FOX

Toy Story 4 perde i suoi sceneggiatori: 'Divergenze creative e culturali'

di -

Idue sceneggiatori di Toy Story 4 abbandonano il nuovo film di animazione Pixar per "divergenze creative e culturali".

I protagonisti della saga Toy Story

36 condivisioni 1 commento 0 stelle

Share

Gli sceneggiatori Rashida Jones e Will McCormack hanno abbandonato il progetto Toy Story 4

Il motivo non sarebbe legato alle recenti accuse di molestie sessuali rivolte John Lasseter, Chief Creative Officer di Pixar, ma a delle divergenze culturali con la casa di produzione, come hanno spiegato con una dichiarazione sul New York Times:

Non abbiamo lasciato Pixar per delle avances indesiderate. Non è vero. Lo abbiamo fatto per delle divergenze creative e, ancor prima, culturali. Molti talenti lavorano per Pixar e noi continueremo ad apprezzare i loro film. Ciò nonostante, viviamo in una cultura aziendale dove le donne e gli uomini di colore non hanno la stessa considerazione, nemmeno dal punto di vista creativo.

Rashida Jones accusa Pixar di screditare le donne

Rashida Jones e Will McCormack hanno concluso il loro intervento con una proposta ben precisa rivolta a una grande realtà come Pixar:

Incoraggiamo Pixar a diventare un vero leader nel settore rafforzando e promuovendo il ruolo delle donne.    

Dei 19 film di animazione prodotti da Pixar dal 1995 a oggi, solo Ribelle (realizzato nel 2012) porta la firma di una regista, Brenda Chapman, che venne però licenziata a metà della produzione dopo uno scontro proprio con John Lasseter. 

Il caso Lasseter

John Lasseter, colui che viene chiamato il "Walt Disney moderno", è stato accusato di aver disturbato diversi dipendenti con avances indesiderate.

A quanto pare, Lasseter è noto per i baci, gli abbracci e i commenti inappropriati sugli attributi fisici dei suoi colleghi. A seguito di ciò, il capo del settore creativo Pixar ha lasciato il suo incarico e ha deciso di mettersi in aspettativa per sei mesi.

John Lasseter lascia Pixar per sei mesi

Nella lunga lettera che ha inviato a Disney, riportata da Hollywood Reporter, Lasseter si è assunto la responsabilità dei suoi gesti che, per quanto non voluti, hanno creato un ambiente lavorativo disagevole

È stato portato alla mia attenzione il fatto che ho mancato di rispetto ad alcuni di voi e che questo vi ha messo a disagio. Non è mai stata la mia intenzione. Voi significate tutto per me e mi scuso profondamente per avervi delusi.

Tramite un suo portavoce, Disney ha subito rilasciato una dichiarazione ufficiale in merito:

Vogliamo perseguire una politica per cui ogni nostro dipendente venga rispettato e messo nelle condizioni per dare il meglio nel suo lavoro. Apprezziamo il candore e la sincerità di John e sosteniamo a pieno il suo periodo di aspettativa.

E Toy Story 4?

Il quarto capitolo del franchise di Toy Story dovrebbe uscire nelle sale a giugno 2019, ma dopo questi stravolgimenti potrebbero esserci degli ovvi rallentamenti.

Per ora ci sono solo alcune certezze: Tom Hanks presterà ancora la sua voce allo Sceriffo Woody  tornerà la pastorella Bo di cui si erano perse le tracce nel secondo capitolo, e la regia dovrebbe essere affidata Josh Cooley, che ha da poco diretto il cortometraggio Inside Out - Il primo appuntamento di Railey.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.