FOX

Doomsday Clock: il sequel di Watchmen presentato al New York Comic Con

di -

DC Comics, in occasione del New York Comic Con, ha presentato il suo ultimo progetto: Doomsday Clock. Il sequel di Watchmen sarà disponibile negli Stati Uniti a partire dal 22 novembre e vedrà uniti i personaggi della graphic novel a quelli del mondo DC.

Locandina di Doomsday clock, Fumetto presentato in anteprima al New York Comic Con

359 condivisioni 26 commenti 2 stelle

Share

In occasione del New York Comic Con molte case editrici hanno avuto l'opportunità di presentare le proprie novità e di destare l'interesse dei fan del genere. DC Comics non è stata da meno, lanciando in anteprima all'evento statunitense Doomsday Clock, serie creata da Geoff Johns e Gary Frank e ufficialmente presentata come il sequel di Watchmen.

Già dalle prime immagini mostrate, l'opera si prospetta essere l'evento editoriale del prossimo anno. Per la prima volta in assoluto i personaggi dell'universo DC incontreranno quelli della graphic novel di Alan Moore e David Gibbons, dando vita ad una storia che si protrarrà per 12 numeri, di cui il primo sarà disponibile negli Stati Uniti già dal prossimo 20 novembre

Di seguito potete visionare le prime immagini in anteprima di questo inaspettato sequel di Watchmen, pubblicate da Entertainment Weekly

Ambientato nel 1997, precisamente 7 anni dopo la fine di Watchmen, già dalle prime immagini Doomsday Clock riprende in pieno lo stile della graphic novel di Alan Moore. Nelle immagini in bianco e nero, dai toni cupi e minuziose nei particolari, una voce fuori campo (probabilmente un narratore esterno alla vicenda) racconta di come la pubblicazione del diario di Rorschach (uno degli "eroi" principali in Watchmen) abbia rivoluzionato le sorti degli Stati Uniti.

Il paese è invaso da proteste e rivolte e il presidente (non è specificato se si tratti di George W. Bush o Ronald Reagan) è costretto a far fronte non solo a conflitti interni ma anche a quelli esterni, tra cui l’invasione della Polonia da parte della Russia e lo sviluppo del nucleare da parte della Corea del Nord. Inutile dire quanto una situazione del genere ci ricordi l'attuale quadro politico mondiale.

Pubblicato per la prima volta in dodici albi mensili dalla DC Comics, fra il 1986 e il 1987, Watchmen resta una delle graphic novel più influenti di tutti i tempi. La serie è ambientata negli Stati Uniti del 1985, in cui i supereroi sono reali e, dopo aver operato al servizio del governo come avventurieri mascherati, vengono dichiarati fuori legge da un decreto amministrativo, varato in risposta al manifesto malcontento della popolazione sul loro operato.

La particolarità di Watchmen rispetto ai fumetti di genere che lo hanno preceduto è quella di mostrare l'aspetto quotidiano e umano dei supereroi, con tutti i loro problemi personali ed etici. L'archetipo di supereroe avventuroso e impavido viene così decostruito, narrando di personaggi disillusi, tristi, confusi e a volte anche sadici. Basti pensare alla violenza del Comico, intorno alla cui scomparsa ruotano le vicissitudini del fumetto di Moore, oppure a Rorschach, dilaniato interiormente da traumi infantili e non.

Considerato come titolo di riferimento del fumetto americano, l'opera ha introdotto nel genere temi più maturi e realistici rispetto alla maggior parte delle storie più inverosimili pubblicate nei fumetti fino ad allora. Grazie anche al successo di Watchmen, il fumetto viene considerato una vera forma d'arte e la graphic novel riesce finalmente ad emergere e trovare giusta considerazione. Dalla graphic novel di Moore è stata tratta anche una pellicola, rilasciata nelle sale cinematografiche di tutto il mondo nel 2009 e diretta da Zack  Snyder, che ha mantenuto il titolo dell'opera originaria.

Immagine a colori di Watchmen HDCopyright: DC Comics
Tutti i supereroi di Watchmen in una locandina

Ci si domanda dunque: Doomsday Clock sarà all'altezza del capitolo precedente? 

Il fumetto creato da Geoff Johns e Gary Frank infatti dovrà mantenere con questo sequel gli standard elevati stabiliti da Moore e Gibbons, riprendendo e facendo propri non solo i personaggi della famosa graphic novel, ma anche quelli dei fumetti supereroistici DC.

Per conoscere l'esito dell'ambizioso esperimento editoriale, non resta che aspettare la fine del prossimo novembre. 

Dunque siete pronti per il ritorno di Rorschach e compagni? Fatecelo sapere in un commento! 

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.