FOX  

Mark Salling si dichiara colpevole di possesso di pedopornografia

di -

Come previsto dal patteggiamento, Mark Salling è tornato in tribunale e si è dichiarato colpevole di possesso di materiale pedopornografico. La sentenza è attesa a marzo 2018.

Mark Salling in una vecchia immagine che lo ritrae in una occasione ufficiale

61 condivisioni 15 commenti 5 stelle

Share

La giustizia per Mark Salling va avanti. Dopo avere raggiunto un accordo di patteggiamento a ottobre 2017, l'attore è tornato in tribunale lunedì 18 dicembre.

Come riporta People, l'ex star di Glee si è presentata in aula presso il Palazzo di Giustizia di Los Angeles per dichiararsi colpevole di possesso di materiale pedopornografico con minori in età prepuberale.

Citando fonti federali, il sito scrive che in casa di Salling sono state trovate più di 25mila immagini e 600 video contenuti in un computer e in penne USB. Secondo gli atti giudiziari, tra le foto sequestrate all'attore ce ne sarebbero alcune che ritraggono bambini di circa 3 anni mentre subiscono abusi.

Ma per The Hollywood Reporter e TMZ, il materiale sarebbe molto di più e le immagini ammonterebbero a oltre 50mila.

L'interprete di Noah "Puck" Puckerman non ha rilasciato dichiarazioni, ma per lui ha parlato il suo avvocato, che ha dichiarato che Salling sarebbe impegnato a lavorare su sé stesso:

Mark è concentrato sull'accettazione delle proprie responsabilità e sul tentativo di espiare e fare ammenda per la sua condotta.

Mark Salling arriva in tribunaleHDGetty Images
Mark Salling all'ingresso in tribunale per la prima udienza a giugno 2016

L'arresto di Mark Salling e il patteggiamento

Mark Salling è stato arrestato a fine dicembre 2015, dopo che una ex fidanzata ha sporto denuncia contro di lui per possesso di materiale pedopornografico.

La testimonianza della donna ha attivato il Department Internet Crimes Against Children della Polizia di Los Angeles, che nel corso di una perquisizione a casa dell'attore ha trovato migliaia di file di pornografia infantile.

A maggio 2016 l'ex star di Glee è stata incriminata per ricezione e possesso di materiale pedopornografico, ma in occasione dell'udienza in tribunale di giugno si è dichiarata non colpevole. 

A distanza di un anno, Salling ha cambiato radicalmente versione e ha optato per il patteggiamento.

In base all'accordo sottoscritto, l'attore dovrà scontare da 48 a 84 mesi di carcere e resterà in regime di libertà vigilata per 20 anni. Inoltre, dovrà versare 50mila dollari a titolo di risarcimento a ogni vittima che ne farà richiesta.

Contestualmente, l'interprete di "Puck" Puckerman ha obbligo di iscrizione nelle liste dei "sex offender" e divieto di avere contatti con minori di 18 anni e di frequentare o avvicinarsi a meno di 30 metri a luoghi abitualmente frequentati da bambini e adolescenti.

La sentenza è fissata il 7 marzo 2018 e per il momento Salling è libero su cauzione.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.