FOX

[Spoiler!]

Game of Thrones, Nikolaj Coster-Waldau sul legame di Jaime e Cersei

di -

Nikolaj Coster-Waldau, l'attore che da sette stagioni interpreta Jaime Lannister in Game of Thrones, ha voluto parlare del passato e del futuro del suo personaggio. E ovviamente del rapporto con la sua amata sorella Cersei.

L'attore Nikolaj Coster-Waldau è Jaime Lannister in Game of Thrones

262 condivisioni 6 commenti 5 stelle

Share

Il cammino di Jaime Lannister, in questi sette anni di Game of Thrones, non è stato affatto semplice. L'uomo che nel season finale di quest'anno riesce finalmente a prendere la più difficile tra le decisioni, che non spoilereremo qui a beneficio di chi ancora non si è messo in pari, è distante anni luce da quell'arrogante rampollo che non esitò nemmeno un istante a spingere nel vuoto un bambino innocente per coprire la sua vergogna.

La sua superbia lo ha costretto a pagare un prezzo altissimo. La sua lunga prigionia, la perdita della sua mano destra e il dover assistere impotente alla morte dei suoi figli lo hanno profondamente cambiato. Tanto da fargli perdere la fede persino nell'unico punto fermo della sua vita: la sua amata sorella Cersei.

Jaime aveva sempre avallato le scelte scellerate dell'attuale regina del Trono di Spade. Ma, dopo averla vista sprofondare per l'ennesima volta nel labirinto della sua relatività morale, lo Sterminatore di Re non ha potuto fare altro che fare un passo indietro.

Di questa nuova fase del rapporto tra i gemelli di casa Lannister e del futuro del suo personaggio ha voluto parlare Nikolaj Coster-Waldau in una lunga intervista rilasciata a Esquire.

Penso che Jaime abbia una buona bussola morale anche se è innegabile che abbia fatto delle cose orribili. Ma in tutti questi anni ha pensato esclusivamente a compiacere Cersei. Ora vuole fare solo ciò che giusto. In questo momento combattere gli Estranei è l'unica cosa da fare. Non sarà diventato l'uomo che suo padre Tywin voleva ma, di certo, è diventato l'uomo che lui voleva essere.

Ovviamente da qui in avanti gli spoiler fioccheranno, quindi proseguite nella lettura a vostro rischio e pericolo.

Un'immagine animata di Jaime Lannister

Attenzione! Possibili spoiler!

Io non ti credo: la versione di Nikolaj Coster-Waldau

"Io non ti credo". Con queste quattro semplici parole Jaime Lannister decide di abbandonare la sua Cersei, che gli ha appena comunicato la sua decisione di infrangere la tregua appena stretta con Daenerys e l'esercito del Nord. Davanti all'ostinazione della sorella a voler proseguire con i suoi intrighi, anche con l'esercito del Re della Notte ormai alle porte, non avrebbe potuto fare altrimenti.

Per Nikolaj Coster-Waldau dover pronunciare una frase di quel genere è stato più pesante di un macigno. Per questo l'attore classe '70 ha voluto chiarire che cosa ha significato per lui dover prendere parte a questo intensissimo addio.

Quando Jaime dice a Cersei 'Io non ti credo' non vuole solo intendere che lui sia convinto che lei non lo farà uccidere da Gregor Clegane. Per me è stato più come un 'È finita, non ti amo più. Ora sei da sola'. Perché ci abbia messo così tanto a dirglielo, solo Dio lo sa ma alla fine lo ha fatto.

Quando in seguito gli viene chiesto come mai Cersei abbia esitato proprio nel momento cruciale del loro rapporto, Coster-Waldau dimostra di aver imparato a conoscere perfettamente il personaggio di Lena Headey in questi ultimi sette anni.

Penso che Cersei provi ancora dei sentimenti per Jaime. E sono convinto che una piccola parte di lei non riesca a credere a ciò che sta accadendo davanti ai suoi occhi. È sbalordita per quello che sta succedendo. Poco prima lei gli aveva detto che nessuno l'avrebbe mai abbandonata. Non riesce proprio ad accettare che Jaime si stia allontanando da lei.

Proseguendo nella chiacchierata, la star danese si sofferma su un'altra sequenza fondamentale. Dopo aver lasciato la donna della sua vita Jaime abbandona anche Approdo del Re, pronto a iniziare a scrivere un nuovo capitolo della sua storia e a combattere gli Estranei.

Jaime è fermamente convinto che sia necessario combattere contro gli Estranei. Sente che è suo dovere farlo. C'è in gioco la sopravvivenza della razza umana. Il mondo rimarrà dei vivi o sarà conquistato dai morti. Quando copre la sua mano d'oro, lo fa perché sa che dovrà accettare di avere un nuovo comandante, che sia Jon Snow o qualcun altro.

Un'immagine animata di Jaime Lannister

Dietro le linee nemiche: il viaggio di Jaime Lannister

Ma quale sarà la meta del viaggio di un uomo, la cui fama lo ha sempre preceduto in ogni angolo di tutti i Sette Regni? Che sia stato tutto un astuto trucco per sottrarsi alla battaglia imminente? Il buon Nikolaj non ne è per nulla convinto.

Penso che Jaime sia diretto a nord. O forse ci sta prendendo in giro tutti e sta andando a sud. Magari sta pensando che dopo aver perso una mano non potrebbe essere molto utile in battaglia e ha deciso di chiamarsi fuori. No, non credo proprio. Credo si unirà agli eserciti del Nord.

Puntuale come un orologio, arriva anche l'immancabile domanda sull'ipotetica morte del suo personaggio. A Westeros sono molte le minacce in grado di stroncare prematuramente la vita di un personaggio. Ma tra tutte ce n'è una che proprio Nikolaj Coster-Waldau vorrebbe evitare.

La mia paura più grande è che Jaime venga trasformato in una di quelle cose non-morte. Sarebbe un peccato. Qualcuno dei personaggi principali quasi certamente verrà trasformato in un Estraneo e spero proprio che non tocchi a me. Più che altro perché la metamorfosi richiede una sessione di trucco di ben tre ore.

E voi cosa ne pensate? Vi è piaciuto il viaggio di Jaime Lannister? Quale credete che sarà il suo destino in Game of Thrones?

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.