FOX  

MondoFox intervista Robert Kirkman: vi racconto il segreto di Negan

di -

A Lucca Comics 2017 il creatore di The Walking Dead Robert Kirkman ci ha svelato alcuni retroscena sul suo lavoro e sul personaggio di Negan. La nostra videointervista.

150 condivisioni 8 commenti 5 stelle

Share

Uno degli ospiti di punta di Lucca Comics & Games 2017 è stato senza ombra di dubbio Robert Kirkman il creatore di The Walking Dead, in fiera grazie a SaldaPress per presentare il volume Negan è qui e anticipare ai lettori italiani qualcosa sulla sua prossima serie a fumetti, Oblivion Song.

Molti sono stati gli appuntamenti in cui lo sceneggiatore ha avuto modo di entrare in contatto con i numerosi fan accorsi per incontrarlo, tra cui quello svoltosi al Cinema Astra che lo ha visto introdurre al pubblico lo speciale The Walking Dead: The Journey So Far.

Durante la kermesse toscana, anche noi di MondoFox abbiamo avuto modo di scambiare quattro chiacchere con lui: il risultato è la videointervista che trovate in apertura a questo pezzo, in cui Kirkman ci ha svelato alcuni retroscena sul suo lavoro e ci ha raccontato qualcosa in più sul sadico ma affascinante Negan.

Robert Kirkman intento a rispondere alle domande di MondoFox a Lucca Comics & Games 2017

Per lo sceneggiatore, insieme a Glenn il villain interpretato da Jeffrey Dean Morgan è il personaggio che avuto la miglior trasposizione dalla carta alla TV. Come ci ha spiegato, questo è dovuto alla natura stessa del personaggio:

Credo che l'idea principale dietro a Negan e alla sua evoluzione sia stata quella di mostrare un tipo di adattamento all'apocalisse molto distante da quello di Rick e del suo gruppo, con diverse regole e modi di vivere. Volevo che Negan abitasse in un ambiente estraneo, con un comportamento altrettanto differente.

Secondo l'autore, inoltre, se seguissimo le vicende dalla sua prospettiva potremmo addirittura arrivare a tifare per lui:

Il fumetto Negan è qui nasce con l'intento di riavvolgere il tempo e mostrare ai lettori perché Negan è diventato quello che è. Se avessimo seguito la sua storia fin dal primo giorno, probabilmente avremmo visto Rick come un folle e ci saremmo schierati dalla parte dalla sua parte. Nonostante quanto appaia sadico e pazzo.

La cover di Negan è qui© SaldaPress
La copertina di Negan è qui, il fumetto che racconta le origini del celebre villain di The Walking Dead

Parlando del suo lavoro di sceneggiatore, Robert Kirkman ci ha poi raccontato:

La differenza maggiore tra scrivere una sceneggiatura per un albo di The Walking Dead e un episodio della serie TV è soprattutto l'inclusione del movimento e del suono. Un attore può fare alcuni movimenti o avere sguardi che non si possono rappresentare sulla carta.

Infine, alla domanda sulla mancata inclusione nello show di alcune scene cardine del fumetto, l'autore ha precisato:

Ci sono cose che non abbiamo inserito nella serie TV per motivi legati alla produzione o perché credevamo non fossero necessarie all'evoluzione della storia. Una di queste è la perdita della mano destra da parte di Rick, un momento molto figo nel fumetto ma davvero difficile da trasporre sul piccolo schermo. Nello show Rick combatte, si arrampica: mostrare tutto questo in modo realistico privandolo di una mano sarebbe stata un'operazione fin troppo complicata.

L'ottava stagione di The Walking Dead vi aspetta in prima visione assoluta su FOX tutti i lunedì alle ore 21.00.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.