FOX  

Prison Break 5, recensione episodio 2: Kaniel Outis

di -

Il secondo episodio di Prison Break 5 ci porta dritti al nocciolo della storia: Michael vuole evadere da Ogygia e per farlo ha bisogno dell'aiuto dello Sceicco della Luce...

31 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Ancora tante, troppe, sono le domande che devono avere risposta, ma qualcosa è già chiaro: Michael Scofield (Wentworth Miller) esiste ancora, anche se il suo nome è stato cancellato dalla faccia della terra e al suo posto c'è un pericoloso terrorista di nome Kaniel Outis.

Proprio Kaniel Outis è il titolo del secondo episodio della quinta stagione di Prison Break che, con il plauso di tutti i fan della serie TV ideata da Paul Scheuring, immediatamente ci riporta a quelli che sono gli elementi tanto cari alle avventure precedenti di Michael Scofield e Lincoln Burrows.

L'episodio, infatti, si apre con Michael/Kaniel Outis intento a divincolarsi negli stretti cunicoli della prigione di Ogygia nello Yemen, insieme ad un altro detenuto, in cerca di un modo per poter evadere dal carcere e da un Paese nel pieno di una devastante guerra civile. La fuga, la prigione, l'ingegno di Michael, gli altri detenuti che si adoperano per aiutarlo, sono tutti elementi molto cari a coloro che hanno seguito le quattro stagioni di Prison Break, con la differenza che qui è proprio Michael ad essere nell'occhio del ciclone e apparentemente vittima di un piano ben studiato per farlo apparire come un temibile terrorista.

In pratica, Michael sta progettando una nuova fuga, ma qualcosa va storto da diversi giorni a causa dello Sceicco della luce, sparito nel nulla (e che invece dovrebbe rivelarsi determinante ai fini dell'evasione). Il tutto sotto la pressione degli altri detenuti comuni di Ogygia, che incalzano Michael nel mettere in atto il suo piano di fuga, dal momento che il Ramadam è alle porte e i prigionieri in isolamento verranno liberati, come atto di clemenza, creando non poco scompiglio nel carcere...

Nel frattempo, Lincoln (Dominic Purcell) e C-note (Rockmond Dunbar) tentano di scoprire qualche dettaglio in più sulla nuova identità di Michael, così come Sara (Sarah Wayne Callies), che incontrerà una vecchia conoscenza di Prison Break, ovvero Paul Kellerman, che le svelerà nuove informazioni su colui che era suo marito. Lincoln, C-note e Sheba si recano nei sobborghi della città per tentare di aiutare Michael che riesce a mettersi in contatto con Sara a New York, attraverso uno dei suoi soliti messaggi in codice. Sul finire dell'episodio, Michael incontra e abbraccia Abu Ramal, capo dell'Isil, pronto ad evadere.

L'episodio, che si innesta sullo sfondo di un argomento tanto attuale come il terrorismo, ancora non ci svela perché Michael Scofield sia sopravvissuto a morte certa, ma, per di più, fa sorgere nuove domande. Sulla scia del ragionamento fatto da Jacob (il nuovo marito di Sara) sulla teoria dei Giochi, non possiamo non chiederci se effettivamente la morte di Michael sia stata a suo tempo una messa in scena orchestrata dallo stesso Scofield in vista di un tornaconto personale. Un obiettivo, quest'ultimo, così da grande, da sacrificare anche i sentimenti di coloro che lo hanno sempre amato, in primis suo fratello Lincoln e sua moglie Sara.

Anche la stessa dottoressa Tancredi nutre profondi dubbi sui sentimenti e sui fini che hanno mosso Michael: grande amore per gli altri o semplicemente per se stesso? Ovviamente, da bravi fan del Bene e della Giustizia speriamo di poter trovare una valida giustificazione a tutti i colpi di scena che in queste due prime puntate la quinta stagione di Prison Break ci ha riservato. Soprattutto, attendiamo di sapere perché il nostro Scofield sia così legato al capo di tutti i terroristi, a lui unito quasi da una sorta di "fratellanza".

Ad ogni modo, quel che è certo, è che sta per arrivare una grossa tempesta. Michael l'ha svelato a Sara e, di certo, tutto lascia intravedere un'evoluzione in questo senso, con uno Stato (lo Yemen) destinato a crollare e nuovi eventi pronti a sconvolgere i nostri beniamini.

Riuscirà Michael, o se preferite Kaniel Outis, ad evadere con i suoi compagni di Ogygia? Sapremo finalmente perché Scofield è sopravvissuto al cancro prima e all'esplosione poi di The Final Break? Ci verrà finalmente svelato il segreto dei nuovi tatuaggi di Michael Per scoprirlo non ci resta che attendere il terzo episodio di Prison Break 5, in onda lunedì 25 settembre su FOX.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.