FOX  

Prison Break Speciale Resurrection parte 3: chi è davvero Michael Scofield?

di -

Siete pronti a scoprire com'è possibile che Michael Scofield sia ancora vivo? La quinta stagione di Prison Break, in onda su FOX dall'11 settembre 2017, è pronta a svelarcelo.

11 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Mancano ormai pochi giorni al debutto della quinta e attesissima nuova stagione di Prison Break, in arrivo su FOX Italia dall'11 settembre 2017.

A sette anni dall'apparente conclusione di una delle serie televisive che ha tenuto con il fiato sospeso milioni di telespettatori in tutto il mondo, sapremo finalmente come e perché Michael Scofield è ancora vivo, sopravvivendo ad una morte praticamente certa.

In attesa di rispondere a tutti i nostri interrrogativi, in apertura del pezzo potete gustarvi la terza parte di uno speciale su Prison Break che FOX ha voluto regalare ai fan della serie TV, mostrandoci la strada che porta sino alla nuova vita di Michael Scofield e di tutte le persone che lo hanno accompagnato nelle serie precedenti di Prison Break.

Lo speciale si concentra principalmente su Wentworth Miller, l'affascinante attore che interpreta Michael Scofield, il quale ci spiega come il personaggio che lo ha reso celebre si troverà a dover affrontare un nuovo tentativo di evasione, questa volta da una prigione di Ogygia, nello Yemen, Paese nel pieno di una devastante guerra civile.

Prison Break, Michael Scofield e Lincoln Burrows

Miller ha raccontato come Michael Scofield abbia acquisito nuove abilità mortali, con una straordinaria capacità di rimanere sempre vigile. Il personaggio, secondo l'attore, è semplicemente una persona buona e con delle buone intenzioni che, tuttavia, spesso si serve di mezzi ambigui per poter raggiungere i propri obiettivi. Nella quinta stagione di Prison Break, Michael dovrà evadere con nuovi compagni di avventura che rappresenteranno la sua nuova famiglia e molto lontani dai galeotti che abbiamo conosciuto a Fox River.

La situazione verrà resa ancor più difficile dalla guerra civile in cui versa lo Yemen, con minacce che arrivano praticamente da ogni parte ed una capacità umana di fidarsi davvero ridotta all'osso. Molto interessante, come potete vedere dal video, è il ruolo dei nuovi tatuaggi di Michael Scofield, che sicuramente avranno un peso decisivo ai fini della storia, come abbiamo potuto apprezzare soprattutto in quella che è stata la prima stagione di Prison Break. Michael sarà aiutato, per la sua rocambolesca fuga dal sapore epico, da suo fratello Lincoln Burrows (interpretato da Dominic Purcell) e C-Note (Rockmond Dunbar), vecchie conoscenze di Fox River che gli appassionati, ovviamente, ricorderanno.

Prison Break, come è iniziata la storia di Michael Scofield...

Facciamo, però, un passo indietro. Come molti ricorderanno, Prison Break è una serie TV che ha debuttato in Italia nel 2006, dopo il grande successo riscontrato negli Stati Uniti. La storia comincia con la condanna a morte di Lincoln Burrows, ingiustamente accusato di aver ucciso Terence Steadman, fratello del vicepresidente degli Stati Uniti. L'uomo è rinchiuso nel penitenziario di Fox River, nell'Illinois, attendendo il giorno della sua esecuzione senza ormai alcuna speranza.

Quest'ultima gli viene però ridata da suo fratello Michael Scofield che, sicuro dell'innocenza di Lincoln, finge una rapina a mano armata in banca per farsi rinchiudere nella prigione di Fox River nell'Illinois, dove, guarda caso, si trova anche suo fratello. Fingendo di essere malato di diabete, Michael riesce ad avvicinarsi e a far innamorare di sé la bella dottoressa del carcere, Sara Tancredi (Sarah Wayne Callies), per poter accedere all'infermeria, la stanza da cui Michael intende evadere con suo fratello ed altri galeotti della prigione.

Contemporaneamente, diversi agenti sotto copertura, membri dell'organizzazione nota come la "Compagnia", mirano a far fuori sia Michael che Lincoln, prima dell'esecuzione di quest'ultimo, visto che la scoperta di una verità molto scottante sembra essere ormai certa e capace di compromettere il futuro dell'organizzazione politica di tutto il Paese. All'interno di queste scottanti dinamiche, Michael e Lincoln riescono con sei pericolosi detenuti, Fernando Sucre, Theodore "T-Bag" Bagwell, Benjamin Miles "C-Note" Franklin, David "Tweener" Apolskis, John Abruzzi e Charles "Haywire" Patoshik, ad evadere dal carcere, regalandoci un adrenalinico finale per la prima stagione di Prison Break.

Molto successo (anche se minore rispetto alla prima stagione) hanno riscosso anche le altre tre stagioni di Prison Break (e il film a conclusione della storia The Final Break), caratterizzandosi per innumerevoli avventure e peripezie. In particolare, la seconda stagione di Prison Break si è distinta anche per la presenza di William Fletchner, l'attore che ha interpretato il personaggio di Alexander Mahone, un agente federale spietato e intelligente, unica mente davvero in grado di tenere testa alla genialità di Michael Scofield in fuga per gli Stati Uniti con Lincoln. Il tutto passando da una nuova fuga carceraria dal carcere di Sona a Panama alla scoperta da parte di Michael di alcune tremende verità sulla sua famiglia, fino all'incurabile male che sembrava aver messo fine alla vita di Michael, nel frattempo ritrovatosi con Sara e diventato padre di un bel bambino.

Prison Break, perché Michael è ancora vivo?

Michael Scofield tomba, Prison Break

La quinta stagione di Prison Break ci metterà di fronte alla sconvolgente notizia di come Michael, creduto morto da tutti, sia in realtà vivo e vegeto. Ma come è possibile?

La risposta alla principale domanda di tutti i fan di Prison Break presto arriverà a tutti noi, visto che, come accennato, la serie TV è pronta a tornare l'11 settembre 2017 su FOX Italia, dopo che la notizia di questo revival (dichiaratamente ispirato all'Odissea) ha suscitato l'entusiasmo e soprattutto la curiosità di buona parte di coloro che hanno visto le stagioni precedenti di Prison Break. 

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.