato e superare i propri pregiudizi. Magari, guadagnandosi il Paradiso…

28. Due avvocati nel West

Una stagione sola, tramessa nel 1967 e alla fine del decennio in Italia, per raccontare la storia di John Mills e Sean Garrison nei panni di due avvocati nell’America del vecchio West. Il pubblico non apprezzò particolarmente il tentativo di coniugare il classico legal drama con il western, genere molto amato negli Usa, e la serie venne cancellata dopo 13 episodi.

Ma per me, che ho avuto modo di studiarla, rimane molto interessante da vedere: un esperimento inconsueto, che sicuramente oggi avrebbe un esito diverso…

29. Divisi dalla legge

1991, una stagione e due star: Lauren Holly e David Andrews. I due interpretano un avvocato difensore e un procuratore abituati a scontrarsi in aula e a lavorare con metodi opposti.

Lui, alla difesa, si serve di mezzi non convenzionali e comportamenti che a volte il giudice considera oltraggiosi mentre lei, all’accusa, segue le regole alla lettera. La combinazione per l’avvocato perfetto, però, è il mix dei due… Cancellata perché le grandi potenzialità non furono sfruttate a dovere ma resta un esperimento interessante.

30. Danni Lowinski

Ci sono due serie legal dallo stesso titolo. Quella che consiglio io è del 2013 ed è - caso più unico che raro - il remake olandese di una serie americana meno riuscita.

Ecco la storia: Danni Lowinski, parrucchiera, si trova in gravi difficoltà. Per tirarsi fuori dai guai, e per guadagnare i soldi necessari, decide di diventare avvocato. Apre uno studio in un centro commerciale, attirando clienti d’ogni genere e occupandosi dei casi più disparati. Divertente. E molto inusuale.

31. Due come noi

Due come noi
Due come noi

William Conrad dà vita per 5 stagioni all’immortale personaggio di Jason “Fatman” McCabe, avvocato specializzato nella risoluzione dei casi più complessi grazie all’aiuto del suo investigatore, Jake Styles (Joe Penny).

Una coppia di personaggi bene assortita per una serie riuscita e condita dall'ironia al punto giusto.

32. The Defenders

Da non confondere col recente titolo di Netflix incentrato su 4 supereroi, la serie del 2010 con James Belushi e Jerry O’Connell, nonostante i moltissimi commenti positivi e l’apprezzamento del pubblico, ha avuto vita breve. Una stagione sola, ma davvero divertente. I due protagonisti vestono i panni di un’improbabile coppia di avvocati difensori che esercitano a Las Vegas e s’inventano le strategie più assurde e bizzarre pur di vincere le loro cause.

Guest star di grande interesse, da James Brolin a Jim O’Brien, da Robert Pine a Erik Palladino.

33. Eli Stone

Jonny Lee Miller è Eli Stone

Jonny Lee Miller è un attore che difficilmente non si apprezza. Sia che vesta i panni di Sherlock Holmes in Elementary, sia che indossi quelli dell’avvocato Eli Stone, professionista di San Francisco che inizia a soffrire di allucinazioni e scopre di avere un aneurisma cerebrale.

Deciderà di seguire le proprie visioni, accettando casi insoliti che gli fanno guadagnare pochissimi soldi ma tantissimi “punti karma”… Divertente, sfavillante, imperdibile.

34. Fairly Legal

Sarah Shahi interpreta Kate Reed, avvocato che lascia lo studio legale ereditato dopo la morte del padre per diventare un mediatore, nel tentativo di alleggerire il carico di lavoro dei tribunali e di impedire alla gente di rovinarsi con le parcelle dei loro legali. Michael Trucco veste i panni di Justin Patrick, il suo ex marito, impiegato nell’ufficio del procuratore di San Francisco.

Sebbene i due abbiano deciso di divorziare, il loro rapporto sembra destinato a durare per sempre… Brillante serie che mescola legal drama, romance e commedia in modo efficace. Due stagioni. 

35. Fearless

Emma Banville (la bravissima attrice Helen McCrory), avvocato per i diritti civili, è fermamente convinta che tutti abbiano diritto a un giusto processo e a una difesa di qualità. Così decide di accettare una serie di casi che i suoi colleghi considerano cause perse. Come la difesa di Kevin Russell, condannato per l’omicidio di una ragazzina.

Una serie appassionante, idealista, inglese in tutto e per tutto. Consigliatissima.

36. Franklin & Bash

Breckin Meyer e Mark-Paul Gosselaar sono gli avvocati Jared Franklin e Peter Bash, amici di vecchia data, colleghi e uomini completamente diversi.

Se Franklin vanta una tradizione famigliare (il padre è un avvocato molto famoso) e un carattere ribelle (ama le feste e scatena risse con fin troppa facilità), Bash è calmo e posato. E cerca di riconquistare Janie, la fidanzata con cui ha rotto e che si è accorto di amare ancora.

Quattro stagioni divertenti, che meritano di essere viste.

37. Goliath

David E. Kelley, garanzia di qualità in fatto di legal drama, cuce il personaggio di Billy McBride addosso al suo maestoso interprete, Billy Bob Thornton. Billy è un avvocato caduto in disgrazia, fino a quando s’imbatte in un caso che potrebbe cambiargli la vita, riabilitarlo e fargli avere vendetta sullo studio legale che l’ha licenziato. Nel cast William Hurt, Maria Bello e Nina Arianda. Una serie assolutamente da non perdere.

38. Giudice Amy

L’adorabile Amy Brenneman interpreta un giudice specializzato in questioni famigliari, con una particolare attenzione per i minori. Dopo essersi trasferita da New York al Connecticut, Amy Gray si divide fra  il lavoro e la famiglia, prendendosi cura di sua figlia e cercando di smorzare i contrasti con sua madre…

Ben 6 stagioni, tanti premi e la bellezza di 3 nomination ai Golden Globes. Una serie che affronta con delicatezza, ma non con superficialità, tematiche delicate. Molto gradevole.

39. Giudice di notte

Una sitcom di culto prodotta per ben 9 stagioni ci racconta le esilaranti avventure del giudice Harry T. Stone (Harry Anderson), dei pubblici ministeri e degli avvocati difensori alle prese con casi sempre più bizzarri, che richiedono soluzioni altrettanto bizzarre.

Un cast azzeccatissimo (Richard Moll, John Larroquette, Markie Post…) per una serie davvero divertente, adatta a tutti. Assolutamente da recuperare.

40. The Good Wife

Uno dei migliori legal drama di sempre racconta il ritorno all’avvocatura di Alicia Florrick (Julianna Margulies) dopo 15 anni passati a fare la moglie e la madre, ma soprattutto dopo lo scandalo che coinvolge il marito Peter (Chris Noth), procuratore. Fra politica e legge, Alicia si destreggia nello studio legale in cui un suo ex compagno di Università la assume. Cambiandole la vita.

Interpreti straordinari e personaggi memorabili. Da vedere e rivedere, per tutte le sue 7 stagioni.

41. The Good Fight

Già rinnovato per la seconda stagione, perché la prima di questo spinoff di The Good Wife ha raccolto consensi fin dal principio.

Diane Lockhart (Christine Baranski) e Lucca Quinn (Cush Jumbo) continuano il lavoro iniziato nell’ultima stagione della serie con Julianna Margulies. Accanto a loro, tanti nuovi personaggi. Stessi autori della serie originale, garanzia di qualità.

42. The Guardian

The Guardian
The Guardian

Simon Baker dà vita all’intenso personaggio di Nick Fallin, un avvocato che, per evitare una condanna molto più grave per droga, deve passare un periodo di tempo a lavorare come difensore d’ufficio per i servizi sociali, in particolare occupandosi di casi relativi ai minori. Lasciando il prestigioso studio di Pittsburgh del padre, Nick imparerà a guardare il mondo attraverso occhi nuovi.

Tre stagioni, ma ne avremmo viste volentieri di più.

43. Giuste sentenze

L’avvocato inglese Charles Wright (Tom Conti) inizia a lavorare a New York, con l’aiuto dell’infallibile assistente Lydia (Aida Turturro, la Janice dei Soprano) e dall’investigatrice privata Sandy Amor (Margaret Colin).

Nonostante il gradimento del pubblico e la prestigiosa firma dietro le quinte (il creatore è Dick Wolf), la serie venne cancellata dopo la prima stagione, trasmessa nel 1995. Un gran peccato, il mancato rinnovo.

44. Harry’s Law

Harry's Law: Kathy Bates
Kathy Bates in Harry's Law

L’attrice premio Oscar Kathy Bates (premiata anche con un Emmy per questo ruolo) veste i panni di Harriet Korn, detta Harry, che perde il lavoro. Si mette in proprio e apre uno studio legale con i suoi metodi “non convenzionali”, gli stessi che le sono costati il posto, occupandosi dei casi più disparati.

Nonostante una grande interprete e un grandissimo autore (David E. Kelley), abbiamo ereditato soltanto due stagioni. La buona notizia è che, se la prima è composta da 12 episodi, quelli della seconda sono 22: c’è abbastanza materiale da recuperare, e ne vale assolutamente la pena!

45. In tribunale con Lynn

La storia è quella di uno studio legale specializzato in diritto di famiglia, con una particolare attenzione per l’avvocato Lynn Holt (Kathleen Quinlan).

Serie gradevole, prodotta per 3 stagioni e con un cast di tutto rispetto (Christopher McDonald, Tony Danza, Michelle Horn…).

46. In Justice

La coppia d’oro formata da Michelle e Robert King firma questa serie ingiustamente cancellata dopo una sola stagione, nel 2006.

David Swain (il grande Kyle MacLachlan), avvocato di grande esperienza, fonda il National Justice Project per aiutare tutti coloro che il sistema ha fatto ingiustamente condannare. Lo aiuta Charles Conti (Jason O’Mara), ex poliziotto e ora prezioso investigatore. Grande cast, grande serie. Inspiegabilmente, solo 13 episodi.

47. Justice - Nel nome della legge

Legal drama britannico del 2011 incentrato sui personaggi del Giudice Patrick Coburn (Robert Pugh) e dei casi affrontanti nella sua aula.

Grandissimo stile, grandi interpreti… E solo 5 episodi, per una stagione. Consideriamola una miniserie degna di nota…

48. The Jury

The Jury
Cote de Pablo in The Jury

Prima di vestire i panni di Ziva David in N.C.I.S., Cote de Pablo ha fatto parte del cast di questa serie insieme ad Adam Busch e Jeff Hephner.

Dodici giurati discutono il verdetto da emettere in un tribunale di New York, barcamenandosi fra accusa, giuria, giudice e testimoni. Gran bella atmosfera, probabilmente perché a crearla c’era nientemeno che Barry Levinson (Oz, Donnie Brasco)…

49. JAG - Avvocati in divisa

JAG: il cast

Nel 1995 Donald P. Bellisario fa debuttare in TV una serie destinata a fare storia con le sue 10 stagioni, i suoi numerosissimi premi e il suo amatissimo spinoff (N.C.I.S.).

Harmon Rabb (David James Elliott), ex pilota della Marina, lavora insieme ai suoi colleghi avvocati (fra i quali spicca Sarah MacKenzie, interpretata dalla sempre brava Catherine Bell) nella corte che si occupa dei casi relativi alla Marina degli Stati Uniti. Ritmo, azione e un’infinità di casi interessanti sono il segreto del successo di questa serie fondamentale per gli amanti del legal drama.

50. Just Cause

Alexandra DeMonaco (Elizabeth Lackey), mamma amorevole e cittadina modello, viene arrestata. Il motivo? Un crimine commesso da suo marito, che aveva messo in piedi una grossa truffa assicurativa, procurandole una condanna a 5 anni di prigione. Rilasciata sulla parola, Alexandra trova impiego presso uno studio legale, determinata a provare la sua innocenza e a essere risarcita per la vita che le hanno rovinato…

Una sola stagione, con una trama interessante che avremmo gradito vedere sviluppata più a lungo.

51. Julien Fontanes, magistrato

Nel 1980 Jacques Morel debutta nei panni del giudice Julien Fontanes, che vestirà per i successivi 9 (con soli 25 episodi, però) in una serie di film per la TV “spacciati” per una serie tradizionale (alla Sherlock, insomma) incentrata su casi molto specifici: quelli in cui è stata concessa la clemenza della Corte…

52. Kevin Hill

Kevin Hill
Il cast di Kevin Hill

Il sempre bravo Taye Diggs è l’avvocato Kevin Hill, scapolo impenitente e uomo votato al successo, la cui vita viene stravolta. Quando suo cugino muore, lasciando orfana la figlioletta Sarah, l’unico parente che può occuparsi di lei è Kevin. Che dovrà rivedere le sue priorità, le sue abitudini e soprattutto le sue aspirazioni.

Nel cast anche Christina Hendricks, Jon Seda e Patrick Breen.

53. Kingdom

Il grande attore inglese Stephen Fry è Peter Kingdom, avvocato titolare di un piccolo studio legale nella cittadina di Norfolk. Insieme all’assistente praticante Lyle (Kyle Davies) e alla segretaria Gloria (Celia Imrie) si occupa quotidianamente di casi bizzarri mentre si trova a dover gestire anche la sorella Beatrice (Hermione Norris) e a investigare sulla misteriosa scomparsa del fratello Simon.

Tre deliziose stagioni - prodotte fra il 2007 e il 2009 - tutte da recuperare.

54. Kavanagh QC

Altra serie britannica, altro prodotto di culto del piccolo schermo. Sei stagioni per raccontarci la vita quotidiana dell’avvocato James Kavanagh (John Thaw) fra il tribunale e la famiglia.

Episodi ricchi di colpi di scena (di solito relativi alle storie dei clienti di Kavanagh). Inedita in Italia, ma disponibile in DVD per gli appassionati di serie inglesi in ambito legale. Un grande protagonista per grandi storie.

55. Law & Order

La serie che ha rivoluzionato il concetto di legal e di police drama, mescolando due dei generi più amati e fortunati del piccolo schermo. Dalle indagini su un crimine all’arresto del colpevole, fino al processo e alla condanna: tutto l’iter investigativo e legale che coinvolge casi sempre ben costruiti.

Una serie storica, dalla quale sono “passati” moltissimi volti noti del cinema e della TV nell’arco dei suoi vent’anni di produzione. Un must.

56. Law & Order: S.V.U.

Sicuramente il più riuscito fra gli spinoff di Law & Order, sia grazie agli interpreti (i premiatissimi Mariska Hargitay e Christopher Meloni) che grazie alla delicatezza con qui vengono trattati i casi dell’Unità Vittime Speciali, particolarmente difficili da affrontare perché legati a violenze contro minori e donne. In nome degli indifesi e degli emarginati, vittime dei più odiosi fra i crimini, si ergono due detective che vogliono solo una cosa: ripulire il mondo dai mostri che lo abitano.

57. Law & Order: Criminal Intent

Come nel caso di S.V.U., anche Criminal Intent (C.I.) deve il suo successo ai protagonisti. Vincent D’Onofrio, camaleontico e ipnotico protagonista, è affiancato da Kathryn Erbe nel delicato processo di ricostruire le intenzioni criminali dei sospettati per consegnarli a una giustizia che li giudicherà più duramente del dovuto, proprio per la loro volontà di nuocere…

58. Made in Jersey

New York, prestigioso studio legale, concorrenza spietata. Martina Garretti (Janest Montgomery), avvocatessa (di chiare origini italo-americane) alle prime armi si scontra con gli spocchiosi colleghi con i suoi modi “alla buona” e la sua travolgente personalità.

Divertente, con una protagonista insolita. Se siete alla ricerca di qualcosa di diverso dal solito.

59. Michael Hayes

L’amatissimo David Caruso di NYPD Blue e di C.S.I.: Miami veste i panni di un ex poliziotto che inizia a lavorare nell’ufficio del Procuratore di New York. Dopo l’attentato che mette fuori gioco il suo capo, Hayes diventa sostituto procuratore della città e scopre di avere molti nemici. Nemici potenti e ben organizzati.

Due stagioni, un grande cast (Philip Baker Hall, David Cubitt, Peter Outerbridge) e un bizzarro titolo italiano: Michael Hayes indaga.

60. Matlock

L’unico, vero concorrente di Perry Mason al titolo di avvocato più amato della TV è lui: Ben Matlock, interpretato da un grande Andy Griffith.

Matlock è l’avvocato difensore che ogni criminale (innocente) vorrebbe: nonostante la parcella astronomica (assumerlo costa intorno ai centomila dollari… e la storia inizia negli anni ’80!), non sbaglia un colpo. Soprattutto perché, grazie alle sue abilità di investigatore, riesce sempre a trovare il vero colpevole del crimine di cui è accusato il suo cliente.

Nove stagioni, una pioggia di premi, l’inconfondibile completo bianco e una specializzazione in omicidi. Il top dei top.

61. Murder One

Interessantissima serie in 2 stagioni e con 2 protagonisti (prima Daniel Benzali e poi Anthony LaPaglia) nei panni dell’avvocato penalista Theodore Hoffman e dell’assistente procuratore Jimmy Wyler che rileva il suo studio. La prima stagione ricostruisce con una grande attenzione alla sceneggiatura il caso dell’omicidio di una ragazzina, di cui viene incolpato il famoso attore Neil Avedon (Jason Gedrick).

Nella seconda stagione i casi trattati sono 3.

Grandissimi interpreti (Stanely Tucci, Vanessa Williams, Mary McCormack, Dylan Baker…) e una firma che fa da garanzia: quella di Steven Bochco.

62. Le nuove avventure di Perry Mason

Userò il celebre “forse non tutti sanno che…” per parlarvi di questa serie degli anni ’70 - 15 episodi in totale - pensata come sequel della celeberrima serie.

Qui, invece, nei panni dell’avvocato più famoso del piccolo schermo c’è Monte Markham (Hawaii Squadra Cinque Zero). Inedita in Italia e consigliata esclusivamente ai super-fan di Perry Mason.

63. Notorious

Josh Berman e Allie Hagan creano questa serie in cui un avvocato difensore e un potente produttore televisivo uniscono le forze per gestire i media che si interessano di importanti casi legali. Julia George (Piper Perabo) si occupa degli aspetti legali e il suo amico Jake Gregorian (David Sunjata), il produttore, la aiuta con l’esposizione mediatica dei suoi clienti.

Nel cast anche J. August Richards (sì, fa capolino in parecchie serie legali, dopo essere diventato “avvocato” per la Wolfram & Hart in Angel…).

64. I novellini

Wall Street. Lo studio legale Bass & Marshall assume tre avvocati alle prime armi, che si destreggiano come meglio possono. James L. Brooks (I Simpson per la TV, Qualcosa è cambiato e tanti altri titoli di successo per il cinema) crea, scrive e produce.

Nel cast Martin Short, Alley Mills e Ti Thomerson. Un gioiellino del piccolo schermo, sitcom vivace e riuscita. Anche questa, inspiegabilmente cancellata dopo la prima stagione (che risale al 1979).

Chicca per veri intenditori.

65. North Square

Peter Moffat (The Night Of, Criminal Justice) crea questa serie in 10 episodi per Channel 4.

Siamo nello Yorkshire, dove alcuni giovani e ambiziosi avvocati cercano di farsi strada per lasciare il segno, sotto la guida del loro capo, il maniaco del lavoro Peter McLeish (Phil Davis).

Nel cast Kevin McKidd (sì, il dottor Hunt di Grey’s Anatomy), Dominic Rowan e Rupert Penry-Jones. Sceneggiatura e interpretazioni di altissimo livello. Inedita in Italia, ma disponibile in DVD e consigliatissima.

66. Palazzo di giustizia

Serie TV degli anni ’70 (titolo originale: Crime of Passion) con Daniel Moynihan, Anthony Newlands e John Phillips prodotta per 4 stagioni.

La produzione è britannica ma la serie è ambientata in Francia e ruota attorno ai processi per omicidi passionali. Un capolavoro dell’epoca, creato da Ted Willis (Taxi!) e raccomandato agli amanti della TV di alto livello.

67. Sweet Justice - Per amore della legge

Il cast di Sweet Justice

1994. Kate Delacroy (Melissa Gilbert), dopo la laurea in legge, viene assunta dallo studio legale di un’attivista per i diritti civili, con grande disappunto del padre - avvocato anche lui - rigido conservatore e concorrente dello studio di Kate.

Ottima sceneggiatura, interessante il contrasto etico e morale fra i due Delacroy. Il padre è interpretato dal grande Ronny Cox.

Nel cast anche Jason Gedrick e Greg Germann (Ally McBeal).

68. Petrocelli

Siamo nel 1974. Barry Newman interpreta l’avvocato italo-americano Tony Petrocelli che, dopo la laurea presso la prestigiosissima Università di Harvard, decide di esercitare nella piccola cittadina di San Remo. Inaspettatamente, si trova a dover difendere molti sospettati di omicidio: San Remo non è poi così tranquilla come si aspettava…

Nel cast anche Susan Howard e Don Starr. Due stagioni e ben 3 nomination ai Golden Globes.

69. Perry Mason

Raymond Burr dà vita all’avvocato più celebre della TV nella serie di Erle Stanley Gardner.

Nove stagioni, un Golden Globe e molti altri premi per le avventure in aula di un avvocato difensore col talento di far scagionare i suoi clienti innocenti. Trame avvincenti, colpi di scena e un grande, grandissimo interprete.

LA serie da cui partire per chi ama il genere legal.

70. Philly

Steven Bochco crea questa serie, prodotta purtroppo solo per una stagione, in cui incentrata su Kathleen Maguire (Kim Delaney), avvocato penalista che cerca di convivere con la consapevolezza che alcuni dei suoi clienti sono effettivamente colpevoli di atroci reati, ma vanno ugualmente difesi.

Interessanti riflessioni sulle implicazioni morali della professione. Accanto alla Delaney: Tom Everett Scott, Rick Hoffman e James Denton.

71. The Practice - Professione avvocati

The Practice - Professione avvocati

Il capolavoro legal di David E. Kelley, ambientato nello studio legale di Boston fondato e diretto dall’avvocato difensore Bobby Donnell (Dylan McDermott).

Otto stagioni, 3 Golden Globes,16 (sì, sedici) Emmy Award, uno spinoff (Boston Legal, altro titolo imperdibile). Un capolavoro irrinunciabile, assolutamente da vedere.

72. La parola alla difesa

Premiata con un Golden Globe e prodotta per 4 stagioni, la serie di Reginald Rose del 1961 ci racconta il lavoro di due avvocati, padre e figlio, impegnati in casi delicati.

E.G. Marshall e Robert Reed danno vita a dibattiti coinvolgenti su questioni delicate. Un classicone, di quelli da recuperare.

73. Le regole del delitto perfetto

La penalista Annalise Keating - una pluripremiata Viola Davis - si divide fra il suo lavoro per il tribunale e quello per l’Università dove insegna. Come ogni anno, seleziona un gruppo di studenti da coinvolgere nel suo lavoro di avvocato difensore.

Ma quando un omicidio coinvolge lei e i suoi studenti, le cose diventano molto complicate… Una protagonista che, anche da sola, varrebbe la visione. Ma c’è molto di più, qui: casi avvincenti, personaggi interessanti e una complicazione dietro l’altra.

Vietato perdersela!

74. Rake

Il sempre bravo Greg Kinnear veste i panni dell’avvocato Keegan Deane, difensore che sceglie i casi più difficili e pericolosi, dimostrando di avere una certa tendenza a mettersi in guai seri.

Ironia, avventura, colpi di scena. Spiace che sia stata cancellata dopo la prima e unica stagione.

75. Rectify

Rectify

Questa è probabilmente la più grande eccezione della lista, visto che la parte prettamente legale è abbastanza marginale. Ma è un gioiello del piccolo schermo e non potevo non segnalarvela: un uomo condannato per omicidio viene rilasciato sulla base di nuove prove dopo quasi vent’anni nel braccio della morte. Il sistema lo ha spezzato, e riadattarsi alla vita da uomo libero non è facile.

Soprattutto considerando che il caso in cui era coinvolto non è ancora stato chiuso…

Un protagonista in stato di grazia (Aden Young), affiancato da un ottimo cast (Abigail Spencer, J. Smith-Cameron, Clayne Crawford…).

Quattro stagioni, un ritmo volutamente lento e tanta, tanta poesia. Per palati sopraffini.

76. Ragionevoli dubbi

Prima di N.C.I.S., Mark Harmon aveva interpretato accanto al Premi Oscar Marlee Matlin il detective Dicky Cobb, poliziotto vecchio stile che lavora a stretto contatto con l’assistente procuratore Tess Kaufman (Matlin).

Robert Singer ha creato questa ottima serie, prodotta per 2 stagioni e candidata a 4 Golden Globes. Assolutamente da recuperare: non ve ne pentirete!

77. Shark - Giustizia a tutti i costi

Shark
Shark - Giustizia a tutti i costi

L'infallibile James Woods porta in TV il personaggio di un avvocato di Los Angeles che, dopo una crisi di coscienza dovuta a un tragico fatto di cronaca, cambia vita. Dopo essersi arricchito per anni, difendendo facoltosi criminali, passa dall’altra parte della barricata lavorando per la pubblica accusa

Una grande storia per un grande, grande interprete.

78. Sotto accusa

Trasmessa negli Usa fra il 1963 e il 1964, si può senz’altro definire l’antesignana di Law & Order, come indica il titolo originale Arrest and Trial.

Il mitico Ben Gazzara interpreta uno dei detective che indagano su alcuni casi per poi consegnare i colpevoli alla giustizia e farci assistere al processo.

79. Il socio

Dall’omonimo romanzo di John Grisham, e dal film con Tom Cruise, la serie che racconta la battaglia dell’avvocato difensore Mitch McDeere (Josh Lucas) contro un grosso studio legale di Memphis.

Fra persecuzioni e colpi di scena. Consigliata a tutti.

80. Scandal

Olivia Pope è a capo di uno studio legale specializzato nella difesa di clienti importanti che hanno bisogno di difendersi da scandali politici, economici e personali. La Pope - una straordinaria Kerry Washington - fonda lo studio dopo aver lasciato il lavoro alla Casa Bianca.

Ma è ancora in contatto con il Presidente. Un contatto piuttosto intimo, in effetti…

Una serie avvincente, sia per i casi legali che per le vicende personali dei protagonisti.

81. Spiral

Titolo originale: Engrenages. Serie francese ambientata a Parigi che ha la particolarità di mostrare ogni indagine su vari crimini da diversi punti di vista: quelli di un giudice, di tre poliziotti, di un pubblico ministero e di un avvocato difensore.

La serie ha debuttato nel 2005 e finora ne sono state realizzate 5 stagioni, ma è ancora in produzione (con qualche anno di pausa fra una stagione e l’altra).

82. Suits

Suits

Uno degli avvocati di grido della città (Gabriel Macht) s’imbatte in un giovane talentuoso (Patrick J. Adams) dotato di memoria eidetica che si guadagna da vivere superando i test al posto degli studenti che lo pagano.

Con una scommessa azzardata, Harvey Specter assume Mike Ross come assistente nello studio legale in cui lavora. Mike lo aiuta a risolvere i casi più complessi, mentre Harvey cerca di mantenere il segreto sulla sua vera identità.

Divertente, appassionante, carica di energia: una serie per tutti.

83. Street Legal

Pluripremiata, rinnovata per 8 stagioni (a partire dal 1987), ambientata in uno studio legale di Toronto per descrivere le vite professionali e private di un gruppo di giovani e ambiziosi avvocati.

Buon ritmo, casi interessanti, cast all’altezza delle aspettative. Buon consiglio per gli appassionati del genere.

84. Silk

Il cast di Silk

Maxine Peake è Martha Costello, avvocato in competizione con il collega Clive Reader (Rupert Penry-Jones) per il ruolo di avvocato del Commonwealth (gli avvocati della regina).

Tre stagioni, serie di altissimo livello. Da recuperare, se ve la siete persa.

85. Uomini di legge

In Italia è stata trasmessa anche col titolo di Dalla parte del più debole. 23 episodi in totale per mostrarci l’abilità dell’avvocato David Hansen (Robert Foxworth) dopo che ha scelto di cambiare vita: da membro di un esclusivo e costosissimo studio legale di Los Angeles a difensore dei deboli (di qui l’altro titolo italiano) come fondatore nel Neighborhood Legal Services per fornire assistenza legale di qualità a chi non se la può permettere.

Una stagione sola, trasmessa negli Usa nel 1970 e alcuni anni dopo anche in Italia.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.