Charlotte Rampling con Hannah chiude Venezia 74: il videoriassunto di giornata

di -

Charlotte Rampling diventa musa di un regista italiano con Hannah, mentre i bellissimi di Hollywood e d'Europa continuano a calcare il tappeto rosso: il videoriassunto di giornata da Venezia 74.

4 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Venezia 74 è davvero agli sgoccioli: si è chiuso oggi infatti il concorso, con la presentazione degli ultimi due film che possono aspirare a vincere il Leone d'Oro 2017. Tradizionalmente in chiusura vengono presentati film di tono minore, ma per fortuna le grandi star hanno continuato a calcare il tappeto rosso, garantendo la quota di glamour necessaria, in attesa del gran finale di domani sera, 9 settembre 2017. 

Jusqu'à la Garde: l'esordio francese colpisce convince

Xavier Legrand era l'unico regista ad esordire in concorso in un'edizione veneziana davvero povera di nuove proposte e nomi femminili. Presentato in chiusura, il suo Jusqu'à la Garde non ha davvero sfigurato, confermando l'ottimo stato di forma del cinema francese.
Il film si apre con il dibattimento processuale tra moglie e marito, in un'atmosfera da film di Asghar Farhadi: entrambi sembrano reticenti e poco sinceri, interessati ad ottenere la custodia dei figli a qualunque costo. 

L'intento del regista è però quello di sorprenderci con un crescendo drammatico, man mano che si scoprono le vere dinamiche interne della coppia. Il film infatti sceglie di adottare il punto di vista del persecutore, che vede le sue vittime come abili manipolatori che operano a suo svantaggio. Spiega Legarde: 

Volevo lavorare nell’ambiente casalingo, quello in cui creiamo la famiglia e ci sentiamo sicuri. Invece in alcune circostanze qui siamo più in pericolo che altrove. È un argomento di cui si parla molto ma è ancora tabù per certi versi e il discorso a riguardo fatica ad evolversi. Le vittime hanno paura e faticano a spiegarla a chi non l’ha vissuta: nel mio film ho provato a farla sentire al pubblico.

Hannah: Charlotte Rampling musa del cinema italiano 

Il concorso si chiude sotto l'egida del cinema italiano: è Andrea Pallaoro - il secondo giovane regista di giornata - a portare Charlotte Rampling in concorso con il suo intenso Hannah. Il regista vive da anni all'estero e ha deciso di girare il film con la sua musa di sempre, diventata sua amica e confidente da qualche anno, l'attrice Charlotte Rampling. Il ruolo della protagonista è stato scritto espressamente per lei, come spiega Pallaoro:

Vidi Charlotte per la prima volta ne La Caduta degli dei di Luchino Visconti e m'innamorai del suo sguardo tagliente. Da lì sognai di lavorare con lei e, dopo averla incontrata a Parigi, divenni suo amico. Questo personaggio l’ho creato con lei, sin dalla prima riga e abbiamo avuto tre anni di tempo per parlarne approfonditamente, mentre si preparava la produzione del film. Lei scava nel mondo interiore dei personaggi per arrivare a una sua verità, per questo amo le sue interpretazioni.

Hannah è un film difficile da riassumere a parole, perché si fonda su un sottile mistero. Cosa genera quell'ombra di inquietudine che percorre la vita di Hannah, una tranquilla donna di mezza età che vive nel suo appartamento col marito, con una quotidianità più che normale? Quando il marito è costretto a lasciare la casa, pian piano s'intuisce che la moglie è stata scossa in tarda età da una nuova, drammatica consapevolezza riguardo alla sua vita al fianco del coniuge.

Continua la parata di star a Venezia 74

Mentre i giovani registi dell'ultima giornata di concorso ci mostrano il nuovo volto del cinema europeo, non mancano le star che calcano il tappeto rosso e garantiscono il glamour per cui è celebre la mostra veneziana. In particolare hanno incantato la folla i bellissimi protagonisti dell'intenso Le Fidèle, il sex symbol belga Matthias Schoenaerts e la sempre più raffinata ex musa di Kechiche Adèle Exarchopoulos. Tra baci, balli romantici sul tappeto rosso e tanti autografi per i fan, sono stati una delle coppie (di set) più belle e affiatate del red carpet numero 74. 

A sorpresa il red carpet è stato calcato anche per qualche minuto dalla bellissima Zoë Kravitz - interprete di Mad Max: Fury Road e Gemini - che ha sfoggiato un taglio di capelli cortissimo, che rende il suo look davvero sofisticato. 

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.