FOX

Emma Stone per MondoFox: gioco a tennis nel film, ma nella vita sono una schiappa

di -

Emma Stone, protagonista de La battaglia dei sessi, ci parla di tennis, dei diritti delle donne e del suo modo di camminare, decisamente poco aggraziato.

31 condivisioni 0 commenti

Condividi

Emma Stone è pronta a vincere un'altra partita. Dopo aver ottenuto il suo primo Oscar per La la Land, a febbraio, ora l'attrice americana, 28 anni, diventa paladina dei diritti civili nel film La battaglia dei sessi. Come ci ha raccontato lei stessa nel corso della nostra intervista:

Portare sullo schermo questa storia è stata fonte di grande ispirazione, mi sento carica di un nuovo entusiasmo.

La commedia, diretta da Jonathan Dayton e Valerie Faris (i registi di Little Miss Sunshine), racconta uno storico match di tennis che, nel 1973, contribuì a portare avanti il dibattito sulla parità salariale tra uomini e donne. Emma interpreta la tennista Billie Jean King, che sconfisse il maschilista Bobby Riggs (lo interpreta Steve Carell), il quale era sicuro di riuscire a batterla. Cosa significa ripensare a quell'anno e ai traguardi raggiunti grazie a quella partita? Lo chiediamo direttamente a Billie Jean King, oggi 73enne.

In America le donne venivano pagate 59 centesimi per ogni dollaro guadagnato dagli uomini. Oggi sono 79 centesimi, che non è granché. E sto parlando della media, perché le donne di colore guadagnano ancora meno. Spero che questa storia ispiri i giovani a combattere per parità e libertà.

Emma Stone non ha avuto troppe difficoltà a calarsi nei panni della tennista, anche perché è convinta che le loro due professioni abbiano qualcosa in comune:

Di sicuro condividiamo una qualità legata all'intrattenimento. Billie Jean me l'ha detto subito, quando ci siamo conosciute. Per lei il campo da tennis era il suo palcoscenico e io sarei riuscita a relazionarmi con lei proprio pensando al mio lavoro, tra canto, ballo e recitazione. Aveva ragione, mi sono immediatamente sentita a mio agio sul campo da tennis.

Per prepararsi al ruolo l'attrice ha messo su 7 chili di muscoli e si è allenata per mesi. Ti sei innamorata del tennis, alla fine? Lei ci pensa su e ride.

Direi che mi sono innamorata soprattutto del sollevamento pesi! Il tennis è uno sport incredibilmente difficile e io mi ci sono avvicinata in modo molto umile. Quando guardi le partite degli anni '70 capisci che, in realtà, si trattava di un altro sport. Perciò mi sono detta: "Bene, sarà come andare a giocare al Country Club!". Nemmeno per sogno! È faticosissimo, ma è stata un'esperienza incredibile anche solo provare ad imparare.

La battaglia dei sessi è nelle sale italiane, distribuito da 20th Century Fox.

Condividi

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.