FOX

Brett Ratner non produrrà Wonder Woman 2: Gal Gadot chiarisce i rumor

di -

Brett Ratner non produrrà Wonder Woman 2, ma la decisione è precedente alle dichiarazioni di Gal Gadot sull'uomo. L'attrice ha fatto chiarezza in un'intervista a Today.

Gal Gadot alla prima di Justice League

235 condivisioni 1 commento 3 stelle

Share

A quanto pare, la "golden age" di Brett Ratner a Hollywood è finita. Dopo le indiscrezioni rilanciate da Page Six, secondo cui Gal Gadot non sarebbe tornata in Wonder Woman 2 se il produttore accusato di molestie sessuali fosse stato coinvolto nel film, è arrivata la conferma che l'uomo non avrà nulla a che fare con il sequel.

A fornirla, seppure indirettamente, è stata la stessa attrice israeliana, nel corso della trasmissione Today.

Quando la padrona di casa, Savannah Guthrie, le ha chiesto se le voci fossero vere, l'alter ego della Principessa delle Amazzoni ha dichiarato molto diplomaticamente che era chiaro a tutti che cosa andasse fatto e che la decisione era (già) stata presa prima che la notizia fosse rilanciata (dal minuto 3:50 nel video seguente):

Alla fine della giornata, era pieno di articoli che riportavano le mie opinioni e quello che provo [riguardo alla vicenda, n.d.r.], perché non sto nascondendo nulla. Ma la verità è che ci sono un sacco di persone coinvolte nella realizzazione [di Wonder Woman 2, n.d.r.], non solo io. E tutte la pensano allo stesso modo. Capisci cosa intendo? Tutti sapevano quel era la cosa giusta da fare. E non c'era bisogno che dicessi nulla, perché era già stato tutto deciso prima che uscisse il pezzo [di Page Six, n.d.r.].

A conferma delle parole di Gal, c'è un articolo di Deadline uscito poco dopo quello di Page Six, che chiarisce la posizione della star e quella di Brett Ratner.

Il sito spiega che l'attrice israeliana ha un accordo per recitare in Wonder Woman 2 e che tra lei e i "grandi capi" di Warner Bros. non ci sono stati incontri per parlare del produttore travolto dalle accuse di molestie sessuali. Anzi, la major sta facendo un enorme lavoro di promozione per Gal e Patty Jenkins (confermata alla regia del secondo capitolo), in vista della prossima stagione di premi.

Ma soprattutto, era già stabilito che RatPac Dune Entertainment non producesse il sequel dedicato alla Principessa delle Amazzoni, dal momento che il suo impegno con Warner Bros. si conclude il 20 aprile 2018 con Rampage.

Inoltre, Deadline osserva che il nome di Brett Ratner non compariva neppure in Wonder Woman, poiché la sua società ha partecipato come finanziatore passivo.

Gal Gadot in Wonder WomanHDWarner Bros.
Gal Gadot tornerà in Wonder Woman 2

Gal tornerà a essere la Principessa delle Amazzoni in un film a lei dedicato nel 2019, ma intanto è di nuovo Wonder Woman in Justice League.

E aggiunge un altro tassello alla nuova era del "women's empowerment" al cinema e... non solo.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.