FOX  

Prison Break 5, recensione episodio 8: Discendenza

di -

Discendenza è il nome del penultimo episodio di Prison Break 5 che ci porta dritti al finale di stagione: la disattenzione di Michael gli costerà la vita?

174 condivisioni 4 commenti

Condividi

Con Discendenza siamo quasi giunti all'epilogo della quinta stagione di Prison Break, con Michael Scofield e Lincoln Burrows ormai lontani dallo Yemen, e dalla prigione di Ogygia, ma con tanti misteri che ancora aspettano di essere svelati.

Il penultimo episodio di questa serie TV, che si è caratterizzata ancora una volta per un'evasione come punto di partenza di tutta una serie di intrecci e misteri molto più profondi, ci svela un legame molto importante tra due dei protagonisti principali di questa stagione, portandoci dritti dritti verso il finale della storia, che si preannuncia non privo di sorprese.

Ma procediamo con ordine. L'episodio si caratterizza per alcuni flashback capaci di spiegare alcune lacune che noi telespettatori abbiamo avuto la sensazione di avvertire durante i precedenti episodi di Prison Break 5. Michael e Lincoln riescono a raggiungere Marsiglia, in Francia, ma, cercando di mettersi in contatto con la sua amata Sara, Scofield si rende immediatamente conto che qualcosa non va e decide di voler tornare immediatamente negli Stati Uniti per cercare di ricongiungersi con la dottoressa Tancredi e con il piccolo Mike. Per aiutare Michael, Lincoln gli racconta diverse cose accadute durante la sua assenza e di cui, effettivamente, eravamo tutti all'oscuro.

Lincoln, infatti, dopo aver tentato invano di vivere in maniera onesta si era messo in loschi traffici con Luca Abruzzi. Il cognome non è di certo nuovo ai telespettatori affezionati di Prison Break: ebbene sì, Luca è il figlio di John Abruzzi, il boss italo-americano che, quando i nostri erano detenuti a Fox River (prima stagione di Prison Break) ha svolto un ruolo di notevole importanza ai fini della storia e dell'evasione di Michael Scofield, Lincoln Burrows e di altri detenuti. Ricordando in qualche modo la prima stagione di Prison Break, sarà proprio un Abruzzi, con i suoi scagnozzi, a consentire a Michael e Lincoln di raggiungere gli USA, nonostante i guai non siano di certo già finiti. Se già da qui si disvela l'importanza del titolo del penultimo episodio di Prison Break, ancor più evidente ed importante lo diventa con il legame di sangue tra T-Bag e Whip.

Ebbene sì. Chi ha visto l'episodio ha appena scoperto che Whip (il cui vero nome è Dave Martins), fino ad oggi avvolto da un alone di mistero ai fini risolutivi della trama, è il figlio di Bagwell. Che sia un'occasione di redenzione per il mostro che è stato T-Bag? Quel che è certo è che Michael ha affidato all'ex galetto un compito misterioso: una vita in cambio di qualcosa. A pensarci bene, il ruolo di Whip nei piani di Michael non è ancora del tutto chiaro e per svelarlo del tutto dovremo attendere il finale di questo lungo viaggio che potrebbe riportare Michael accanto a Sara e al suo piccolo Mike.

Il ricongiungimento più atteso è ovviamente quello di Michael e suo figlio Mike. I fan più attenti avranno sicuramente notato, nel corso di questa stagione di Prison Break, un Michael Scofield più umano e sensibile, meno razionale, e più propenso alle lacrime, forse frutto di una paternità mai del tutto vissuta e che ora spinge Scofield anche a commettere degli errori, che prima mai avrebbe commesso.

Anche la pista del disegno, seguita sull'onda emozionale di trovare suo figlio, ha condotto Michael ad una trappola nella quale, forse, prima non sarebbe mai caduto. Del resto è sempre l'amore che può condurre per strade impervie, in vista di un fine ultimo, superiore, che possa in qualche modo ripagarci della sofferenza patita lungo il cammino. Così è per Scofield che non ha altro desiderio che quello di poter vivere con la propria famiglia una volta e per tutte.

L'umanità che Michael acquisisce in misura sempre maggiore, la perde, invece, in maniera progressiva Jacob, che alla dolcezza e alla pazienza degli inizi della serie TV contrappone ora uno sguardo decisamente duro e malvagio, nonostante sia alquanto evidente provi dei sentimenti per Sara. 

 Sono tanti i misteri che ancora aleggiano sulla quinta stagione di Prison Break. Non ci resta che attendere i minuti dell'episodio finale di Prison Break 5 (in onda lunedì 6 novembre su FOX) per tentare di capire una volta e per tutto il senso di Prison Break 5, nella speranza che non ci lasci a bocca asciutta preparando il terreno per una nuova, eventuale, stagione.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.