James Franco e le accuse post-Golden Globes: la risposta ufficiale

di -

Durante la notte dei Golden Globes, James Franco è stato accusato di molestie. L'attore ha risposto ufficialmente agli attacchi al Late Show di Stephen Colbert.

James Franco sulla poltrona

85 condivisioni 57 commenti

Condividi

James Franco ha vinto un Golden Globe come Miglior attore in un film commedia-musical per The Disaster Artist, ma il suo trionfo è stato oscurato da accuse in diretta.

L'attore e regista, presente alla cerimonia a Beverly Hills con la spilla Time's Up in sostegno alla protesta generale contro le molestie inflitte alle donne sul luogo di lavoro, è stato duramente attaccato su Twitter per un presunto atteggiamento incoerente nell'indossare il simbolo anti-molestie quando lui stesso, per primo, sarebbe colpevole di approcci non ortodossi.

Cos'è successo? Ricostruiamo la vicenda, prima di passare alla difesa da parte di Franco.

Le accuse (e le conseguenze)

Ally Sheedy, nota per il suo ruolo in The Breakfast Club, ha scritto una serie di tweet durante la notte del 7 gennaio (quella dei Golden Globes) in cui accusava indirettamente Franco di molestie e di averla estromessa dall'ambiente di lavoro. La Sheedy aveva conosciuto l'attore e regista durante uno spettacolo teatrale, a cui avevano lavorato insieme, nel 2014.

Per favore, non chiedetemi perché ho lasciato il mondo del cinema e della TV.

Ally Sheedy ha attaccato James Franco e poi ha rimosso il tweet

Molti hanno collegato il tweet dell'attrice al caso scoppiato nel 2014, quando James Franco aveva cercato di rimorchiare una 17enne via Instagram. Sulla scia di questo, un'altra attrice di nome Violet Paley ha accusato il regista di aver tentato approcci sessuali contemporaneamente con lei e una sua amica, all'epoca entrambe minorenni.

La Paley ha usato un linguaggio molto crudo nel rievocare l'episodio, sempre su Twitter.

Ricordi la volta in cui in auto hai spinto la mia testa verso il tuo pene o e quell'altra volta che hai detto alla mia amica di venire in albergo [da te, n.d.r.] quando aveva solo 17 anni? Dopo che eri già stato scoperto mentre facevi la stessa cosa con un'altra 17enne?

La Sheedy, dopo la bufera insorta, ha cancellato i propri tweet ma probabilmente sarà chiamata a risponderne in altre sedi.

Intanto The New York Times, alla luce di questi attacchi, ha cancellato l'evento TimesTalk, incentrato su The Disaster Artist, che avrebbe dovuto avere come protagonisti James Franco e suo fratello Dave. La testata ha rilasciato una dichiarazione ufficiale inviata per email a Variety.

Date le controversie relativa alle recenti accuse [contro Franco, n.d.r.], non siamo più a nostro agio nel portarlo avanti [l'evento, n.d.r.].

Violet Paley intanto ha rivelato di aver ricevuto scuse telefoniche da Franco, scuse che ha definito - come riporta Variety - "in ritardo, forzate, scocciate".

Violet Paley in primo pianoHDInstagram @violetpaley
Violet Paley su Instagram

Intanto un'altra donna ha accusato l'attore: si tratta di Sarah Tither-Kaplan, che ha dichiarato che Franco l'avrebbe sottoposta a sfruttamento in un suo film.

Ricordi alcune settimane fa quando mi hai detto che la nudità completa a cui mi hai sottoposto a 100 dollari al giorno in due dei tuoi film non è stata sfruttamento perché ho firmato un contratto? Ecco, io al 100% non avevo la possibilità di dire di no.

La replica di James Franco

James Franco ai Golden Globes

Stephen Colbert ha ospitato James Franco nel suo Late Show e gli ha dato modo di replicare alle varie accuse ricevute. Franco ha strutturato il proprio discorso partendo dalle iniziative Time's Up e #MeeToo che incoraggiano e sostengono le donne (e non solo) a denunciare ogni tipo di molestia subita, soprattutto sul luogo di lavoro, e a difendersi.

In primo luogo, vorrei dire che le sostengo [le campagne Time's Up e #MeToo, n.d.r.]. Sono stato così entusiasta di vincere [il Golden Globe, n.d.r.], ma essere in quel luogo quella notte è stato incredibile. È stato potente, c'era un'atmosfera incredibile e io lo sostengo, io sostengo il cambiamento.

Sul tweet di Ally Sheedy, Franco si è dichiarato completamente estraneo: "Non ho idea di cosa abbia fatto ad Ally Sheedy, l'ho diretta in una commedia". L'attore ha professato la propria incredulità, dovuta anche al fatto che l'attrice ha eliminato le proprie accuse da Twitter: "Ha cancellato il tweet, e io non lo so, non posso parlare per lei".

E riguardo alle altre accuse?

Nella vita sono orgoglioso di assumermi la responsabilità per le cose che ho fatto. Devo farlo per stare bene, lo faccio ogni volta che so che c'è qualcosa di sbagliato o che deve essere cambiato. Mi prefiggo di farlo sempre.

Ma, secondo lui, le accuse non sono del tutto vere.

I resoconti che ho sentito su Twitter non sono accurati, ma sostengo completamente le persone che escono allo scoperto per far sentire la loro voce, perché non hanno avuto modo di farlo per molto tempo. Quindi non voglio fermarle in nessun caso.

Colbert ha chiesto a Franco se ci sarà modo di chiarire queste controversie in luoghi che non siano i social media. Franco si è dichiarato disponibile a riparare dove ha sbagliato: "Penso che funzioni così. Non so che altro fare".

Secondo il regista di The Disaster Artist, la cosa più importante è il clima di cambiamento che si respira a Hollywood. Molti atteggiamenti che per decenni sono stati dati per scontati, ora sono sotto accusa. Questo, a parere di Franco, è un luminoso punto di partenza per modificare il mondo e riparare agli sbagli che sono stati commessi.

Voglio cambiare la mia prospettiva. Sono assolutamente disposto a farlo e voglio farlo.

Voi cosa ne pensate?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.