FoxCrime

Buon compleanno, Agatha Christie! Festeggiamo insieme il Christie Day

di -

Agatha Christie non è solo la scrittrice di gialli più famosa di sempre: è anche la scrittrice più letta di tutti i tempi. Celebriamo insieme il Christie Day, anniversario della sua nascita, ripercorrendone la vita.

21 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Già da tempo, ormai, il 15 settembre è il Christie Day. Per trovare gli omaggi in rete vi basta fare una ricerca con questo: #ChristieDay, l’hashtag creato per celebrare il compleanno di una delle scrittrici più amate (e più lette) di tutti i tempi.

Agatha Christie non è solo la più celebre scrittrice di gialli, è anche la donna che, per numero di copie vendute, è seconda solamente a Shakespeare e… alla Sacra Bibbia.

Agatha Christie autografa i suoi libri

L'infanzia e l'adolescenza

Nata il 15 settembre del 1890 a Torquay, nel Devon, Agatha Mary Clarissa Miller è figlia di madre inglese e padre americano.

Ed è proprio a lui, a Fred Miller, che deve gran parte della sua istruzione: Agatha viene istruita a casa dalla madre, come si usava all’epoca, ma è il padre a intervenire frequentemente affinché la figlia abbia un’istruzione di livello superiore.

Fred Miller, però, muore nel 1901, dopo una serie di attacchi cardiaci causati dall’arrivo delle difficoltà finanziarie.

Agatha ha solamente 11 anni e trova nella musica una consolazione dal dolore per la scomparsa del padre, mentre consola la madre - disperata per la perdita dell’amatissimo marito.

Una giovanissima Agatha Christie

La passione per la musica è così forte che a 15 anni Agatha inizia a studiare pianoforte e canto, sognando una carriera da pianista. Ma la sua timidezza è tale che le crea enormi problemi all’idea di continue esibizioni in pubblico, così rinuncia e si dedica alla sua altra passione: la letteratura.

All’età di 18 anni trascorre la maggior parte del suo tempo scrivendo racconti e novelle, alcuni dei quali verranno pubblicati negli anni ’30 grazie a Eden Philpotts, scrittrice e amica di famiglia.

A causa di qualche problema di salute, dietro suggerimento del medico la madre porta Agatha in Egitto, dove il clima caldo è favorevole alle sue necessità.

L'Egitto e il matrimonio con Archie

Agatha e Archie Christie
Una rara immagine di Agatha e Archie Christie

È il 1910 e la giovane Agatha trascorre tre mesi a Il Cairo, dove frequenta molte feste serali, conosce diverse persone e riceve svariate proposte di matrimonio.

Ma sarà solamente due anni più tardi, nel 1912, che accetterà quella del colonnello dell’aviazione Archie Christie. Il matrimonio viene rinviato per mancate disponibilità economiche e i due riescono a sposarsi finalmente il 24 dicembre 1914.

La guerra aveva già sconvolto le loro vite, separandoli: Archie era stato in Francia a combattere, mentre Agatha aveva fatto volontariato presso la Croce Rossa.

La luna di miele durò tre giorni: il 27 dicembre Archie venne rimandato in Francia e Agatha tornò a lavorare in ospedale, imparando molto anche su medicine e veleni (cosa che le sarebbe in seguito tornata utile).

I novelli sposi rimangono a lungo lontani. Nel 1918, finalmente, Archie viene assegnato a Londra e la vita insieme alla sua Agatha comincia davvero.

L’anno seguente la coppia accoglie la loro prima e unica figlia, Rosalind Christie.

Agatha Christie con la figlia
Agatha Christie con l'unica figlia, Rosalind

Durante la guerra, nei pochi ritagli di tempo libero, Agatha inizia a scrivere il suo primo romanzo, Poirot a Styles Court, dando vita al personaggio di Hercule Poirot.

Il romanzo viene pubblicato da John Lane, delle edizioni The Bodley Head, e segue un contratto per la pubblicazione di altri 5 romanzi con la stessa casa editrice.

Nel 1923 il personaggio di Poirot viene opzionato da una rivista per la pubblicazione di dieci racconti che abbiano per protagonista l’investigatore belga che si trasferisce in Inghilterra.

Poirot è il primo, grande personaggi di successo creato dalla Christie.

Miss Marple nasce qualche anno dopo, nel 1930 (con il romanzo La morte nel villaggio).

Poirot a Styles Court
Poirot a Styles Court

L'anno nero e la ripresa

Ma torniamo alla vita di Agatha. Tre anni dopo la nascita di Poirot, purtroppo, arriva “l’anno nero”, il 1926: oltre alla morte dell’amata madre, la scrittrice deve affrontare la richiesta di divorzio da parte di Archie, che aveva una relazione con un’altra donna.

Agatha la prende molto male, scompare per qualche giorno e viene ritrovata in un albergo, registrata con il nome di Theresa Neale.

Non ricorda come c’è arrivata, né quando: soffre di un’amnesia che le impedisce perfino di ricordarsi il suo vero nome e viene ritrovata solo perché il personale dell’albergo la riconosce e avvisa il marito.

Il caso della scomparsa di Agatha Christie sui giornali dell'epoca

Ci vogliono anni affinché Agatha si riprenda. Viene sottoposta a cure psichiatriche e non riesce a scrivere.

Il divorzio diventa definitivo nel 1928, anno in cui Agatha si rifugia alle isole Canarie insieme alla figlia Rosalind. Nell’autunno di quello stesso anno, però, arriva la svolta decisiva... che s’intitola Assassinio sull’Orient Express, ispirato da un viaggio in treno per e da Baghdad, durante il quale la donna conosce anche il suo futuro marito, l’archeologo Max Mallowan, che sposa nel 1930.

Mantenendo, però, sempre il nome di Christie per ovvie ragioni editoriali.

Il periodo successivo è molto proficuo e la Christie dà alla luce le sue opere più famose, che culminano nella pubblicazione del suo capolavoro Dieci piccoli indiani, del 1939.

Dieci piccoli indiani di Agatha Christie
Dieci piccoli indiani di Agatha Christie

Un'immaginazione senza limiti

La sua ricca e qualitativamente ineccepibile produzione letteraria nasce dalla grande immaginazione che Agatha Christie aveva manifestato fin da piccola, giocando con i suoi molti amici immaginari e raccontando storie alla madre.

Pare che la specializzazione nel genere giallo derivasse dall’applicazione delle conoscenze mediche e anatomiche apprese durante la guerra in ospedale e dall’ispirazione tratta dai libri di alcuni pazienti, dedicati a grandi investigatori come Sherlock Holmes.

Agatha Christie insieme al secondo marito, Max Mallowan

Nel corso della sua lunga carriera, protratta fino all’anno della sua morte - il 1976 - Agatha Christie ha scritto 66 romanzi gialli e più di 150 racconti suddivisi in 14 raccolte.

È sepolta accanto al marito (morto nel 1978) nel cimitero di Cholsey, cittadina nella contea dell’Oxfordshire.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.