FOX  

Snowfall, il ruolo del Crack nella Serie TV in arrivo su FOX

di -

Snowfall non è solo sceneggiatura e scenografia. Un ruolo fondamentale lo svolge anche il contesto, che diventa il protagonista assoluto della serie TV: il Crack.

24 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

In attesa di vedere in esclusiva su FOX la prima stagione di Snowfall, che - ricordiamo - andrà in onda a partire da domenica 26 novembre (ore 21.00), è online una terza featurette incentrata sul ruolo del Crack nel progetto, che poi rappresenta il contesto in cui si svolge l’intera vicenda, se non il suo protagonista indiscusso.

Non solo sceneggiatura e scenografia: anche l’ambiente e le dinamiche ad esso collegate sono fondamentali per capire a fondo cosa vedremo nella serie TV targata FX.

Gli attori sul ruolo del Crack in Snowfall

Insieme al ruolo del Crack, è bene capire prima di tutto come vivono i suoi interpreti questa diffusione, iniziata nel lontano 1983 e conclusasi nel 1990.

Amin Joseph, che presta il volto al personaggio Jerome, ricorda che questa droga in quegli anni divenne la “più diffusa degli Stati Uniti”. Ovviamente, era qualcosa di innovativo per il mercato delle sostanze stupefacenti e quindi da provare assolutamente.

In una breve scena, infatti, si vede Isaiah John (Leon Simmons) rispondere “Qualcosa di NUOVO, fratello!” alla domanda “Che cos’hai per me?”. È chiaro il riferimento al Crack. D’altronde questo è il mondo a cui si vuole dare spazio nella serie TV.

L’attore RZA (Swim) specifica che quando è scoppiato questo fenomeno, non si conosceva la portata dei suoi effetti”. Inoltre - è giusto rimembrarlo - “la Cocaina era estremamente costosa. Era solo per i ricchi, per le stelle del cinema e del rock”.

Sempre a detta di RZA, si tratta di una storia che “la gente della strada vive in prima persona”, al di là di ciò che possono pensare i politici sulla questione.

Anche Carter Hudson, alias Teddy McDonald in Snowfall, dice la sua sul ruolo del Crack nella serie TV, in onda da domenica 26 novembre su FOX:

Era troppo costosa per causare una vera dipendenza. Teddy [il personaggio da lui interpretato] è del tutto inconsapevole di che cosa sia il Crack, di quanto sia pericoloso, e del fatto che possa diffondersi in modo così capillare.

Hudson parla di un ambiente governato dai “sudamericani, fatti entrare dal governo statunitense”, i quali “avevano il permesso di fare quello che volevano: da San Francisco” e “fino a San Diego”.

Quest’ultimo, inoltre, racconta del ruolo del Crack nella vicenda, sottolineandone l’aspetto più inquietante: “Nessuno conosceva la pericolosità di questa droga”.

In una seconda scena presente nella terza featurette di Snowfall, nel frattempo, viene spiegato in modo semplice ma efficace come nasce il Crack: “Si raffredda finché non si indurisce”.

Alon Moni Aboutboul, interprete di Avi Drexler, sostiene che qualcosa di incredibile nella storia c’è ed è il fatto che la CIA abbia permesso l’entrata della droga negli Stati Uniti per “finanziare i combattenti nicaraguensi che combatterono il loro governo in quegli anni”.

Tra gli altri attori coinvolti nel progetto, a raccontare il suo punto di vista è anche Filipe Valle Costa (Pedro Nava), rimasto sorpreso dal “scoprire che la cocaina ha rovinato tantissime persone”.

Emily Rios, alias Lucia Villanueva in Snowfall, invece, afferma che per prepararsi al ruolo ha parlato con i suoi genitori:

Loro sono nati qui [Los Angeles]. Hanno vissuto in prima persona come il Crack è arrivato e si è diffuso, ma prese il sopravvento quasi da un giorno all’altro e cambiò la vita quotidiana di ognuno. Molti diventarono tossicodipendenti e ogni famiglia si trovò a vivere in un mondo fino ad allora sconosciuto.

Infine, l’attore Juan Javier Cardenas (Alejandro Usteves) dichiara una cosa molto interessante, che a ben pensarci rappresenta la cruda realtà dei fatti:

La diffusione del Crack ebbe effetti che si sentono ancora nella Los Angeles di oggi. Ha influito sulle elezioni presidenziali, ha colpito generazioni di famiglie che sono state distrutte. Perciò non è una cosa che appartiene solo al passato come un pezzo da museo, ma è qualcosa strettamente legata alla nostra vita di oggi

Leonard Chang e il traffico di droga in Snowfall

Ovviamente, non poteva mancare il commento di Leonard Chang, produttore esecutivo e sceneggiatore della serie TV:

Negli anni ’80 il traffico di droga cambiò radicalmente rispetto a ciò che era stato prima. Negli anni ’50 e ’60 la droga si vendeva e c’era chi guadagnava, ma quando iniziò a diffondersi il Crack. Per le sue peculiarità, per la dipendenza fortissima che causava e per il costo moderato, lo spaccio iniziò a svilupparsi in un forte antagonismo. In ballo c’erano quantità di denaro enormi.

C'è sempre qualcosa di nuovo e affascinante da sapere sul mondo di Snowfall, ma per conoscerlo fino in fondo bisognerà aspettare il prossimo 26 novembre, giorno in cui andrà in onda in esclusiva su FOX.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.