FOX

[Spoiler!]

Pennywise e Babadook: la coppia horror LGBT amata da Internet

di -

La coppia del momento? Quella formata da Pennywise e Babadook! Internet ha trasformato i due mostri in icone del mondo LGBT e li ha resi protagonisti di una love story.

Pennywise e Babadook nei film IT e Babadook

280 condivisioni 20 commenti 5 stelle

Share

Dove c'è amore, ci sono... Pennywise e Babadook!

Nessun errore, avete letto bene. L'entità maligna nata dalla penna di Stephen King e il mostro portato sullo schermo da Jennifer Kent nell'omonimo (osannato) film del 2014 stanno insieme.

A deciderlo è stato Internet, che non solo ha stabilito che il pagliaccio assassino e l'oscura presenza con il cappello a cilindro sono una coppia, ma li ha anche resi delle icone del mondo LGBT.

E va bene che il web è uno strano mondo, dove può accadere di tutto, ma com'è nata la storia della relazione più horror di sempre?

Babadook: da mostro a icona LGBT

La relazione tra Pennywise e Babadook è realtà (!). Ma come hanno fatto due dei mostri più inquietanti del grande schermo a diventare una coppia e delle icone del mondo LGBT?

Per capirlo, è necessario fare un passo indietro.

A dare il via a tutto non è stato il malevolo clown di Stephen King (come si potrebbe pensare, dal momento che IT di Andy Muschietti è l'argomento del momento), bensì lo spirito oscuro del film di Jennifer Kent del 2014.

Come riporta The Guardian, nel mese di dicembre 2016, su Tumblr è comparso uno screenshot che mostra la pellicola di Babadook inserita nella sezione LGBT del catalogo di Netflix

Non è chiaro se sia trattato di un errore della piattaforma di streaming oppure di uno scherzo ben orchestrato, sta di fatto che da quel momento il mostro con il cilindro è diventato il protagonista di una serie di meme ed è assurto al ruolo di icona gay.

Attenzione! Possibili spoiler!

La stranezza non sta tanto nel fatto che Babadook è uno spirito oscuro, quanto che non c'entri nulla (ma non per i commentatori più spericolati) con il mondo LGBT.

L'entità che nel film tormenta Amelia e suo figlio Samuel rappresenta la depressione materna e per vederci delle tematiche omosessuali bisogna fare uno sforzo di fantasia non da poco.

Tuttavia, qualcuno c'è riuscito. Per esempio, la professoressa della University of Southern California, Karen Tongson, che al Los Angeles Times ha dichiarato:

Diverse persone si sono chieste come Babadook possa essere considerato un film LGBT. La risposta è semplice. [Il mostro, n.d.r.] vive in un seminterrato, è strano e appariscente e coabita con una madre single, in una sorta di schema familiare queer. Esattamente quello che prova la maggioranza delle persone LGBT che vive in famiglia.

Comunque sia, la popolarità di Babadook nella comunità LGBT ha continuato a crescere, al punto che il mostro di Jennifer Kent è diventato uno dei simboli del mese dell'orgoglio gay 2017.

Pennywise e Babadook: la coppia LGBT più cool di Internet

Chiarito che cosa è accaduto con Babadook, qual è il processo che ha trasformato anche Pennywise in un'icona gay e l'ha fatto diventare l'altra metà della mela del mostro con il cilindro?

Come riporta Gay Star News, l'evento scatenante è stato un post pubblicato qualche giorno fa da un utente di Twitter, Poc Sisters, che ha dichiarato che il clown assassino di Derry è un "alleato" della causa LGBT.

A quanto pare, la dichiarazione ha fatto molto arrabbiare un altro utente, Moderate Republican, che ha scritto in privato a Poc Sisters, intimandogli di eliminare il tweet (che in effetti è sparito). La discussione tra i due è stata parecchio accesa e Poc Sisters l'ha conclusa affermando:

Pennywise e il suo compagno, Babadook, sono offesi per quello sta dicendo, signore.

Tanto è bastato per dare il via alla (folle) creatività degli internauti, che hanno riempito Twitter di battute e di meme sull'improbabile quanto spaventosa coppia di mostri.

Per un membro del social, i due sono degli innamorati omosessuali e nei sequel dei rispettivi film li si vedrà lottare per sposarsi nel 2009:

Il tweet ha generato una divertente (e inquietante) storia nella storia, con un utente che ha proposto Pinhead (Hellraiser) come celebrante, Hannibal Lecter per il catering e Samara come paggetto (!). Ma ha anche dato il via a una controversia.

Attenzione! Possibili spoiler!

Come ha fatto notare un membro di Twitter, nel romanzo di Stephen King viene dichiarato esplicitamente che IT in realtà è una "lei". Dunque, quella di Pennywise e Babadook non è una coppia gay. E non si può neppure pensare che il mostro di Jennifer Kent sia una donna, dal momento che viene indicato con l'appellativo di "Mister". Tuttavia, l'autore del primo post ha invitato a "non dare per scontato" il genere dei due.

Tra battute di spirito e illustrazioni allegre e ben poco paurose, c'è stato spazio anche per qualche post salace, come quello che immagina come potrebbe essere "una cosa a tre" secondo Pennywise e Babadook:

Qualcuno si è chiesto chi sia il più glamour tra i due e un utente ha lanciato un sondaggio per stabilire il nome da dare alla nuova coppia:

Ma in mezzo alle facezie, non sono mancati momenti di serietà. Per molti, Pennywise non può essere un'icona gay e non dovrebbe essere proposto come tale.

Attenzione! Possibili spoiler!

Come ha ricordato un utente di Twitter, nel romanzo di Stephen King, il clown uccide e mangia un omosessuale che sta fuggendo da un gruppo di ragazzi che ce l'hanno con lui proprio perché tale:

Invece, un altro ha sottolineato:

Trasformare in un'icona gay un personaggio letterario che simboleggia (ed è a tutti gli effetti) un predatore di bambini, non sembra una buona idea.

E voi cosa pensate di Pennywise vessillo del mondo LGBT e della sua relazione con Babadook? Fatecelo sapere nel sondaggio qui sotto!

Vota anche tu!

Pennywise può essere un'icona LGBT e fare coppia con Babadook?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.