FOX  

Marvel's Inhumans, la nostra recensione dei primi due episodi in IMAX

di -

Abbiamo potuto gustarci in una straordinaria anteprima IMAX, i primi due episodi di Marvel's Inhumans. La nuova serie ABC sarà una grande esclusiva FOX e debutterà sul piccolo schermo l'11 ottobre.

Il logo di Marvel Inhumans

339 condivisioni 6 commenti 5 stelle

Share

Grazie a FOX e alla superlativa potenza della tecnologia IMAX, abbiamo avuto modo di ammirare i primi due episodi di Marvel's Inhumans in tutto il loro splendore. L'impatto visivo e l'impressionante sonoro di questo rivoluzionario sistema di proiezione ci hanno davvero tolto il fiato. È stata un'esperienza unica che potrete vivere anche voi dal 14 settembre e solo per una settimana, in tutti i cinema italiani che dispongono di una sala IMAX.

Forse, solo così potrete placare la vostra “fame inumana” e attendere pazientemente fino all'11 ottobre. Quel giorno il nuovo show ABC debutterà in esclusiva su FOX, con una season première che vi terrà incollati allo schermo.

Come sanno bene tutti i fan di Agents of S.H.I.E.L.D. gli inumani, personaggi nati dal genio di Stan Lee e Jack Kirby nel 1965, avevano già fatto capolino sul piccolo schermo. Ma la nuova serie TV della “Casa delle Idee”, creata da Scott Buck, si propone di approfondire e ampliare le loro storyline, puntando i riflettori sulla lotta per il potere in seno alla famiglia reale inumana.

Maximus il Folle, fratello del legittimo re Black Bolt, è sempre più insofferente nei confronti della sua politica isolazionista. Per questo decide di mettere in atto un colpo di stato e di reclamare per sé la corona di Attilan, la capitale dell'impero inumano situata sulla Luna. Braccato dalla guardia imperiale, il sovrano spodestato sarà costretto a fuggire sulla Terra.

Marvel's Inhumans ci ha davvero stupiti. Riesce agevolmente a riproporre una delle caratteristiche principali che hanno decretato il successo dei comics made in Marvel: raccontare storie di supereroi con superproblemi. Ma riesce a farlo attualizzando il concetto, in modo estremamente maturo e assolutamente non manicheo.

Maximus è la sintesi perfetta di questo tipo di narrazione. Nonostante le sue azioni siano radicali ed estreme, si fa fatica a considerarlo come un villain classico. Quello che spinge e motiva il personaggio, interpretato egregiamente da Iwan Rheon, non è un'ambizione cieca e senza fondamento ma la voglia di dare voce a un popolo che, forse non riesce più a capire i dogmi e le leggi imposte da Black Bolt.

Non siamo di fronte alla classica rivalità tra fratelli ma a qualcosa di molto più profondo e sostanziale. Quella di Maximus è a tutti gli effetti una rivoluzione contro un ancien régime che, con il suo sistema di valori, ha ormai fatto il suo tempo.

L'isolazionismo che Black Bolt e la sua regina Medusa portano avanti ha di sicuro nobili intenti ma, allo stesso tempo, è del tutto anacronistico. Pensare che la civiltà inumana possa nascondersi ancora per molto dallo sguardo di uomini come Tony Stark o Bruce Banner è qualcosa di davvero irragionevole.

Tuttavia le performance di Anson Mount e Serinda Swan sono solide e convincenti e riescono a centrare alla perfezione lo spirito dei loro ruoli. Come sanno bene tutti gli appassionati di fumetti, Black Bolt, a causa del devastante potere della sua voce, è costretto a relegarsi nel più profondo dei silenzi. E se nei comics questa caratteristica non pesa più di tanto sull'economia del personaggio, un adattamento live action avrebbe potuto rappresentare una problematica abbastanza seria.

Per superare questo ostacolo, gli showrunner, guidati dal solito Jeph Loeb, il vero pezzo grosso di Marvel Television, hanno deciso di far esprimere il Monarca Silente attraverso il linguaggio dei segni. Ed è proprio per questo che il lavoro di Mount ha dell'incredibile. L'attore nato a White Bluff nel 1973 è riuscito a sviluppare una gestualità e una mimica facciale che non ci fanno perdere neanche uno dei pensieri o degli stati d'animo di Black Bolt.

E se per qualche assurda ragione fossimo tentati di staccare gli occhi dallo schermo, verremmo subito rimessi in riga dall'irreprensibile chioma rosso fuoco di Medusa. Serinda Swan è perennemente in parte e, anche se ci sarà di sicuro chi faticherà ad accettare la sua intransigenza, si farà fatica a non stabilire un certo legame empatico con la indomabile regina di Attilan.

Anche in questo caso il merito è tutto degli sceneggiatori, che riescono a raccontare la storia, rimanendo costantemente neutrali e lasciando che siano gli spettatori a decidere da che parte schierarsi.

La caratterizzazione degli altri personaggi è di buona fattura. Anche se non c'è stato molto tempo per approfondire tutte le loro sfaccettature, siamo sicuri che Gorgon e sopratutto Karnak, diventeranno due beniamini assoluti per tutti i “Veri Credenti”.

Il primo è l'impulsivo capo della Guardia Reale che ha come unico scopo l'incolumità del suo re. Nel ruolo troviamo Eme Ikwuakor che, grazie alla sua eccellente prestanza fisica, riesce a far percepire immediatamente la forza sovrumana del membro più possente della famiglia reale inumana.

L'adattamento di Karnak ci ha davvero sorpreso. Siamo sicuri che non dev'essere stata un'impresa semplice riuscire a realizzare concretamente le sue capacità di pianificazione strategica e analitica, senza che il personaggio divenisse troppo noioso o senza renderlo una macchietta. Anche in questo caso gli sceneggiatori, aiutati anche dall'esperienza e dalle doti d'attore di Ken Leung, hanno fatto bene il loro lavoro.

Lockjaw, il cane teleporta della famiglia inumana, meriterebbe una recensione a sé. La resa visiva della sua imponente mole e dei suoi poteri straordinari sono eccellenti. Non vogliamo neanche immaginare quanto tempo abbiano impiegato i ragazzi degli effetti speciali per animarlo in maniera tanto fluida, realistica e naturale.

In questi due episodi, che potrete trovare dal 14 settembre per una settimana, in esclusiva, nei cinema IMAX italiani, Crystal (Isabelle Cornish), Auran (Sonya Balmores) e Triton (Mike Moh) rimangono un po' in ombra ma siamo sicuri che i loro ruoli verranno sviluppati a dovere durante la prima, straordinaria stagione di Marvel's Inhumans, in onda dall'11 ottobre solo su FOX.

E voi cosa ne pensate? Che cosa vi aspettate da Marvel's Inhumans? Per chi fate il tifo? Per la rivoluzione di Maximus o per il regno di Black Bolt?

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.