FOX

Cinque donne accusano James Franco di sfruttamento e condotta sessuale inappropriata

di -

Dopo le prime accuse contro James Franco ai Golden Globes, altre cinque donne hanno raccontato episodi sulla sua condotta sessuale inappropriata.

James Franco in primo piano

39 condivisioni 93 commenti 5 stelle

Share

Intellettuale, un po’ filosofo, interprete eclettico, regista fuori dagli schemi, letterato: James Franco probabilmente non si aspettava la bufera che gli sarebbe piombata addosso durante la notte stellare dei Golden Globes, tematizzata - a seguito del caso Weinstein e tutti gli altri - proprio contro ogni genere di molestia nei confronti delle donne.

Le celebrity presenti all'evento hanno optato per un dress-code nero come simbolo forte e condiviso contro i soprusi sessuali e le molestie, gli uomini (tra cui Franco stesso) hanno dato il proprio supporto con le spille Time’s Up (l’iniziativa fatta partire da alcune attrici per sostenere le donne vessate da abusi e ricatti sul luogo di lavoro). E intanto Franco stava per essere sommerso da accuse multiple.

Prima è stato accusato su Twitter da alcune donne di molestie e condotta sessuale inappropriata, poi altre cinque donne - parlando con Los Angeles Times - hanno riportato episodi che riguardano l’attore e regista. Franco ha risposto in alcune trasmissioni televisive insistendo sull'importanza del concetto, del movimento contro le molestie, e non del singolo episodio.

Nel frattempo, l'11 gennaio ha vinto un altro Premio come Miglior attore ai Critics' Choice Awards, ma a nessuno è sfuggita la sua assenza all'evento.

Le prime accuse

James Franco ai Golden Globes 2018

James Franco ha ricevuto delle accuse nella notte tra il 7-8 gennaio 2018 dall’ex collega Ally Sheedy, che aveva lavorato con lui a uno spettacolo teatrale. La donna ha alluso di non essere più nell’ambiente del cinema o della TV per colpa di Franco. La Sheedy ha scritto dei tweet che ha poi rimosso.

Un’accusa è arrivata da Violet Paley, che ha dichiarato (sempre su Twitter) che Franco l'aveva spinta a praticargli sesso orale quando aveva solo 17 anni. Infine un’allieva della scuola di recitazione del regista, Sarah Tither-Kaplan, ha svelato che Franco la sfruttava per girare umilianti scene di nudo.

Intanto però, tramite il Los Angeles Times, sono arrivati altri racconti. Le nuove accuse provengono da un ambiente preciso: le scuole di recitazione di Franco, dove l’attore e regista insegna (anche) a giovani ragazze.

Franco gestiva due scuole, una a New York e una Los Angeles: Studio4 (chiusa il 1 ottobre 2017) e Playhouse West. In generale, la parte di corsi effettuati da Franco era minima, perché - oltre agli impegni attoriali o da regista – il docente teneva delle lezioni anche alla UCLA, alla USC e alla CalArts.

James Franco alla scuola Studio4HDThe Hollywood Reporter
James Franco nella sua scuola Studio4

Le nuove accuse

Sarah Tither-Kaplan, che aveva già parlato durante i Golden Globes 2018, è scesa in particolari e ha raccontato un episodio avvenuto al corso di recitazione di Franco.

Nel 2015, il regista avrebbe offerto alla Tither-Kaplan un ruolo nel film The Long Home, che schierava anche Josh Hutcherson, Courtney Love e Timothy Hutton. Il personaggio di Sarah Tither-Kaplan era quello di una prostituta e il copione prevedeva scene di nudo (regolamentate da un accordo scritto).

A lei e a un’amica era stato chiesto di girare una scena che simulasse del sesso orale all’interno di un’orgia. Le due ragazze hanno accettato ma Franco, all’ultimo momento, avrebbe rimosso la protezione di plastica che tutela le zone intime durante le scene sessuali simulate. Inoltre, extra-sceneggiatura, a Sarah e ad altre ragazze sarebbe stato chiesto di ballare in topless intorno a Franco con teschi di animali sulla testa. Chi esitava, veniva congedata.

Sarah Tither-Kaplan in primo pianoHDIMDB
Sarah Tither-Kaplan contro James Franco

Altre due studentesse della Playhouse West hanno raccontato, sempre al Los Angeles Times, che l’uomo le avrebbe messe in "situazioni molto spiacevoli", portandole in un inospitale strip club a girare delle scene e provando in ogni modo a farle spogliare.

La prima, Hilary Dusome, aveva partecipato a un corso con Franco e sulle prime lo aveva trovato gentile, generoso e pronto ad aiutare aspiranti attori. La seconda, Natalie Chmiel, ha raccontato di essere stata “selezionata” con Hilary e altre ragazze per un progetto speciale di James Franco. Il loro entusiasmo si è spento subito non appena si sono rese conto della situazione e del comportamento del maestro, definito “non professionale”.

La Chmiel ha spiegato che aveva pensato di trovarsi in un “film artistico”. Invece, le ragazze, in fila vestite solo in lingerie e con maschere sul volto, sarebbero state invitate da Franco a togliersi i vestiti. Rendendosi conto che nessuna lo avrebbe fatto, l’uomo sarebbe andato su tutte le furie.

La Dusome ha fornito un resoconto lucido.

Mi sentivo come se fossi stata selezionata per qualcosa basato sul mio duro lavoro e sul mio merito, e quando ho inteso che invece [il motivo, n.d.r.] era perché avevo un bel seno, ho capito che non era il caso. Non penso che [Franco, n.d.r.] abbia iniziato a insegnare con cattive intenzioni, ma poi ha preso una cattiva strada e ha danneggiato molte persone.

La Chmiel ha accusato Franco di essersi approfittato della buona fede di tante studentesse.

Ha approfittato del nostro entusiasmo per lavorare e fare parte di qualcosa di grande. Eravamo tutte attrici emergenti così fiduciose…

Hilary Dusome e Natalie Chmiel in un collageHDInstagram @hilarydusome, Wikia
Hilary Dusome e Natalie Chmiel accusano James Franco

Contestualmente anche l’aspirante attrice Katie Ryan, che ha frequentato sia la Studio4 che la Playhouse, ha dichiarato alla testata che James Franco sarebbe stato fissato con le simulazioni di scene sessuali o di nudo. Katie avrebbe ricevuto innumerevoli mail in cui Franco le chiedeva di interpretare il ruolo di una prostituta e svolgere scene di un certo tipo.

Infine c’è Violet Paley, che aveva accusato Franco nella recente notte dei Golden Globes, ma che nei giorni successivi ha parlato anche con The Los Angeles Times. La Paley ha raccontato di aver frequentato Franco per il suo sogno di diventare regista e che lui le avrebbe rivolto un invito a praticargli sesso orale in macchina.

Io ero molto nervosa e ho detto: 'Possiamo farlo più tardi?’.

Violet ha spiegato di aver iniziato a compiere l’atto ma poi, estremamente a disagio, avrebbe finto di aver visto qualcuno vicino alla macchina per dissuadere Franco dal continuare. La ragazza, allora 17enne e oggi 23enne, ha aggiunto di aver poi intrapreso una relazione consensuale con l’attore ma oggi, alla luce del caso Weinstein, avrebbe gestito diversamente la vicenda in auto.

Gli avrei detto: ’Scendi dalla mia macchina’.

Violet Paley in primo pianoHDHeavy
Violet Paley aggiunge alcuni dettagli sulle accuse a Franco

In un periodo caldo per l’argomento molestie e avance sgradite, nulla passa inosservato.

Ma su Franco c’era già un precedente: nel 2014 aveva conosciuto un’adolescente britannica di 17 anni fuori da un teatro di New York e le aveva chiesto se avesse il fidanzato. Poi, pur essendo al corrente della sua età, l’aveva contattata su Instagram chiedendole di raggiungerlo nel suo hotel. L’episodio era diventato di pubblico dominio e Franco si era giustificato nel programma di ABC Live! Con Kelly e Michael: “Sono imbarazzato, e suppongo di essere solo un esempio di come i social media siano complicati. Ho agito male e ho imparato la lezione".

Le repliche di James Franco

Riguardo alle accuse della notte dei Golden Globes, Franco ha risposto ufficialmente al Late Show di Stephen Colbert adottando diverse argomentazioni: su Ally Sheedy ha confessato di “non avere idea di cosa potrebbe averle fatto”. Sulle altre ha specificato che le accuse non erano accurate e che, comunque, il senso della spilla Time’s Up indossata da lui durante la cerimonia era quello di permettere a tutte queste persone (nella ragione o nel torto) di far sentire la propria voce. James Franco ha promesso anche di voler riparare dove ha sbagliato: “Penso che funzioni così”.

L'attore è stato ospite anche del programma Late Night, dove è stato interpellato da Seth Meyers riguardo alle ultime accuse. Come riporta Variety, Franco ha rilasciato altre dichiarazioni.

Le ho lette [le dichiarazioni delle cinque donne, n.d.r.], non ho risposto. Penso che quelle che ho letto non fossero accurate, ma una delle cose che ho imparato è che ci sono conversazioni che devono avere luogo. Ci sono persone, donne e non solo, che che non stanno prendendo parte a questa conversazione e credo fermamente (ed è il motivo per cui indossavo la spilla) che sia necessario che partecipino.

L'attore ha dichiarato che, per sostenere il movimento e le donne, preferisce prendersi colpe non accurate o non (del tutto?) veritiere.

Ho la mia versione dei fatti, ma credo che queste persone che per lungo tempo sono state inascoltate debbano poter raccontare le proprie storie, tanto che terrò le cose che potrei dire per me, perché credo in questo movimento. Se devo andarci di mezzo perché non voglio provare a smentire attivamente le cose, allora ci andrò.

È un momento molto controverso per Franco: oltre al Golden Globe, come accennato precedentemente, l'attore ha vinto anche il premio come Miglior attore per un ruolo comico ai Critics' Choice Awards. Ma, come ha riportato Chicago Tribune, non era presente a ritirare il premio. The Disaster Artist non ha vinto comunque il premio di Miglior commedia, che è andato a The Big Sick.

Le recenti accuse sono state commentate anche dall’avvocato di James Franco, Michael Plonsker.

Su Sarah Tither-Kaplan, ha replicato che le accuse a proposito delle protezioni di plastica durante la scena dell’orgia non sono accurate e ha addotto alcuni post pubblicati dalla 26enne sui social media che esprimevano soddisfazione per la collaborazione con Franco. L’avvocato ha negato anche che Franco abbia mai fatto le richieste menzionate da Hilary Dusome e da Natalie Chmiel.

A proposito di Katie Ryan, la replica non è stata meno lapidaria: "[Franco, n.d.r.] non è a conoscenza del fatto che alcuna delle azioni citate dalla signora Ryan sia mai avvenuta”.

Riguardo alla Paley invece, le sue dichiarazioni sono state definite "inaccurate" dall’avvocato di Franco.

Come andrà a finire?

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.