FOX

A Dubai la città che simula la vita su Marte

di -

Libri e film di fantascienza non servono più: gli Emirati Arabri hanno appena svelato un nuovo progetto. Preparatevi, perché Marte sta per arrivare sulla Terra.

Marte a Dubai Dubai Government Media Office

96 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Il futuro è arrivato. Per tutti quelli che sognavano di abbandonare la vita sulla Terra e trasferirsi su un pianeta desertico, dove ricreare un nuovo mondo, non c'è più bisogno di perdersi nei propri viaggi mentali.

Sì, perché ora la realtà supera la fantasia: niente più navicelle spaziali e viaggi intergalattici, basta solo un semplice biglietto aereo per gli Emirati Arabi. Proprio così: Marte si trova a Dubai.

IL nuovo progetto degli Emirati ArabiHDDubai Government Media Office
Marte nella lande desertiche di Dubai

Mars Science City Project è una stazione di 176 mila metri quadrati, dal valore di 130 milioni di euro, che sorgerà nella lande desertiche fuori la capitale. Il progetto è nato con un obiettivo davvero fantascientifico: testare le esigenze alimentari, idriche ed energetiche per sviluppare una simulazione di vita realistica in previsione di una eventuale spedizione di un contingente umano sul Pianeta Rosso.

All'interno di questa futuristica "Città della Scienza" troveranno ovviamente spazio laboratori tecnici particolarmente avanzati in grado di creare energia, acqua e cibo, in cui si studierà la possibilità di rendere fertili terreni particolarmente aridi e verrà testata la protezione da temperature estreme e dalle radiazioni. Inoltre, alcuni sistemi specifici simuleranno l'ambiente esterno che i primi astronauti troveranno su Marte al loro arrivo. Il primo obiettivo che il centro si pone è quello di spedire la loro seconda sonda entro 3 anni.

La Citta della scienza di DubaiHDDubai Government Media Office
Test specifici per le esigenze alimentari

La stazione ospiterà anche un museo in cui verranno esibiti i più grandi successi ottenuti dall'uomo nello spazio. Per realizzare i muri di questa struttura è stata utilizzata la stampa 3D, sfruttando come materia prima la sabbia dei deserti. Anche lo sviluppo di questa tecnica ricoprirà un ruolo centrale all'interno della stazione.

Tra gli esperimenti che verranno realizzati, ci sarà spazio anche per la normale vita sul Pianeta Terra: il riciclo dell'acqua e la produzione di nuove fonti di energia saranno al centro dei futuri studi degli scienziati che daranno vita a questo progetto. C'è la possibilità che un team di esperti coabiti nella struttura per un anno: un'opzione importante sia per curare al dettaglio tutti gli aspetti puramente tecnici, ma anche per testare e valutare i comportamenti umani in spazi molto ristretti e per periodi prolungati. A seguire e controllare gli scienziati all'interno della cupola, ci sarà una seconda squadra del Mohammed bin Rashid Space Centre.

Un team di esperti potrebbe vivere nella cupola per un anno

Mars Science City Project è solo la prima parte di un progetto ben più vasto, "Marte 2117", con cui gli Emirati Arabi si propongono di realizzare una vera e propria città su Marte entro i prossimi 100 anni dalla capienza di 600 mila persone.

Il primo ministro Mohammed bin Rashid ha commentato l'avvenimento con un tono entusiasta.

Questo nuovo progetto è un'ulteriore dimostrazione dei notevoli contributi che gli Emirati Arabi apportano al movimento scientifico globale. Cerchiamo di essere un esempio e una fonte di ispirazione per tutti, per partecipare e contribuire alla marcia dell'umanità verso lo spazio.

Questo centro dovrebbe essere un esempio per tutti, come sostiene il portavoce del governo.

Speriamo che questa esperienza possa diventare un modello di riferimento per le future ricerche sulla sostenibilità della vita in un pianeta ostile. Bisogna ideare e testare nuovi esperimenti per sviluppare migliori tecniche di autosufficienza in ambito energetico, idrico e alimentare.

Nella corsa alla conquista di Marte, in questo momento gli Emirati Arabi possono affermare di avere un solo rivale: Elon Musk. L'amministratore delegato e direttore tecnico di Space X ha infatti recentemente affermato di voler raggiungere il pianeta entro il 2024. 

La compagni di Musk, Space XHDSpace X/Instagram
Anche a Space X si crea il futuro

La vita sulla Terra sta decisamente per cambiare. Come al solito, l'uomo comune non può far altro che aspettare e lasciare che siano i "grandi" a decidere per lui.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.