FOX

Thor: Ragnarok, tutti i riferimenti ai fumetti Marvel

di -

Ogni film Marvel Studios prende spunto, rielabolandole, da celebri storie a fumetti della Casa delle Idee. Scopriamo dunque le origini del Gran Maestro, del pianeta Sakaar e di tanti altri elementi presenti in Thor Ragnarok!

I riferimenti fumettistici di Thor: Ragnarok

58 condivisioni 1 commento 5 stelle

Share

Come ogni pellicola targata Marvel Studios, anche Thor: Ragnarok prende numerosi spunti da alcune storie a fumetti della Casa delle Idee.

Il film di Taika Waititi, in particolare, ha due principali fonti di ispirazione: il Planet Hulk di Greg Pak e, soprattutto, la storica run di Walter Simonson su The Mighy Thor (1983-87), con particolare riferimento alla saga di Surtur che culmina, guarda caso, con uno story arc dal titolo Ragnarok & Roll. Waititi ha ripreso molti elementi di queste famose storie a fumetti, le ha mixate con la sua coloratissima visione mutuata dall'estetica videoludica anni '80, ha aggiunto un pizzico di estetica kirbyana e ne ha tirato fuori un film che è una commedia sci-fi in cui Thor e Hulk vengono presentati come i classici protagonisti di un buddy movie.

Iniziamo il nostro viaggio dal pianeta Sakaar, luogo in cui è ambientato Planet Hulk. Dal punto di vista delle atmosfere, l'unico punto in comune tra carta e celluloide è il nome: il polveroso Sakaar dei fumetti, infatti, lascia posto alla variopinta maxi-discarica del film di Waititi. Ma gli elementi ripresi dal fumetto sono molteplici, a partire dai dischi dell'obbedienza utilizzati per costringere i guerrieri a combattere tra loro, passando per l'outfit da gladiatore di Hulk.

Ma in Thor: Ragnarok sono presenti anche alcuni personaggi della storia a fumetti di Greg Pak, ovvero Korg il kronan e l'insettoide Miek, anche loro notevolmente rivisitati e trasformati in un vero e proprio duo comico. A proposito, ad interpretare Korg (e anche Surtur) è proprio il regista di Thor: Ragnarok, Taika Waititi.

Korg in Thor RagnarokHDMarvel
Korg in azione in Thor Ragnarok

A regnare su Sakaar non è il Re Rosso come sulle pagine dei fumetti, ma un altro celebre personaggio della Casa delle Idee: il Gran Maestro meravigliosamente interpretato da un Jeff Goldblum in forma smagliante. Il Gran Maestro è uno degli Antichi dell'Universo, classe a cui appartiene anche il Collezionista che abbiamo già visto nel MCU con il volto di Benicio del Toro sia nella post-credit di Thor: The Dark World che nel primo film dei Guardiani della Galassia. A proposito della connessione tra i due, vi dirò di più: durante il panel Marvel Studios tenutosi all'ultima edizione del San Diego Comic Con, è stato rivelato che, nel Marvel Cinematic Universe, i due personaggi sono fratelli

Su Sakaar, il torneo organizzato dal Gran Maestro che vede Thor fronteggiare Hulk è intitolato Contest of Champions che, non a caso, è anche il titolo di una famosa saga a fumetti dei primi anni '80 in cui il Gran Maestro e la Morte mettevano a confronto i rispettivi campioni (prelevati tra gli eroi della Terra). In palio c'era la vita - guarda un po' - proprio del Collezionista.

Concept art per Guardians of the Galaxy: Mission Breakout, attrazione Disney al California AdventureHDMarvel
Il Collezionista ed il Gran Maestro

Tra le enormi teste che campeggiano sulla torre principale di Sakaar, oltre a quelle di Ares e Man-Thing, c'è quella di Beta Ray Bill, personaggio storicamente molto amato dai lettori di Thor che si augurano di poterlo vedere presto anche al cinema.

Bill è stato creato proprio da Simonson durante la sua lunga run ed è uno dei pochissimi personaggi Marvel ad essere riuscito a brandire il Mjolnir, il leggendario martello di Thor. Odino, stupito dalla forza d'animo di Beta Ray Bill, forgiò per lui un altro martello, Stormbreaker, che gli fornì gli stessi poteri del dio del tuono.

la torre di SakaarHDMarvel

Naturalmente anche Hela, così come il suo lupo gigante Fenris (entrambi creati da Stan Lee e Jack Kirby negli anni '60 sulle pagine di Journey Into Mistery), sono villain ricorrenti nelle avventure a fumetti di Thor.

E la Dea della Morte, ovviamente, ha un ruolo molto importante anche nelle summenzionate storie di Simonson. Storie in cui gioca un ruolo anche Skurge l'Esecutore, interpretato da Karl Urban, attore che mette piede nell'universo Marvel dopo aver preso parte ad altri celebri franchise cinematografici: è stato Judge Dredd, è uno dei membri dell'equipaggio dell'Enterprise targata Abrams nei panni del dottor McCoy, ed ha anche preso parte alla trilogia de Il Signore degli Anelli in cui era il volto di Eomer.

Skurge l'esecutoreHDMarvel

In particolare c'è un'analogia tra lo Skurge cartaceo e quello cinematografico che evocherà qualche ricordo ai lettori di vecchia data delle avventure di Thor. Mi riferisco al momento in cui, armato di una coppia di M-16, l'esecutore si lancia contro i guerrieri di Hela.

Per chiudere, un'ultima curiosità: avete presente quando Loki ricorda a Thor di quella volta che lo trasformò in una rana? Bé, anche questo è successo nei fumetti di quel pozzo di idee di Simonson.

Thor trasformato in ranaHDMarvel

Avete notato altri riferimenti ai fumetti Marvel in Thor: Ragnarok? Fatecelo sapere nei commenti e non dimenticate di leggere la nostra recensione del film.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.