FOX

La moglie di Frankenstein inizia le riprese a febbraio 2018

di -

Il remake de La moglie di Frankenstein, uno dei classici horror più celebri, inizierà le riprese a febbraio 2018.

Elsa Lanchester in primo piano come la Moglie di Frankenstein

70 condivisioni 3 commenti 0 stelle

Share

Il Dark Universe non è stato ancora messo in panchina da Universal Studios, grazie alle promesse del regista Bill Condon e al prossimo remake de La moglie di Frankenstein.

Nonostante il fallimento al botteghino de La Mummia, che ha dato il via al Dark Universe (un nuovo franchise in contrapposizione con Marvel e DC che, anziché puntare sui supereroi, ha scelto di rendere protagonisti i mostri), La moglie di Frankenstein (Bride of Frankenstein in lingua originale) si farà e il regista ha dichiarato, in un’intervista con Forbes, che le riprese inizieranno molto presto.

Inizieremo a girare a febbraio 2018 a Londra. Adesso è ancora presto per parlarne, ma abbiamo già iniziato a visionare le location delle riprese e a parlare dei set che vogliamo costruire. È così emozionante.

Dopo aver lavorato al recente successo di La Bella e la Bestia (con Emma Watson), Condon ha difeso a spada tratta questo nuovo film proveniente dal Dark Universe, dichiarando che a lavorarci ci sarà lo stesso team che lo ha affiancato in La Bella e la Bestia.

Per me, il film diretto da James Whale [del 1935, n.d.r.] è tra i migliori in assoluto. Come sapete, il personaggio della moglie appare negli ultimi cinque minuti per poi essere distrutto, per cui questo film sarebbe una sorta di continuo per immaginare come sarebbe stato il terzo capitolo di Frankenstein, con la differenza che lo faremo nel 2018.

Bill Condon e l’ammirazione per James Whale

La moglie di Frankenstein, di James Whale

Non ci sarebbe potuto essere candidato migliore di Condon per occuparsi di questo remake. Il perché? Semplice: torniamo a qualche anno fa, precisamente al 1935. Quello fu l’anno in cui il celebre regista James Whale realizzò uno dei classici horror più ricordati nella storia del cinema: la moglie di Frankenstein, sequel di Frankenstein (1931).

La carriera di Whale e i suoi indubbi capolavori hanno poi ispirato Condon a realizzare la sua opera più celebre: Demoni e dei, il biopic del 1998 interamente dedicato alla vita di James Whale, per il quale Condon ha vinto l'Oscar per la categoria Migliore sceneggiatura non originale.

Condon non ha mai nascosto l'ammirazione per Whale, tanto che questo remake ne è diventata l’ennesima conferma.

Sono molto eccitato all'idea di portare sul grande schermo una nuova versione de La Moglie di Frankenstein. La pellicola originale di James Whale è uno dei capolavori assoluti della storia del cinema e la Sposa è la creatura femminile più iconica di sempre.

Ma chi interpreterà la Moglie?

Elsa Lanchester è La moglie di Frankenstein di James Whale

Girava già da tempo qualche voce riguardo il coinvolgimento di Angelina Jolie nel ruolo della storica figura horror, ma Condon ha invece spiegato che non c’è niente di certo per quanto riguarda il cast.

Credo che lo sapremo molto presto, anche perché a breve dovremo iniziare a tirare le somme, ma al momento davvero non saprei cosa dire perché niente è stato deciso.

La moglie di Frankenstein (scritto da David Koepp) sarà il secondo capitolo proveniente dal Dark Universe, al quale potrebbero seguire L’uomo invisibile (per il quale è stato scelto Johnny Depp come protagonista), L’uomo lupo, Dracula, Van Helsing, Dottor Jekyll e Mister Hyde, Il fantasma dell'opera, Il gobbo di Notre Dame e Il mostro della laguna nera.

L’uscita di La moglie di Frankenstein è prevista nelle sale americane per il 14 febbraio 2019. Cosa ne pensate di questo remake?

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.