FOX

[Spoiler!]

La scienza di Game of Thrones analizzata da Neil deGrasse Tyson

di -

L'astrofisico Neil deGrasse Tyson ha messo sotto la lente d'ingrandimento la scienza di Game of Thrones. I sette Regni avranno passato l'esame di fisica?

Viserion all'occhio attento di Neil deGrasse Tyson

103 condivisioni 6 commenti 5 stelle

Share

Nell’ultimo periodo Game of Thrones è sulla bocca di tutti. Sarà per il concitato finale della settima stagione o per il budget stellare stanziato per la prossima, ma lo show di punta HBO continua a far parlare di sé. Quello che stupisce però è che stavolta le avventure ispirate ai romanzi di George R.R. Martin abbiano attirato l’attenzione di uno dei membri più importanti della comunità scientifica mondiale.

No, non stiamo parlando del Dott. Sheldon Cooper di Big Bang Theory, anche se non ci siete andati tanto lontani, ma di uno scienziato vero e in carne e ossa. Neil deGrasse Tyson è un noto astrofisico statunitense, nonché direttore dell'Hayden Planetarium di New York. Tuttavia, recentemente il suo nome ha cominciato a circolare anche tra gli appassionati di cinema e TV.

Infatti, nel suo ultimo “esperimento” ha iniziato ad analizzare la scienza e la fisica dei grandi blockbuster di Hollywood e delle serie più famose dei vari network americani. E grazie alla sua pignoleria potremmo aver finalmente fatto luce sulla domanda che sta tormentando tutti i fan di Game of Thrones. Se non avete ancora finito di vedere gli ultimi episodi continuare a leggere potrebbe essere più pericoloso che fidarvi di Cersei Lannister.

Attenzione! Possibili spoiler!

Ora che siamo rimasti in pochi, possiamo finalmente andare più nello specifico: dopo essere stato resuscitato dal Re della Notte, Viserion è diventato un drago di ghiaccio? La risposta vi sorprenderà. Ma conviene andare con ordine. La confusione su questo delicatissimo argomento nasce da una dichiarazione rilasciata qualche tempo fa dalla sound designer Paula Fairfield e ripresa da Vanity Fair.

Viserion ha distrutto la Barriera con il suo respiro che è una sorta di idrogeno liquido. È così freddo da risultare caldo.

Tralasciando l’approssimazione del suo punto di vista, la specialista del suono sembra non aver ben chiari i principi base della fisica. Fortunatamente il primo tweet che deGrasse Tyson dedica a Game of Thrones rimette le cose in chiaro.

Sebbene ci siano delle complicatissime eccezioni, che non vi elencheremo qui, a seconda della temperatura il colore della fiamma cambia. Facendo riferimento a una tabella riassuntiva usata anche dai vigili del fuoco, si va dall’amaranto (circa 480°C) al blu (1400°C). Quindi, se si considera che il respiro di Drogon e Rhaegal è solitamente rosso (675°C), quello di Viserion ora dovrebbe essere diventato davvero molto più caldo di quello dei suoi fratelli. Daenerys e i suoi sono avvisati.

Le altre perle di saggezza di Neil deGrasse Tyson

Per verificare se la teoria di Neil deGrasse Tyson risulterà corretta anche nelle lande di Westeros dovremo attendere almeno fino al 2019. Ma quella sul colore delle fiamme dei draghi non è l’unica osservazione che il fisico newyorkese ha formulato su Game of Thrones.

A quanto sembra, i ragazzi degli effetti speciali devono aver fatto un buon lavoro in fase di post produzione. Secondo il parare di deGrasse Tyson, le ampie e vigorose animazioni che hanno scelto di dare ai movimenti delle ali dei tre figli della regina Distruttrice di Catene sarebbero più che adeguate e ne giustificherebbero il volo. Concetto che nei secoli non è sempre stato chiaro.

Game of Thrones batte Rinascimento 1 a 0.

Quindi anche la biologia dei draghi sembra essersi sviluppata in maniera coerente alle norme sancite dalle leggi della genetica. Come è accaduto a certi uccelli e ai pipistrelli, i loro arti anteriori si sono evoluti in ali per rispondere a delle precise necessità, tra le quali servire da comoda scaletta per Daenerys.

Ma non è tutto sempre rose e fiori. Anche Game of Thrones non è esente da critiche e da qualche errore scientifico. L’esempio più lampante secondo deGrasse Tyson ci arriva dal metodo scelto dal Re della Notte per recuperare il corpo di Viserion dal fondo del lago ghiacciato, dopo averlo abbattuto con un potentissimo colpo di una lancia di ghiaccio.

Sorvolando sul dove il Lord degli Estranei sia stato in grado di trovare delle catene tanto lunghe e resistenti in così poco tempo, queste, visto l’enorme peso ancorato all’altra estremità, avrebbero dovuto essere in tensione, invece di andare su e giù per la vallata.

E voi cosa ne pensate? Vi siete mai accorti di quanto fosse accurata la fisica in Game of Thrones?

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.