FOX

L'Italia ama Pennywise: IT supera i 6 milioni di euro nel suo primo weekend!

di -

Il successo di IT cresce: durante il suo primo weekend di programmazione, il film di Muschietti ha superato i 6 milioni di euro d'incassi totali.

Bill, Bev e Ben con un proiettore in una scena di IT - Prima Parte

2k condivisioni 50 commenti

Share

Il pubblico italiano sembra avere un'insaziabile fame per i film horror - o, almeno, per i film horror con protagonista un certo clown assassino. Nel fine settimana del 21-22 settembre, IT - Prima Parte ha superato i 6 milioni di euro al box-office italiano.

Secondo i dati riportati da CineGuru, nel suo primo weekend di proiezione la pellicola di Andy Muschietti ha sfiorato i 6,5 milioni d'incassi totali (6.480.375 euro), confermandosi la pellicola più attesa di questo autunno, non certo povero di titoli interessanti.

In un comunicato stampa ufficiale, Warner Bros. aggiusta le cifre, segnalando incassi per 6,7 milioni di euro grazie alla proiezione in oltre 650 sale italiane. Questo vertiginoso numero fa diventare IT - Prima Parte sul mercato italiano:

  • l'horror col miglior weekend d'apertura di sempre
  • il film col miglior weekend d'apertura in ottobre
  • il film Warner Bros. col miglior weekend d'apertura negli ultimi 5 anni

Lo strepitoso successo del fine settimana arriva dopo una prima giornata di programmazione altrettanto eccezionale. Giovedì 19 ottobre IT aveva già oltrepassato il milione di euro, segnando il miglior debutto per un film horror nel nostro Paese.

Ora, in Italia come all'estero, il regno del terrore di Pennywise continua ad adombrare i successi di altri film: dal Monster Family con le voci di Carmen Consoli e Max Gazzè (oltre 736mila euro nel weekend), al Blade Runner 2049 di Denis Villeneuve, che scivola in terza posizione con i suoi 644mila euro nel fine settimana (e i 4,8 milioni totali dal suo debutto in Italia).

Se la città di Derry sembra essere maledetta, il film tratto dal romanzo di Stephen King è destinato a una sorte molto diversa. I fattori del successo commerciale del film di Muschietti sono molteplici, a partire dalla pura e semplice curiosità per il nuovo adattamento di una delle opere più apprezzate del Re del Torrore, già portata sul piccolo schermo nel 1990 con una mini-serie con protagonista Tim Curry.

Muschietti ha deciso di cambiare diverse carte in tavola, spostando l'inizio delle disavventure del Club dei Perdenti dagli anni '50 agli anni '80 e rendendo i suoi giovani attori protagonisti di un filone nostalgico alla Stranger Things.

In IT - Prima Parte, sette amici (tutti non proprio popolari tra i loro coetanei) dovrà fare i conti con una misteriosa creatura che terrorizza una cittadina del Maine e già responsabile della sparizione del piccolo Georgie, il fratellino del leader del gruppo. Quella creatura li tormenterà dando forma tangibile alle loro peggiori paure, spesso manifestandosi come il terribile clown Pennywise: un essere che si nutre dello stesso terrore che ispira.

I membri del Club dei Perdenti si preparano a esplorare le fogne di Derry

I migliori weekend del 2017

IT - Prima Parte, sempre secondo CineGuru, si è assicurato un posto anche in un'altra importante classifica: quella dei più fruttuosi weekend del 2017 nei cinema italiani.

Davanti al nuovo adattamento del romanzo di Stephen King c'è solo un altro titolo: La Bella e la Bestia, con un divario di "appena" 443 mila euro dalla pellicola di Muschietti.

  1. La Bella e la Bestia (6.923.885 euro)
  2. IT (6.480.375 euro)
  3. 50 Sfumature di Nero (6.149.635 euro)
  4. Fast & Furious 8 (6.156.364)
  5. Cattivissimo Me 3 (5.393.020)

Come continuerà "l'avventura italiana" di Pennywise? Vi terremo aggiornati sulle sue imprese, fuori e dentro le sale cinematografiche.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.