FOX  

Marvel's Inhumans, la recensione dell'episodio 6

di -

Incubi, dubbi e cambiamenti sono gli ingredienti principali di Quel gentiluomo si chiama Gorgon, il sesto episodio di Marvel's Inhumans, lo show ABC dedicato alla famiglia reale inumana.

112 condivisioni 11 commenti 1 stella

Share

Il sospetto può tormentare il sonno di un re tanto da trasformare i suoi sogni nei peggiori degli incubi? Con questo quesito si apre il sesto episodio di Marvel's Inhumans, intitolato Quel gentiluomo si chiama Gorgon. Maximus scoprirà presto che la rivoluzione che ha deciso di mettere in atto è destinata a incontrare sul suo cammino molti più ostacoli di quanto avesse previsto.

Il dissenso verso le rivoluzionare idee politiche del nuovo re inizia a serpeggiare e a trovare proseliti all'interno del palazzo reale di Attilan, la capitale lunare dell'impero inumano. Com'era ampiamente ipotizzabile, la reticenza delle classi privilegiate, capeggiate dai membri del Consiglio Genetico, ad accettare la rottura di uno status quo vecchio di secoli, non ha tardato a manifestarsi.

Certo, in ogni serie TV che si rispetti c'è bisogno di un villain e il personaggio di Iwan Rheon ne è un esempio perfetto. Tuttavia gli sceneggiatori della nuova produzione ABC sono stati in grado di lavorare in modo approfondito sulla sceneggiatura in modo da insinuare il dubbio su chi sia il vero cattivo dello show.

E mentre sulla Luna regna il caos, sulla Terra infuria una tremenda battaglia. Black Bolt, Medusa, Karnak e Gorgon si sono finalmente riuniti.

Resta da trovare Crystal che è ancora in compagnia di Dave e Audrey. Il legame che si è creato tra la principessa di Attilan e il fattore delle Hawaii continua a diventare sempre più forte. Il loro rapporto rappresenta idealmente la sconfitta del pregiudizio inumano nei confronti dei terrestri e, per certi versi, la disfatta della politica isolazionista di Black Bolt

Anche Medusa, grazie all'incontro con la dottoressa Louise, ha capito che per il bene dell'impero inumano qualcosa deve cambiare.

Il meno propenso al cambiamento sembra essere Black Bolt. Nella mente del deposto sovrano al momento c'è solo spazio per la vendetta nei confronti del fratello minore. Il personaggio interpretato da Anson Mount sarà in grado di trascendere la sua posizione e di diventare un sovrano davvero illuminato?

Per il momento probabilmente nella sua mente non c'è spazio per questo tipo di pensieri visto che Auran, ripresasi completamente dalla tremenda esplosione di qualche episodio fa, è sulle sue tracce e sta cercando nuovamente di ucciderlo.

Questa volta, il braccio armato di Maximus che ha il volto di Sonya Balmores, ha deciso di tendergli un'imboscata e di attirarlo all'interno del laboratorio del dottor Declan, il genetista che aveva liberato Black Bolt dalla sua prigionia, servendosi di Sammy, un inumano incarcerato insieme a lui e dello stesso dottor Declan.

Ma la ricerca di Crystal e questa nuova minaccia da affrontare costringerà i membri della famiglia reale inumana che si erano appena ritrovati a separarsi ancora una volta.

Karnak, ancora alle prese con il black out dei suoi poteri e Gorgon saranno il team di salvataggio. Black Bolt, Medusa e Louise cercheranno di trovare Crystal.

Appena le due squadre si dividono, l'episodio inizia a lavorare su livelli differenti: uno, quello che coinvolge lo stratega e il capo della Guardia Reale di Attilan, i personaggi più diversi ma, al contempo, più complementari dello show, è più votato all'azione; l'altro, quello che mette ancora una volta sotto i riflettori Black Bolt, Medusa e, soprattutto il loro rapporto che necessita di evolvere, all'approfondimento psicologico dei personaggi.

Per sapere se e come riusciranno ad affrontare le conseguenze delle loro azioni, non vi resta che sintonizzarsi mercoledì prossimo alla stessa ora sempre e solo su FOX!

E a voi è piaciuto Quel gentiluomo si chiama Gorgon, il sesto episodio di Marvel Inhumans?

Qual è il film più riuscito del Marvel Cinematic Universe?

Vota

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.