FOX

Hugh Jackman: 'Un amico disse che X-Men mi avrebbe rovinato'

di -

Hugh Jackman parla dell'importanza di X-Men e del personaggio di Wolverine nella sua vita. Riflette sui cinecomic e i consigli ricevuti in passato. Un amico gli disse che X-Men gli avrebbe rovinato la carriera.

Primo piano di Hugh Jackman

975 condivisioni 13 commenti 5 stelle

Share

Hugh Jackman ha interpretato Wolverine per 17 anni prima del suo addio al ruolo nel recente Logan. Lo abbiamo visto per la prima volta nei panni del mutante nel 2000, nel primo X-Men. 9 film dopo, Jackman riflette sul successo e gli inizi del franchise insieme a Willem Dafoe.

In un'intervista con Variety tratta dal segmento Actors on Actors, in cui attori popolari intervistano altri attori popolari, Jackman e Dafoe hanno parlato dei giovani attori nei loro film, dei cinecomic, e di quanto le opinioni degli amici possano rivelarsi sbagliate.

I due attori hanno iniziato lodando il talento dei giovani artisti che lavorano con loro. In particolare, Hugh Jackman ha parlato della bravissima Dafne Keen, sua co-star in Logan:

Dafne Keen. Entrambi i suoi genitori sono in questo business. Sono fantastici. Sono persone che vengono dall'ambiente del teatro, capiscono il processo. A James Mangold venne l'idea di fare un film sulla famiglia. Questo è ciò che spaventa Logan più di ogni cosa, l'amore e l'intimità e le ramificazioni che queste sensazioni possono portare, il dolore che possono causare. Quindi l'idea di avere una figlia non voluta mi spinse a dire a Jim [Mangold, n.d.r.]: 'Amo l'idea. Non penso che troveremo una bambina adatta. Stiamo correndo un rischio, perché devi credere che questa bambina abbia la ferocia e la violenza nel DNA.'

Dafoe aggiunge, simpaticamente:

E l'avete trovata. Fa più paura di te.

Jackman continua:

Incredibile. La fermezza, la ferocia - onestamente dopo le scene di lotta mi erano venuti dei lividi sul braccio. Ma è una bambina meravigliosa e la sua performance è fantastica. 

I consigli sbagliati di un amico

X-Men ha cambiato in parte la vita di Hugh Jackman, ma l'attore ha rivelato che non tutti erano entusiasti di questo suo progetto. In particolare, un amico gli disse che il film avrebbe rovinato la sua carriera:

Diciassette anni. Incredibile, vero? Non me lo sarei mai immaginato. Ricordo che avevo finito il primo film, un amico che lavora ad Hollywood mi disse: 'Amico, non ho sentito cose belle di questo film [X-Men, n.d.r.], dovresti trovarti un altro ruolo prima che esca nelle sale.' Restavano quattro mesi prima dell'uscita, mi disse: 'Assicurati di avere altri ruoli quando esce, perché tornerai di nuovo in fondo alla fila.'

Dafoe aggiunge:

Questo tizio è ancora tuo amico?

Jackman risponde:

Sì, fortunatamente si sbagliava. Nessuno poteva saperlo. Non c'era il genere cinecomic. Non c'erano film di quel tipo. Era il 2000.

Hugh Jackman sul red carpet per i premi Bambi

E sull'importanza del genere cinecomic:

Spider-Man è stato un gran film e anche X-Men ha fatto molto per il genere. In particolare, la prima scena nel campo di concentramento, fa capire che l'idea è quella di prendere seriamente il lato umano oltre quello dei supereroi. Penso che Christopher Nolan abbia alzato l'asticella, facendo vedere alle persone che c'è di più in questo genere di film. Queste storie hanno continuato ad essere diverse e ad intrattenere. Poi capitano film come Deadpool e Logan lo scorso anno, penso che gli studios stiano provando a rischiare e a fare cose diverse, non ho idea di quanto durerà.

Fortunatamente l'amico di Hugh Jackman si sbagliava. Il franchise di X-Men è lontano dall'essere un errore o un insuccesso, il prossimo film dedicato ai mutanti Marvel X-Men: Dark Phoenix, uscirà nelle sale nel 2018.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.