FOX

I progetti fantascientifici di Elon Musk: portare gli uomini su Marte

di -

I progetti di Elon Musk sono sempre più ambiziosi: ora vuole portare gli uomini su Marte entro il 2024. E non si tratta di un nuovo film sci-fi.

Elon Musk in primo piano e Marte

410 condivisioni 13 commenti 0 stelle

Share

Un grande capo di Stato diceva che un vincitore è un sognatore che non si è arreso.

Non è da escludere che questo termine possa essere applicato anche a Elon Musk, che si può accusare di tutto tranne la mancanza di ambizione.

Il geniale inventore delle auto elettriche Tesla ha un nuovo obiettivo, che ha comunicato all'International Astronautical Congress di Adelaide, in Australia: portare gli uomini su Marte, entro il 2024.

E non è uno scherzo.

Non è un errore di battitura. È un'aspirazione.

Non si tratta di un progetto nuovissimo: Musk lo aveva esposto anche un anno fa, all'International Astronautical Congress di Guadalajara, in Messico, ma la dichiarazione non era stata resa pubblica.

Venerdì scorso, prima di partecipare al congresso ad Adelaide, Musk aveva seminato suspense con un tweet.

Novità importanti e applicazioni inaspettate verranno svelati venerdì allo IAC in Australia.

Ad Adelaide Musk ha poi spiegato nei dettagli il proprio progetto, come potete vedere nel suo discorso di 42 minuti.

SpaceX sta lavorando sullo sviluppo dei viaggi tra un pianeta e l'altro. A quanto sostiene Musk, non è impossibile viaggiare tra Europa o Stati Uniti e Marte: forse un giorno sarà come andare in Australia o in Giappone.

Ecco i punti salienti del suo progetto, portato avanti e sviluppato dalla sua azienda SpaceX.

I costi sono sostenibili

Lo sviluppo più importante riferito da Musk è il possibile contenimento dei costi.

Abbiamo capito come pagare tutto questo.

A Musk i miliardi non mancano, ma i viaggi interplanetari potrebbero costare molto di più di un jet o di un'isola privata.

Con il reperimento dei fondi, i lavori possono procedere con calma e autonomia.

Il razzo BFR (nome provvisorio)

La svolta, secondo l'imprenditore, è il razzo BFR (Big F**** Rocket , Razzo fott*** grande, che è un nome provvisorio, n.d.r ), con un sistema di atterraggio in verticale.

Elon Musk presenta il razzoHDGetty Images
Il nuovo razzo di Musk

Il razzo sarà largo 9 metri e lungo poco più di 100. Sarà grande, efficiente e veloce e rivoluzionerà anche gli spostamenti da un continente all'altro: in futuro Londra e Los Angeles potrebbero distare meno di 30 minuti.

SpaceX sta lavorando proprio sul nuovo razzo.

Gli ingegneri di Musk hanno progettato, costruito e già testato un serbatoio di carburante di oltre 11 metri che possa contenere oltre 1000 tonnellate di carburante.

I test hanno dato risultati positivi.

Elon Musk espone i suoi piani per MarteHDGetty Images
Elon Musk racconta i risultati di SpaceX

Un serbatoio in fibra di carbonio è fondamentale per rendere il velivolo leggero e sicuro.

Inoltre SpaceX sta lavorando su un sistema di "atterraggio automatico" sicuro: l'obiettivo è rendere l'approdo su Marte identico a un atterraggio su una pista di un qualunque aeroporto.

I fallimenti per i successi: la storia prima del BFR

La società di Musk esiste dal 2002, ma nel 2008 ha portato a termine il proprio lancio vincente.

Sarebbe stato l'ultimo, perché i tentativi falliti precedenti avevano portato a un esborso notevole di denaro. Era il 28 settembre 2008 e una società privata riusciva con successo a mandare in orbita il primo razzo, Falcon 1.

Da Falcon l'azienda continuò a lavorare, fino a ideare nel 2010 la capsula Dragon, antenata di BFR e in grado di ospitare un equipaggio umano.

La capsula Dragon di SpaceXHDGetty Images
La capsula Dragon nello spazio

9 anni dopo Musk e SpaceX sono all'opera con un progetto concreto: Marte per tutti, grazie al razzo nuovo.

La dimostrazione

L'idea di Musk è realizzare diverse rampe di lancio, come a New York, Tokyo, Londra, Dubai e Shangai, per far partire il BFR. 

In una videodimostrazione, Musk mostra come un gruppo di persone sia condotto in traghetto da New York alla piattaforma di lancio, in mezzo all'Oceano: saliti sul razzo, i passeggeri vengono inviati in orbita dove poi il razzo (sganciatosi dall'astronave) torna indietro.

Non è impossibile, secondo Musk, anche se i test sono ancora in corso e non sappiamo se e quando finiranno.

Ma il visionario imprenditore è determinato.

Voglio che Marte diventi una meta possibile. Voglio che sia possibile raggiungerlo entro la nostra vita. E c’è un modo per far sì che chiunque voglia possa raggiungerlo.

Che ne dite? Voi lo fareste un viaggetto su Marte?

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.