FOX

[Spoiler!]

Nel Buio tra gli Alberi, lo Stranger Things di Giulio Macaione

di -

Giulio Macaione ci guida nel buio tra gli alberi alla ricerca di una bambina scomparsa. Quello che troveremo ad attenderci è la paura di ciò che non si conosce.

I protagonisti de Nel Buio tra gli Alberi

0 condivisioni 0 commenti

Condividi

Una bambina scomparsa. Quattro ragazzini intraprendenti. Un bosco in cui si annida un oscuro pericolo. Sono queste le premesse di Nel Buio tra gli Alberi di Giulio Macaione, un fumetto autoprodotto che si rifà alle avventure degli anni '80 e '90 per costruire una storia horror dalle atmosfere alla Stranger Things.

L'influenza della serie dei fratelli Duffer è evidente in questa breve storia ambientata sul suolo italiano. Ma l'ombra gettata sui giovani protagonisti non è legata a misteriosi esperimenti governativi, né all'improvvisa comparsa di ragazzine dotate di poteri psichici. Piuttosto, l'oscurità viene da dentro: la paura cresce più ci si addentra tra gli alberi e inghiotte uno ad uno - e in un ordine decisamente non casuale - il quartetto partito alla ricerca della piccola Aurora.

Pagina d'apertura de Il Buio tra gli AlberiHDGiulio Macaione

È proprio il volto della bambina ad aprire il volume, dettando l'inizio della spedizione del fratello maggiore, Tommaso, e di alcuni suoi compagni di scuola: Guido, Silvia ed Ettore, che prendono parte alla missione per motivi molto diversi.

Quella di Macaione è un'avventura in bianco e nero contraddistinta dalla regia attenta che aveva già caratterizzato il suo recente Basilicò, un noir che mostrava bene la bravura dell'autore nel definire in poche vignette i rapporti che legano i personaggi.

Pur nella sua brevità, Nel Buio tra gli Alberi riesce ancora in questo intento, specie perché l'origine del pericolo che attende Tommaso e i suoi amici si rivelerà legato a un episodio nel passato del ragazzino. Ed esattamente come in molti cult per ragazzi del passato, anche qui assisteremo alla manifestazione sul piano fisico delle paure dei protagonisti.

Attenzione! Possibili spoiler!

Non aspettatevi però una soluzione permanente al mistero che si annida tra le pagine di questo racconto. Invece di apporre la parola "fine" al suo horror, Macaione ha optato per un "finale sospeso", un po' come quello adottato da King e Muschietti per IT - Prima Parte.

Lo scontro con la creatura nel bosco ha una risoluzione inattesa, che conferma quanto accennato poco dopo la metà del fumetto. Ciò che si annida tra gli alberi è qualcosa che continuerà ad attendere la sua prossima vittima: guardandola da lontano, o attirandola tra le proprie grinfie con un piano che - in fondo - a lei richiede pochissimo sforzo.

Nel Buio tra gli Alberi è un breve commento alla paura stessa: a come possa interferire anche con i cuori più determinati, facendoli "girare in tondo" per ragioni destinate a rimanere indefinite. Di più: è un viaggio che parte dalla paura dell'ignoto che a volte sbeffeggiamo pur di sfuggire e a cui affidiamo le forme più diverse, influenzati sia dalle nostre esperienze che dall'influenza di chi ci circonda.

Nel Buio tra gli Alberi è in attualmente disponibile sulla pagina Etsy di Giulio Macaione, dove è possibile acquistare le opere autoprodotte dell'autore.

Il piccolo brossurato con alette conta 54 pagine nel formato 13,8X21 cm.

Voto7,5/10

Un'avventura dai toni horror che si traduce in un viaggio nelle paure e nelle incertezze che vivono in ognuno di noi. E che a volte arrivano a farti sparire.

Stefania Venturetti

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.