FOX

Corey Feldman lancia una campagna per un film-verità sulla pedofilia a Hollywood

di -

Corey Feldman denuncia da anni l'esistenza di una rete di pedofilia a Hollywood e ora si prepara a sferrare il colpo decisivo, raccogliendo finanziamenti per girare un film-verità.

Corey Feldman parla a un evento

175 condivisioni 4 commenti

Condividi

L'onda d'urto dello scandalo Weinstein continua a scuotere Hollywood e apre nuovi, inquietanti scenari. Le prime, coraggiose denunce hanno spinto un numero sempre maggiore di vittime a farsi avanti e a parlare e hanno fatto tornare sugli scudi un grande accusatore del lato oscuro del mondo del cinema: Corey Feldman

La star de I Goonies denuncia da anni l'esistenza di una rete di pedofilia collegata all'industria della settima arte e, dopo gli ultimi avvenimenti, ha deciso di sferrare quello che a tutti gli effetti sembra un attacco decisivo.

L'attore ha lanciato una campagna su Indiegogo per raccogliere fondi per realizzare un film sui predatori sessuali di ragazzini che lavorano nell'entertainment.

Il progetto di Corey Feldman

Con un video della durata di circa 7 minuti (che trovate qui sotto), Corey Feldman ha illustrato al pubblico un progetto che, a suo dire, "può letteralmente cambiare il mondo dello spettacolo":

Potenzialmente, credo di potere demolire un giro di pedofili di cui sono a conoscenza da quando ero bambino. Senza pensarci troppo, posso fare i nomi di 6 persone, una delle quali è ancora molto potente. E [raccontare, n.d.r.] una storia che conduce direttamente a uno dei maggiori studi [di Hollywood, n.d.r.] e rivela come è implicato nella rete della pedofilia.

L'interprete di "Mouth" ne I Goonies ha spiegato che ha intenzione di realizzare un documentario realistico e indipendente, in modo che non possa essere oggetto di pressioni e/o condizionamenti esterni. La storia prenderà le mosse dalle molestie che lui stesso ha subito a Hollywood, quando era un ragazzino:

Ho intenzione di rivelare [quello che accade nel mondo del cinema, n.d.r.], girando un film che sarà la rappresentazione più vera e onesta degli abusi sui bambini mai portata sullo schermo. Racconterò la mia vicenda personale con estrema sincerità e totale realismo. Senza modifiche, senza censure e senza nessuno studio dietro. Io farò il film, io lo dirigerò, io lo produrrò e io lo distribuirò, per garantire che esca nelle sale grazie alle vostre donazioni. 

Secondo l'attore, quando la pellicola arriverà al cinema, avrà un effetto deflagrante:

Nel momento in cui [il film, n.d.r.] uscirà, credo che rivoluzioneremo l'industria cinematografica, sradicando il male [che vi alberga, n.d.r.] e rendendola di nuovo sicura per i nostri bambini.

I Goonies: Corey FeldmanHDWarner Bros.
Corey Feldman aka "Mouth" ne I Goonies

Corey ha rivelato che la decisione di realizzare un "documentario verità" gli costa molta fatica e ha esortato le altre vittime a unirsi a lui:

Ho molta paura. Non è affatto facile. Ho vissuto nel terrore e devo convivere con questa sensazione ogni giorno, come la maggior parte delle vittime. Mi sono sentito a disagio, incompreso, e sono stato enormemente disprezzato. Le voci, le storie, gli insulti su di me e le aberranti campagne denigratorie di cui sono stato oggetto: tutto è accaduto perché hanno paura che quello di cui sono a conoscenza sia la verità. Non sono solo. So che ci sono tantissimi altri che hanno vissuto quello che ho vissuto io nel mondo dello spettacolo. So anche che molti miei coetanei sanno di cosa sto parlando e conoscono i dettagli. Ma hanno avuto paura a farsi avanti e a raccontare la loro verità.

Del resto, la star del cult degli anni '80 Ragazzi Perduti ha dichiarato che, da quando ha iniziato a parlare pubblicamente del suo progetto, le sono accaduti diversi fatti strani e inquietanti.

Come riporta il Daily Mail Online, il 21 ottobre 2017, l'attore e la sua band, Corey Feldman & The Angel, sono stati arrestati per possesso di marijuana. Il fatto è avvenuto durante il tour in Louisiana, in seguito a un controllo casuale al bus su cui viaggiava il gruppo. Ma per Corey non si è trattato di un episodio incidentale, bensì di una sorta di avvertimento. L'attore ha spiegato che la droga c'era, ma era di un membro della band che la utilizza per scopo terapeutico, con tanto di legale prescrizione medica.

Non solo. La star de I Goonies ha detto che, poco dopo, ha temuto di morire, quando due camion hanno accelerato anziché frenare, mentre attraversava un incrocio.

Per questa ragione, Corey ha fissato per la sua raccolta fondi su Indiegogo la cifra di 10 milioni di dollari. La somma serve sia a pagare le spese per il film, che quelle per la sicurezza sua e della sua famiglia e per eventuali (probabili) risvolti legali.

A un giorno dall'inizio della campagna, il contatore ha raggiunto quasi 90mila dollari.

Corey Feldman e le accuse di pedofilia a Hollywood

Corey Feldman combatte da anni una battaglia contro il "marcio" di Hollywood. Nel 2013, l'attore ha scritto un libro, Coreyography, in cui ha raccontato le molestie sessuali subite da uomini del mondo del cinema (senza fare nomi), quando era poco più che un bambino. Inoltre, ha parlato della violenza perpetrata ai danni del suo migliore amico, Corey Haim, morto ad appena 38 anni, dopo una lunga storia di dipendenza dalla droga.

La star di Stand by Me è tornato sull'argomento in un'intervista concessa a The Hollywood Reporter qualche tempo fa, dichiarando amaramente di avere avuto una sorte migliore del suo sfortunato omonimo:

[Corey Haim, n.d.r.] ha subito abusi molto più pesanti di me. Nel mio caso, ci sono state delle molestie, ad opera di più mani, per così dire. Ma Corey è stato stuprato. Io non ho subito una simile violenza. È accaduto quando aveva 11 anni. Mio figlio ha 11 anni e non posso neppure concepire l'idea che gli accada una cosa simile. Lo distruggerebbe completamente.

Corey Feldman e Corey Haim negli anni in cui lavoravano insiemeHDGetty Images
Corey Feldman e Corey Haim negli anni in cui erano "i due Corey"

Facendo riferimento al documentario An Open Secret, che per primo ha denunciato apertamente la pedofilia a Hollywood, l'attore ha spiegato come funzionava il "sistema":

Credo che il violentatore di Corey fosse collegato a qualcosa di più grande [una rete di "feste" in cui i giovani attori venivano abusati sotto la minaccia delle armi e costretti ad assumere cocaina, n.d.r.]. Probabilmente, è per questo che è rimasto protetto per tutti questi anni. Si tratta di una persona che usa le intimidazioni e le minacce per tenere la gente tranquilla. Erano un gruppo di uomini ed erano tutti amici. Chiedete a chiunque del nostro giro dell'epoca: ci passavano avanti e indietro gli uni agli altri. 

Fino a oggi, Corey non ha mai denunciato nessuno per paura di ritorsioni e di finire lui stesso in tribunale, ma il caso Weinstein ha dato il via a qualcosa di molto potente nel mondo del cinema (e non solo).

E adesso l'attore sembra pronto ad affrontare l'ultima e più difficile sfida della sua vita. Dare un nome agli orchi di Hollywood.

Condividi

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.