FOX

James Cameron quasi colpì Harvey Weinstein col suo Oscar (per difendere Del Toro)

di -

Nel corso di un'intervista rilasciata a Vanity Fair per i 20 anni del film Titanic, James Cameron ha ammesso di aver quasi colpito Harvey Weinstein durante gli Oscar del '98.

James Cameron e Harvey Weinstein

1 condivisione 0 commenti 5 stelle

Share

James Cameron, regista noto per tanti film di successo tra cui Titanic e Avatar, è conosciuto come una persona notoriamente molto mite nell'ambiente cinematografico.

Eppure, a quanto pare, sembra che in passato abbia perso le staffe a causa del produttore cinematografico Harvey Weinstein, co-fondatore di Miramax. 

Ricordiamo che Weinstein è recentemente finito nell'occhio del ciclone a causa di diverse accuse di molestie violenza sessuale che gli sono piovute addosso da molte attrici famose, tra cui Asia Argento, costringendo la stessa The Weinstein Company ad allontanare colui che ha contribuito a fondarla.

Cameron, in occasione dei venti anni dell'uscita di Titanic (con la pellicola che tornerà nei cinema USA il 1° dicembre in versione digitale Dolby Vision), ha rilasciato un'intervista a Vanity Fair nel corso della quale ha parlato non solo del grande successo che la pellicola con Leonardo DiCaprio e Kate Winslet ha ottenuto negli anni, ma anche di un episodio che, come anticipato, in passato ha coinvolto lui e Harvey Weinstein.

Il produttore cinematografico Harvey Weinstein

James Cameron, infatti, ha rivelato che la notte del 31 marzo 1998 in cui Titanic ha vinto ben 11 premi Oscar (su 14 candidature), lui e Weinstein sono quasi venuti alle mani, aggiungendo di aver quasi colpito il produttore cinematografico con la statuetta del Premio vinto. 

Ricordo di aver litigato con Harvey Weinstein e di averlo quasi colpito con il mio Oscar!

La giornalista che ha intervistato Cameron, Rebecca Keegan, ha poi evidenziato che probabilmente oggi sono molte le persone che vorrebbero colpire Weinstein. Il regista ha aggiunto:

Avrei preferito che tutto si fosse fermato lì. Stava accadendo all'interno del teatro. La musica aveva cominciato a suonare per farci tornare ai nostri posti. Le persone intorno dicevano: 'Non qui, non qui', come se fosse lecito aggredirsi in un parcheggio, sai, ma non andava bene mentre c'era la musica e si doveva andare in diretta.

Il regista James Cameron

James Cameron ha precisato che le ragioni del litigio con Weinstein hanno riguardato i problemi che il suo amico Guillermo del Toro aveva avuto con il film Mimic, distribuito da Miramax, la compagnia di Weinstein.

È una lunga storia, ma ha a che fare con Guillermo del Toro e con quanto è stato trattato male da Miramax per il film Mimic. Harvey è venuto da me facendomi le congratulazioni, parlando di come fossero stati rispettosi dell'artista e appena gli ho detto per filo e per segno come pensavo fosse andata in realtà, stando alla versione del mio amico, è scoppiato il litigio.

Del resto, lo stesso Guillermo del Toro, durante il BFI London Film Festival dello scorso mese di ottobre ha parlato di quanto avesse odiato lavorare con Miramax e Weinstein proprio riguardo al film Mimic.

Come riportato dal Daily Mail, infatti, Del Toro ha dichiarato:

Sono successe due cose orribili alla fine degli anni '90: mio ​​padre è stato rapito e ho lavorato con gli Weinstein [Harvey e il fratello Bob, n.d.r.]. Ma so cosa è stato peggio... il rapimento aveva più senso, sapevo cosa volevano!

L'acclamato regista ha spiegato come Miramax gli abbia ordinato di non presentare violenza contro animali o bambini nel film (diretto da Del Toro nel 1997) ma di aver, invece, girato una scena in cui vengono uccisi due bambini e un cane solo per ribellarsi a questa scelta non in linea con quelle che erano le sue idee per il film.

Non ci resta ora che attendere per scoprire se, in qualche modo, Harvey Weinstein deciderà di replicare a Cameron, dicendo la sua su quello che è accaduto quella lontana notte del 1998.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.