FOX

Torino Film Festival 2017: sei titoli da non perdere

di -

Da Smetto quando voglio Ad honorem a Mary Shelley, il 35esimo Torino Film Festival torna dal 24 novembre al 2 dicembre con un programma interessante e sei titoli assolutamente da non perdere.

0 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

La 35esima edizione del Torino Film Festival (il festival italiano che si tiene annualmente nel capoluogo piemontese dedicato soprattutto al cinema indipendente) si svolgerà da venerdì 24 novembre a sabato 2 dicembre.

Tra i tanti eventi interessanti che vi aspetteranno nel corso della manifestazione segnaliamo la presenza di sei titoli importanti e assolutamente da non perdere.

I sei titoli (tutti fuori competizione) saranno presenti quasi tutti nella sezione Festa Mobile con la sola eccezione di The Disaster Artist, presente invece nella sezione After Hours.

Scopriamoli uno per uno con le relative proiezioni per il pubblico.

Smetto quando voglio: Ad honorem

Il terzo capitolo della trilogia di Sydney Sibilia uscirà nelle sale italiane il prossimo 30 novembre. Ma per chi non volesse aspettare il film sarà proiettato al Cinema Massimo durante i giorni del TFF 35.

La prima proiezione per il pubblico si terrà il 27 novembre al Cinema Massimo alle ore 19:45. In sala saranno inoltre presenti il regista Sydney Sibilia e gli attori Edoardo Leo, Neri Marcoré e Luigi Lo Cascio. Una seconda proiezione si terrà il giorno seguente alle 9:45 presso la sala 2 al Cinema Massimo.

In Smetto quando voglio: Ad honorem la banda di spacciatori di droghe legali capitanata da Pietro Zinni finirà dietro le sbarre. Ma non per molto. In giro c’è infatti Walter Mercurio, un nuovo cattivo pronto a fare una strage che solo loro possono fermare. Per affrontare Mercurio la banda dovrà innanzitutto evadere da Rebibbia e soprattutto allearsi con Murena, loro storico nemico...

The Disaster Artist

Altro film molto atteso è The Disaster Artist, diretto ed interpretato da James Franco e vincitore della Concha de Oro per il miglior film Festival di San Sebastián.

The Disaster Artist, ancora senza una data d'uscita nelle sale italiane (ma dovrebbe uscire distribuito da Warner Bros.), sarà presente al TFF nei giorni dal 25 al 27 novembre, disponibile in ben quattro proiezioni sparse tra il Cinema Massimo e il Cinema Reposi.

The Disaster Artist racconta la genesi de "il Quarto potere dei film brutti", ovvero The Room, film di culto del 2003 diretto ed interpretato da Tommy Wiseau insieme all'amico Greg Sestero (interpretato da Dave Franco, fratello di James).

Personaggio controverso e sgangherato, Wiseau arriva ad Hollywood con nessun talento e il sogno di sfondare nello star system. Il risultato? "Il più grande brutto film mai realizzato".

L'ora più buia

Gary Oldman nei panni di Winston Churchill è irriconoscibile e in odore di Oscar. Se non basta questo a definire L'ora più buia un film imperdibile, ricordiamo allora che la regia è di Joe Wright (Anna Karenina ed Espiazione). Il film arriverà nelle sale italiane il 18 gennaio, ma al Torino Film Festival sarà possibile vederlo in anteprima dall'1 al 2 dicembre presso il Cinema Reposi.

Alla vigilia della seconda guerra mondiale, Winston Churchill vive il suo momento più buio. Proprio quando la minaccia di un'invasione nazista è imminente, il futuro Primo Ministro della Gran Bretagna dovrà compiere la sua scelta più difficile: negoziare con la Germania nazista oppure difendere gli ideali della sua nazione con la resistenza. 

Professor Marston & The Wonder Women

Se avete amato Wonder Woman di Patty Jenkins non potrete certo perdervi Professor Marston & The Wonder Women, film che racconta la storia dell'uomo che creò Diana Prince.

Professor Marston & The Wonder Women vede protagonista un insolito triangolo amoroso interpretato da Luke Evans, Rebecca Hall e Bella Heathcote e sarà proiettato al Cinema Reposi dal 30 novembre al 2 dicembre. Ancora non sappiamo se il film uscirà nelle sale italiane.

Negli anni '20 il dottor William Moulton Marston, psicologo e inventore della macchina della verità, insegna all'Università di Harvard. Spinto da teorie progressiste sulla sessualità femminile, Marston ha un'idea per la prima super-eroina dei fumetti: Wonder Woman. 

Ma dietro al personaggio di Diana Prince si cela la musa ispiratrice Olive Byrne, una studentessa con cui Marston e sua moglie Elizabeth intrattengono un appassionato ménage à trois non privo di sfumature omoerotiche...

Dickens - L'uomo che inventò il Natale

Il quinto film imperdibile è Dickens - L'uomo che inventò il Natale (arriverà nelle sale italiane il 21 dicembre) con protagonista Dan Stevens di Legion.

Il film verrà proiettato al pubblico l'1 dicembre alle 19:45 presso la Sala 1 del Cinema Massimo. Alla proiezione presenzierà inoltre il regista Bharat Nalluri. Altre due proiezioni si terranno il giorno seguente al Cinema Massimo (sempre presso la Sala 1), la prima alle 11:30 e la seconda alle 19:45.

Nell'ottobre 1843 Charles Dickens stava affrontando una difficile crisi creativa legata al fallimento degli ultimi suoi tre libri.

Preoccupato per le sue finanze e con un figlio piccolo da mantenere, lo scrittore cercava in tutti i modi l'ispirazione per una nuova storia. Finché non fu la sua nuova storia a venire a bussare alla sa porta. Fu allora che ideò il personaggio di Ebenezer Scrooge e il suggestivo mondo de Il Canto di Natale, uno dei suoi romanzi più noti.

Mary Shelley

L'ultimo titolo da non perdere al TFF 35 è Mary Shelley, film con protagonista Elle Fanning e diretto dalla regista saudita Haifaa Al-Mansour.

Il film (in Italia ancora senza data d'uscita) sarà proiettato al festival dal 29 novembre al 1 dicembre presso il Cinema Reposi.

Mary Shelley racconta la storia di Mary Godwin Wollstonecraft, scrittrice britannica nota soprattutto per il suo romanzo Frankenstein, oggetto di numerose trasposizioni.

Adolescente ribelle ed anticonformista, Mary si innamora del poeta Percy Shelley, già sposato e con figli. Una relazione scandalosa e oggetto di numerosi pettegolezzi. Dopo essere fuggita insieme all'amante e alla sorellastra Claire, Mary fa la conoscenza del poeta George Gordon Byron. Quest'ultimo spingerà la giovane a scrivere una storia di fantasmi aprendo quindi la via alla nascita di Frankenstein. 

Che ne pensate? Ci sarete al TFF?

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.