FOX

James Cameron racconta il sequel di Avatar: 'Ci saranno diverse scene sott'acqua'

di -

In tutti e quattro i sequel di Avatar ci saranno diverse scene sott'acqua. James Cameron racconta la difficile realizzazione dell'immaginario mondo sommerso di Pandora.

Neytiri (Zoe Saldana) in una scena di Avatar (2009)

0 condivisioni 0 commenti 0 stelle

Share

Sappiamo ormai da tempo che James Cameron ha in cantiere ben 4 sequel di Avatar.

Ma prima ancora che sapessimo che i sequel sarebbero stati quattro, era emerso anche un altro dettaglio importante e cioè che su Pandora saremmo andati sott'acqua.

Recentemente Cameron è tornato parlare proprio di questo aspetto del progetto con il sito Collider:

Ci sarà un'enorme quantità di scene in acqua in Avatar 2 e 3. Anche in 4 e 5, certo, ma l'enfasi è nei film 2 e 3.

L'esigenza di dover girare un consistente numero d scene sott'acqua sta presentando però delle serie difficoltà nell'attuale fase di riprese (iniziate lo scorso 25 settembre).

Questo perché la maggior parte del girato dei sequel di Avatar verrà realizzato mediante la tecnologia della motion capture. Quest'ultimo sistema prevede che gli attori indossino solitamente degli speciali abiti ricoperti di puntini che seguono tutti i loro movimenti e le loro espressioni facciali per poi rielaborare tutto digitalmente.

Come spiega lo stesso Cameron a Collider, realizzare le scene ambientate sott'acqua secondo questo procedimento risulta tuttavia complicato:

Non è mai stato fatto prima ed è molto difficile perché il nostro sistema di motion capture, come nella maggior parte dei casi, è di quelli che chiamano 'a base ottica'. Questo significa che utilizza dei marcatori che vengono fotografati con centinaia di fotocamere.

Ma qual è in concreto il problema di girare le scene sott'acqua utilizzando questa medesima tecnica?

È lo stesso regista a dare una risposta a questo interrogativo:

Il problema con l'acqua non è la parte subacquea, ma l'interfaccia tra l'aria e l'acqua che forma uno specchio mobile. Questo specchio mobile riflette tutti i punti e i marcatori e crea una serie di falsi indicatori. 

Questo significa che gli addetti ai lavori si troveranno di fronte ad un contesto confuso in cui risulta difficile distinguere i marcatori reali da quelli riflessi.

Nonostante le difficoltà, Cameron sembrerebbe soddisfatto da come stia procedendo la lavorazione:

Abbiamo fatto un sacco di prove e sono andate tutte bene, la prima solo martedì scorso [14 novembre, n.d.r]. Abbiamo girato un'intera scena sott'acqua con il nostro giovane cast.

Naturalmente va precisato che la realizzazione delle scene subacquee ha richiesto un'attenta preparazione. In particolare i ragazzi del cast di Avatar (la maggior parte dei quali interpreteranno i figli del soldato Jake Sully e della Na'vi Neytiri) si sono dovuti allenare a trattenere il respiro sott'acqua:

Abbiamo sei ragazzi e un bambino di sette anni e stanno girando tutti una scena subacquea. Li stiamo allenando da sei mesi a trattenere il respiro e resistono tutti dai 2 ai 4 minuti. Sono tutti perfettamente in grado di agire sott'acqua con calma mentre trattengono il respiro.

Cast e uscita di Avatar 2

In Avatar 2 torneranno quindi gli acclamati protagonisti Sam Worthington e Zoe Saldana. Con loro vedremo anche i giovanissimi Jamie Flatters, Britain Dalton, Trinity Bliss, Bailey Bass, Filip Geljo e Duane Evans.

Al cast si è inoltre recentemente unita Kate Winslet. L'attrice premio Oscar per The Reader - A voce alta tornerà quindi a collaborare con Cameron, a circa vent'anni di distanza da Titanic, nel misterioso ruolo di Ronal.

Avatar 2 uscirà negli Stati Uniti il 18 dicembre 2020. Per conoscere la data d'uscita nelle sale italiane è ovviamente ancora troppo presto.

Che ne pensate? Voi lo aspettate?

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.