Agony, un disturbante trailer ci presenta la Dea Rossa

di -

Madmind Studio ha rilasciato un nuovo, terrificante trailer del suo Agony, videogame survival horror in uscita il 30 marzo. Riuscirete a non urlare?

La Red Goddess di Agony

36 condivisioni 9 commenti

Condividi

Le porte dell'Inferno si apriranno molto presto. Almeno per chi deciderà di impugnare un pad e perdersi nel delirio poligonale di Agony.

Uscirà infatti il 30 marzo del prossimo anno il primo progetto di Madmind Studio, team di sviluppo composto da alcune delle menti che hanno creato The Division e The Witcher 3. Un progetto che fa rima con terrore, ansia ed agonia, per cui oggi possiamo gustarci un nuovo, orrorifico trailer.

Il filmato, visibile poco più in alto e assolutamente discordante con il gioioso clima delle festività natalizie, ci presenta la misteriosa Red Goddess, entità infernale con cui saremo chiamati a confrontarci nel corso del gioco, il cui debutto è previsto su PC, PlayStation 4 e Xbox One

Dalle venature surreali e perturbanti, Agony si propone come un survival horror che ci metterà nei panni di di un'anima tormentata persa nei meandri degli Inferi, senza alcun ricordo sul proprio passato, che dovrà sfruttare le proprie capacità per sopravvivere e trovare una via d'uscita. L'unico modo per fuggire da quel luogo tremendo sarà incontrare proprio la Dea Rossa.

Dopo un 2017 particolarmente ricco di titoli di genere horror, il 2018 pare non volerci risparmiare emozioni particolarmente intense sul piano sensoriale e psicologico.

Emozioni di cui Agony si fa portavoce, non solo grazie alla sua ''Diva Scarlatta'', ma anche e soprattutto per le promesse degli sviluppatori, che caleranno gli appassionati in un universo di possessioni e fiumi di sangue, ricolmo d'ogni sorta di abominio creato dalla fantasia perversa di Lucifero in persona.

Agony è uno dei videogame più disturbanti di sempreHDMadmind Studio
Agony debutterà il 30 marzo 2018 su PlayStation 4, Xbox One e PC

Cosa ne dite, Agony ha tutte le carte in regola per imporsi come un classico moderno del genere horror?

Condividi

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.