Bud Spencer: a Budapest la statua che omaggia l'attore Carlo Pedersoli

di -

L'Ungheria rende omaggio all'attore ed ex nuotatore con una statua alta 2,4 metri interamente in bronzo.

Bud Spencer è la mano sinistra del diavolo in Lo chiamavano Trinità

7k condivisioni 41 commenti 5 stelle

Share

Un "Bambino" di 2 metri e 40 centimetri, interamente in bronzo: così l'artista Szandra Tasnádi ha voluto rendere omaggio al compianto Bud Spencer, scomparso il 27 giugno 2016. La statua mostra l'ex campione italiano di nuoto nei panni de "la mano sinistra del diavolo" - Bambino, appunto - dell'immortale Lo chiamavano Trinità (anche se il fermo immagine su cui la scultrice ha lavorato è tratto dall'incipit del sequel, ... continuavano a chiamarlo Trinità).

La statua dedicata a Carlo Pedersoli è stata inaugurata nella Corvin Promenade di Budapest alla presenza delle figlie dell'attore nato a Napoli il 31 ottobre 1929. Costata quasi 30mila euro, l'opera d'arte poggia su un piedistallo in marmo in cui è impressa la dicitura - in ungherese - "non abbiamo mai litigato", frase pronunciata dall'amico e collega Terence Hill, compagno di scazzottate nelle innumerevoli pellicole girate assieme, al funerale di Spencer.

L'inaugurazione a Budapest della statua in onore di Bud SpencerHDjozsefvaros.hu

La statua in onore di Bud Spencer è l'omaggio con cui l'Ungheria ha scelto di celebrare un'icona del cinema senza tempo. In coppia con Hill, hanno fatto ridere generazioni intere a suon di scazzottate e gag simpatiche.

Rude, scorbutico, insofferente nei riguardi dei prepotenti: è il personaggio tipo impersonato dal corpulento attore italiano. La ricetta "ceffoni & risate" ha attecchito fin da subito nel panorama italiano nei primi anni '70, allargandosi poi a macchia d'olio fino al successo mondiale. 

Eppure la sfida iniziale, ovvero la parodia di un genere avviato verso l'inevitabile fase di declino - il western - è stata vinta contro ogni aspettativa (immaginate il pericolo di non digeribilità, all'epoca, di un film con cow-boy e pistoleri che terminava senza neppure un morto stecchito per qualche "duello al sole"). 

Dai due Trinità in poi la coppia Spencer/Hill ha conquistato un numero di fan via via sempre più grande grazie a titoli come ... altrimenti ci arrabbiamo!, I due superpiedi quasi piatti, Io sto con gli ippopotami, senza contare la carriera "da solista" di Pedersoli che vanta titoli come Piedone lo sbirro e Bomber.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.