FOX

Logan, James Mangold è già al lavoro sul copione dello spin-off X-23

di -

Il regista di Logan - The Wolverine sta lavorando allo script dello spin-off che avrà come protagonista Dafne Keen.

Wolverine e X-23 nel poster di Logan

343 condivisioni 6 commenti

Share

Chiamatelo pure "Baby power". Quando l'esordiente Dafne Keen sbucò fuori da un capannone lurido sollevando con una mano uno zainetto da scolara e con l'altra la testa di un mercenario poco prima decapitato, lo shock fu pari solo alla consapevolezza di trovarsi di fronte ad una giovane X-23 praticamente perfetta.

Non è un caso che 20th Century Fox, consapevole dell'ottima riuscita di Logan - The Wolverine, abbia pensato bene di sfruttare le potenzialità di una giovanissima ma feroce mutante attraverso uno spin-off degli X-Men a cui il regista James Mangold sta già lavorando.

Wonder Laura

Il regista di Logan - The Wolverine, nel corso di un'intervista rilasciata a The Hollywood Reporter, ha dichiarato di essere al lavoro sulla sceneggiatura dello spin-off dedicato a X-23, rivelando che la spinta decisiva per il progetto l'ha data nei mesi scorsi il successo mondiale di Wonder Woman, il cinecomic con Gal Gadot diretto da Patty Jenkins:

Il successo del film di Patty ha convinto gli studios a non temere più una protagonista femminile. Ho pensato: 'Abbiamo anche qui una protagonista femminile. È incredibile. Cosa faremo con lei?'. Ecco il punto in cui si trova lo script del film: per ora stiamo solo sognando.

Mangold ha così sottolineato la fase primordiale che caratterizza il progetto X-23. Lo spin-off potrà contare sul carisma della Keen, che bene ha impressionato in Logan - The Wolverine. Chi, invece, non sarà della partita è Hugh Jackman, il quale dopo 17 anni di "mutante servizio" ha appeso gli artigli al chiodo in maniera definitiva: "non sarò nemmeno tra i produttori di un film su Laura, ma sarò in prima fila allo spettacolo del giovedì quando uscirà al cinema. Lei è fenomenale".

La saga degli X-Men sta esplorando nuovi orizzonti, consapevole del ricambio generazionale in atto. Si sperimentano nuovi generi - l'ultimo Wolverine di Mangold è un western a tinte noir - e X-23 potrebbe sì proseguire sui toni distopico-polverosi di Logan, ma anche cambiare strada, pescando da altri generi (così come fatto da New Mutants, la pellicola diretta da Josh Boone che somiglierà più ad un horror che ad un cinecomic).

Di certo la strada è stata già tracciata nel finale di Logan - The Wolverine: un nuovo universo di giovani mutanti ha fatto capolino sul grande schermo e X-23 potrebbe svelarne le diverse sfaccettature, come rivelato dal produttore Hutch Parker. La domanda sorge spontanea: c'è posto nel futuro della saga per un nuovo Wolverine? Di sicuro Logan verrà più volte chiamato in causa nello spin-off su Laura Kinney, ma non avrà il volto di Jackman, che dal canto suo svela i piani per l'icona degli X-Men: "So che qualcuno lo farà. Spero venga scritturato qualcuno nuovo".

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.