FOX

Dolores O'Riordan dei Cranberries è morta a 46 anni: il ricordo della cantante

di -

Sembra impossibile, eppure è proprio così. Dolores O'Riordan se n'è andata. La cantante dei Cranberries è morta improvvisamente, lasciando tutti senza parole.

Dolores O'Riordan in concerto

1 condivisione 0 commenti

Share

La notizia battuta il 15 gennaio 2018 dalle agenzie di tutto il mondo ha spezzato il cuore a milioni di fan e appassionati di musica. Dolores O'Riordan, voce simbolo degli anni '90, è morta all'età di 46 anni.

Come riporta BBC News, l'annuncio è stato dato dall'agente della cantante dei Cranberries, tramite una nota condivisa anche sulla pagina Facebook della band:

La cantante internazionale di origini irlandesi Dolores O'Riordan è morta oggi improvvisamente a Londra. Aveva 46 anni. Si trovava in città insieme ai Cranberries per una breve sessione di registrazione. Per il momento, non ci sono ulteriori dettagli. La famiglia è rimasta sconvolta nell'apprendere la notizia e ha chiesto di rispettare la sua privacy in questo momento molto difficile.

Secondo quanto scrive The New York Times, un portavoce della Metropolitan Police di Londra ha dichiarato che una pattuglia è stata chiamata alle 9:05 al Park Lane Hotel di Westminster e che gli agenti hanno trovato Dolores priva di vita. Allo stato attuale delle cose, il decesso viene considerato "privo di spiegazione".

Quando l'indagine sarà conclusa, molto probabilmente la cantante sarà sepolta a Limerick, sua città natale. A dirlo al Daily Mail Online è stato il parroco della locale parrocchia, padre James Walton:

Ho saputo solo oggi pomeriggio [della morte di Dolores, n.d.r.]. La sua famiglia è devastata. La sua scomparsa improvvisa è stata uno shock. I suoi famigliari sono ancora in attesa di ricevere maggiori informazioni da Londra. Ho incontrato Dolores due o tre volte quando è venuta a casa dalla famiglia. Era una bella signora. L'idea è di darle sepoltura qui. Il giorno dipende da quando il corpo sarà restituito ai familiari.

Dolores e i Cranberries

L'avventura di Dolores O'Riordan con i Cranberries inizia nel 1990, un anno dopo che il cantante Niall Quinn lascia la band fondata insieme ai fratelli Noel e Mike Hogan e a Fergal Patrick Lawler. La giovane interprete viene segnalata proprio da Quinn: il provino ha successo e lei entra a fare parte del gruppo.

I primi tempi non sono facili. I Cranberries si fanno notare localmente, ma le loro canzoni riscuotono poco successo e così l'album d'esordio, Everybody Else Is Doing It, So Why Can't We?, contenente i singoli Dreams e Linger. Ma nel 1993 arriva la svolta. La band fa da spalla agli Suede nel tour negli USA e i vecchi pezzi entrano in classifica, conquistando (finalmente) anche il pubblico europeo.

Sull'onda dell'entusiasmo, Dolores e i suoi compagni scrivono No Need to Argue, il loro album di maggiore successo, che contiene la hit Zombie, premiata come Migliore Canzone dell'Anno agli MTV MUsic Awards del 1995.

Dopo un tour mondiale, arriva To the Faithful Departed, che non riesce a bissare il successo del precedente. Conclusa una nuova serie di concerti, i Cranberries si prendono un periodo sabbatico e tornano sulle scene nel 1999 con Bury the Hatchet, al quale segue nel 2001 Wake Up and Smell the Coffee.

Successivamente, i 4 decidono di dedicarsi a progetti diversi. Dolores intraprende la carriera solista e pubblica gli album Are You Listening? nel 2007 e No Baggage nel 2009. In questo periodo, la cantante duetta con Giuliano Sangiorgi dei Negramaro nella canzone Senza Fiato. In precedenza, aveva collaborato con un altro artista italiano, cantando Pure Love nella raccolta Zu & Co. di Zucchero Fornaciari.

I Cranberries tornano insieme nel 2009 e pubblicano altri due album: Roses (2012) e Something Else (2017). Per promuovere l'ultimo, la band organizza un tour tra USA ed Europa, ma molte date vengono annullate (compresa quella in Italia) a causa di problemi di salute di Dolores.

Una vita tra luce e ombre

Nella vita di Dolores O'Riordan la luce è sempre stata indissolubilmente legata alle ombre. Oscure, profonde e piene di dolore.

Come ricorda un lungo editoriale di Barry Egan per The Irish Independent, nel 2013 la cantante ha rivelato di essere stata vittima di un "orco":

Per 4 anni, quando ero una bambina, sono stata abusata sessualmente.

L'uomo nero della sua infanzia, dagli 8 ai 12 anni, era un amico di famiglia, che Dolores ha rivisto al funerale di suo padre, celebrato nel 2011.

La violenza subita l'ha spinta in un vortice di vergogna e sensi di colpa e l'ha portata a soffrire di anoressia:

Pensi che sia colpa tua. Vuoi seppellire il ricordo. È questo che vuoi fare all'inizio. Lo vuoi seppellire perché ti vergogni. [...] Sono diventata famosa quando avevo 18 anni. Ed è diventato più difficile. È stato allora che ho sviluppato l'anoressia. [...] Sono stata anoressica, poi depressa, poi ho avuto un esaurimento nervoso.

In un momento in cui le ombre sembravano avere preso definitivamente il sopravvento, la cantante ha ammesso di avere pensato al suicidio

L'anno scorso [2013, n.d.r.], ho provato a uccidermi con un'overdose.

A impedire a Dolores di portare a termine il proprio proposito è stato il pensiero di Taylor, Molly e Dakota. Ovvero i 3 figli avuti dal tour manager dei Duran Duran, Don Burton, che ha sposato nel 1994 e da cui ha divorziato nel 2014.

Dolores O'Riordan in concertoHDGetty Images
Dolores O'Riordan sul palco durante un concerto

Ma i pensieri che la tormentavano e la depressione non l'hanno mai lasciata e in una recente intervista a Metro ha rivelato di soffrire di disturbo bipolare:

Soffro di disturbo bipolare, per questo ho vissuto agli estremi opposti tutta la mia vita. Ma mi è stato diagnosticato solo due anni fa [nel 2015, n.d.r.]. Ci sono due lati dello spettro. Puoi essere terribilmente depresso e cupo e senza interesse per le cose che ami. Oppure maniacale. Ho fatto avanti e indietro dal lato ipomaniacale per lungo tempo, ma in generale puoi restare in quella condizione al massimo 3 mesi, prima di toccare il fondo e cadere in depressione. Quando sei maniacale non dormi e diventi paranoico. È uno stato che tengo sotto controllo con i farmaci.

Tuttavia, in mezzo a tanta oscurità, Dolores è riuscita a trovare la luce e il senso della propria esistenza:

Mi rendo conto ora che la vita non è una questione di soldi o di fama. In realtà, quelle sono tutte s********. Solo l'amore conta.

Le reazioni alla morte di Dolores 

La scomparsa di Dolores O'Riordan ha generato una enorme ondata di cordoglio. 

Come scrive BBC News, tra i primi a rendere omaggio alla cantante è stato il presidente irlandese, Michael Higgins:

[...] Dolores O'Riordan e i Cranberries hanno avuto una enorme influenza sul rock e sul pop irlandese e internazionale. [...] Per tutti coloro che seguono e sostengono la musica irlandese, per i musicisti e per gli artisti irlandesi, la sua morte sarà una enorme perdita.

Anche il primo ministro, Leo Varadkar, ha reso omaggio alla cantante. E poi i social sono stati invasi da una vera e propria pioggia di messaggi da parte di fan, amici e colleghi.

Il chitarrista e cantante dei The Kinks, Dave Davies, ha detto di essere rimasto "sconvolto" dalla notizia e ha condiviso un ricordo recente:

Le ho parlato un paio di settimane prima di Natale. Sembrava felice e in forma. Abbiamo anche preso in considerazione l'ipotesi di scrivere una canzone insieme. È incredibile.

I Kodaline hanno ricordato l'esperienza del tour condiviso e hanno espresso la propria vicinanza ai colleghi e alla famiglia della cantante e il cantautore irlandese Hozier ha reso omaggio alla front woman dei Cranberries con parole piene di affetto e di stima:

La prima volta che ho sentito la voce di Dolores O'Riordan è stata indimenticabile. Non ho mai sentito nessuno usare la voce in quel modo.

Gli U2 hanno espresso la loro vicinanza alla band e soprattutto alla famiglia di Dolores, ricordando la grandezza della cantante:

Dall'Occidente è arrivata questa tempesta di voce: era così forte e sicura di sé, eppure sapeva parlare alla fragilità di tutti noi.

Anche i R.E.M. hanno voluto rendere omaggio a Dolores e in Italia a ricordare la cantante sono stati Giuliano Sangiorgi e i Negramaro (con il post che trovate sopra) e Zucchero.

Infine, i Duran Duran hanno twittato:

Ci si è spezzato il cuore nell'apprendere della scomparsa di Dolores O'Riordan. In questo terribile momento, il nostro pensiero va alla sua famiglia.

Dire addio a Dolores O'Riordan sembra impossibile. Eppure, se n'è andata davvero.

Ma la sua voce e le sue canzoni, quelle no. Quelle resteranno per sempre.

E lei sarà con loro.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.