FOX

Destiny 2: perché giocare al sequel dello sparatutto targato Bungie

di -

Tre anni dopo il lancio del primo capitolo, Destiny 2 è finalmente arrivato su PlayStation 4 e Xbox One. Ecco perché non dovete assolutamente perdervelo.

I protagonisti di Destiny 2

22 condivisioni 3 commenti 0 stelle

Share

Sono ormai passati tre anni da quando Bungie e Activision hanno lanciato sul mercato Destiny, lo sparatutto di ambientazione fantascientifica che è riuscito a radunare sotto un'unica bandiera oltre trenta milioni di persone, imponendosi come fenomeno di costume e diventando in breve tempo uno dei titoli più importanti dell'ultima generazione di console.

L'intuizione che gli ha permesso di ottenere questo risultato è stata quella di unire le tipiche meccaniche dei giochi di ruolo massivi agli stilemi del genere sparatutto, dando così vita a un universo esplorabile in continuo mutamento in cui i giocatori sono stati portati non solo a competere tra loro ma anche - e soprattutto - a collaborare per superare obiettivi comuni.

Nonostante sia stato amato e lodato da molti, Destiny si è però ritagliato anche una discreta fetta di detrattori, che hanno più volte contestato il modo in cui la complessa mitologia del titolo è stata raccontata nonché la scelta di fare uscire il videogioco anche su console old-gen, penalizzandolo dal punto di vista tecnico.

Recepiti i vari feedback, gli sviluppatori si sono messi al lavoro per dare un secondo capitolo alla saga, seguito che ha visto la luce il 6 settembre su PlayStation 4 e Xbox One e che presto sbarcherà per la prima volta anche su PC.

Grazie a Bungie e Activision, noi di MondoFox abbiamo avuto la possibilità testare in prima persona Destiny 2, giocandolo per molte ore e gustandocelo in tutte le sue sfaccettature. Eccovi dunque i motivi per cui, secondo noi, non dovete assolutamente perdervelo.

Una campagna avvincente e cinematografica

Se le vicende del primo capitolo apparivano più come un pretesto per introdurre il vasto universo narrativo della saga che una vera e propria avventura, Destiny 2 raddrizza radicalmente il tiro, proponendo una campagna principale dotata di una trama avvincente e di un taglio altamente cinematografico.

Ciò è constatabile fin dalla prima ora di gioco, composta da alcune sequenze filmate alternate a parti tutorial, in cui assistiamo alla distruzione della Torre e all'ascesa di Dominus Ghaul, leader della Legione Rossa dei Cabal.

Inoltre, durante il corso l'avventura faranno la loro ricomparsa molti dei personaggi che avevano animato il primo capitolo della serie, vendo però qui trattati con una maggiore profondità e una caratterizzazione che li rende a tutti gli effetti parte integrante della trama.

Quattro nuovi pianeti tutti da esplorare

L'avventura principale di Destiny 2 si svolge su quattro nuovi pianeti, totalmente esplorabili e ricchi di attività secondarie in grado di prolungare di molte ore la durata della campagna.

Si va dagli Eventi Pubblici - ora ben indicati sulla mappa con tanto di orario di inizio - alla ricerca dei Settori Perduti, senza dimenticare pattuglie, sfide - rifacimento del vecchio sistema delle taglie - e le Avventure, missioni piacevoli e ben strutturate.

 Il leader della Legione Rossa dei CabalHD© Bungie/Activision

Immersione totale

La decisione di far uscire Destiny 2 solo su console di nuova generazione ha dato modo agli sviluppatori di concentrarsi maggiormente sulla grafica del gioco, che appare visivamente davvero spettacolare.

Ogni pianeta che il nostro Guardiano si troverà a esplorare è infatti unico e vivo, contraddistinto da ambienti ricchi di dettagli e sempre ispirati.

A completare il tutto troviamo una colonna sonora davvero superlativa, forse una delle parti più riuscite dell'intra produzione, capace di immergere totalmente il giocatore nella storia.

Un Crogiolo tutto nuovo

Se il Crogiolo del primo Destiny era caratterizzato da scontri PvP tra due squadre di sei o tre giocatori, quello di questo sequel è stato totalmente rivisto e perfezionato, così da garantire ai partecipanti un'esperienza di gioco più calibrata e mono confusionaria.

Le squadre sono ora sempre composte da quattro giocatori, una scelta che ha influito sul design delle mappe, più contenute rispetto a quelle del precedente capitolo.

Tra le modalità di gioco proposte al lancio spicca Detonazione, dove le due squadre si alternano in attacco e difesa con lo scopo di innescare e disarmare una bomba.

Una squadra di Guardiani pronti a combattere nel CrogioloHD© Bungie/Activision

Nonostante sia uscito da appena una settimana, Destiny 2 è già destinato a diventare un titolo di cui si parlerà molto negli anni a venire, similmente a quanto già accaduto con il suo predecessore.

Noi di MondoFox continueremo a occuparci del gioco con numerose guide e presentandovi di volta in volta tutti i DLC che Bungie e Activision rilasceranno nei prossimi mesi.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.