FOX

Il regista di Thor: Ragnarok voleva anche Deadpool nel suo film

di -

Taika Waititi ha svelato che avrebbe voluto con sé in Thor: Ragnarok il Mercenario Chiacchierone impersonato con successo da Ryan Reynolds.

Deadpool vs Thor, supereroi e humor

607 condivisioni 14 commenti

Condividi

Di quale personaggio ha bisogno un film che annovera già Il dio del tuono, l'incredibile Hulk, la condottiera Valchiria, la villain Hela e l'enigmatico Loki? Nessuno, a meno che non si tratti di Deadpool, è ovvio. È il pensiero di Taika Waititi, l'artefice del terzo capitolo dedicato al supereroe asgardiano dei Marvel Studios.

Il regista di Thor: Ragnarok, durante un Q&A su Twitter (via Comic Book), ha confessato ai fan che avrebbe voluto nel film - se avesse goduto di libertà di scelta - anche il Mercenario Chiacchierone impersonato con successo da Ryan Reynolds. Peccato, ovviamente, che un'incursione di Wade Wilson nell'universo "thor-centrico" sia decisamente poco attuabile, dal momento che i diritti di Deadpool sono in mano a 20th Century Fox. 

"Deadpoop, ma sai com'è, leggi di m*#!a", ha commentato Waititi - storpiando il nome dell'antieroe ironico - in risposta ad un fan che gli aveva chiesto quale (altro) personaggio avrebbe portato nel film.

Un trono per due

Da Game of Thrones a Una poltrona per due: dai giochi di potere in cui viene risucchiato il vichingo spaziale col volto di Chris Hemsworth alla decisa virata verso l'umorismo slapstick, volgare eppure irresistibile, in cui solitamente sguazza Deadpool.

Non che Thor: Ragnarok sia estraneo a trovate umoristiche. Anzi. Il film di Waititi ha segnato un'incredibile inversione di rotta rispetto ai primi due capitoli della saga, strizzando l'occhio a quell'universo rock e variopinto dei Guardiani della Galassia: le gag tra Thor e Hulk, gli scambi di battute tra il figlio di Odino e il fratellastro impersonato da Tom Hiddleston. Si ride assai nel film, come negarlo.

Eppure il coinvolgimento di Deadpool avrebbe alzato ancor più l'asticella, rendendo il tutto ancor più inverosimile, spassoso, infine parodistico. Questo grazie alla libertà creativa concessa da Waititi sul set ai propri attori. Il regista di Thor: Ragnarok ha infatti rivelato a MTV News "che l'80% delle scene sono state improvvisate durante le riprese".

I risultati hanno dato ragione a Waititi, a cui va dato merito del successo di critica e pubblico ottenuto da Thor: Ragnarok, pellicola che ha avuto il merito di destare dall'oblio due Avengers (o meglio, "Revengers") come Thor e Hulk, pronti a tornare nel terzo e quarto capitolo dedicato ai Vendicatori Marvel.

Rivedremo infatti Chris Hemsworth e Mark Ruffalo in Avengers: Infinity War e Avengers 4. Ryan Reynolds non combatterà invece contro Thanos, ma i fan possono dormire sonni tranquilli: tornerà nel secondo capitolo di Deadpool, la cui uscita nelle sale americane è prevista per il 1 giugno 2018.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.