FOX

L'honest trailer di IT vi racconterà la dura verità su Pennywise

di -

L'honest trailer di IT evidenzia pregi e difetti della pellicola diretta da Andy Muschietti, diventata l'horror di maggior successo di tutti i tempi grazie a incassi record.

119 condivisioni 9 commenti

Share

IT, diretto da Andy Muschietti, è diventato l'horror di maggior successo di tutti i tempi (superando un cult come L'Esorcista e incassando oltre 700 milioni di dollari al box office mondiale) adattando il best seller omonimo di Stephen King.

Da pochi giorni disponibile in versione Home Video negli USA, il film è l'ultimo soggetto degli honest trailers di Screen Junkies, noto magazine online statunitense.

Per chi non lo sapesse, un honest trailer è generalmente un video in cui la componente più epica e solenne viene, per così dire, sostituita dalla messa in evidenza di piccole cose, talvolta errori, che saltano all'occhio nel corso della visione di una serie TV o di un film. Il risultato finale è così al tempo stesso un omaggio e una presa in giro nei confronti del soggetto di turno.

I ragazzi del Club dei Perdenti di IT

L'honest trailer di IT inizia spiegando che la storia proviene dalla "mente contorta" del maestro dell'horror Stephen King, non mancando di sottolineare le inconsistenze dei film ispirati ai suoi libri.

Il video evidenzia non solo i punti di forza e di debolezza del film, ma anche le controversie sorte con i clown professionisti prima della sua uscita nei cinema di tutto il mondo. Il filmato continua dicendo che IT è stato "così spaventoso" da "uccidere l'attuale industria dei clown". Del resto, anche la World Clown Association ha espresso la sua preoccupazione, affermando che il ritratto cinematografico di un clown malvagio è sicuramente in grado di influenzare (negativamente) i loro affari.

Adattare un romanzo lungo e complesso come quello che ha ispirato il film di Muschietti non è di certo un'impresa semplice. Quindi, come sottolinea l'honest trailer, è naturale che molti elementi siano stati esclusi dalla pellicola.

Tra i dettagli che sono stati modificati dal romanzo c'è sicuramente l'impostazione temporale, con il film ambientato negli anni '80 anziché negli anni '50 come il romanzo. Quindi, la pellicola è piena di riferimenti, omaggi e dettagli di quel decennio. Pensiamo, ad esempio, a come i Perdenti passino davanti al cinema di Derry, dove è in fase di proiezione Nightmare - Dal Profondo della Notte, pellicola del 1984.

Non solo. Il filmato evidenzia anche un legame tra il film e la serie TV Stranger Things (tra l'altro ringraziata anche dallo stesso Stephen King), che chiude il cerchio della nostalgia verso i lontani anni '80.

Bill Skarsgård è Pennywise nel film IT

Parlando dei Perdenti, il filmato evidenzia la caratteristica saliente di ogni personaggio: ad esempio, abbiamo il leader, il malato, il topo di biblioteca, la ragazza, il "bambino di Stranger Things" e gli altri due (Stan e Mike), il cui "sviluppo del personaggio è stato tagliato per buona parte della durata del film". Inoltre, vengono menzionati alcuni dettagli che sono stati modificati per l'adattamento, come il ruolo della Tartaruga, che nel romanzo ha un'importanza fondamentale.

Mentre il film offre una caratterizzazione abbastanza completa dei Perdenti, il filmato sottolinea alcuni cambiamenti significativi al personaggio di Stan, che nel libro ha un ruolo più importante che nella pellicola. Per quanto riguarda Mike, invece, sappiamo che il giovane avrà un ruolo chiave nella seconda parte della storia e, come rivelato da Muschietti, non mancherà un "tocco oscuro" su questo personaggio.

Secondo Screen Junkies, comunque, Muschietti e il suo gruppo di lavoro sono riusciti a portare sul grande schermo un memorabile adattamento di un classico horror che non solo ha provocato tante polemiche con la Clown World Association, ma ha anche dimostrato che il genere horror è ancora vivo e ha molto da offrire.

Beverly Marsh e Pennywise in una scena di IT

In particolare, nel suo solito tono sardonico Screen Junkies descrive IT come:

[U]n piacevole adattamento cinematografico di un popolare adattamento televisivo di un libro raccapricciante... che è riuscito a superare in raccapriccianza Tim Curry e ha saggiamente messo in discussione la noiosa roba per adulti che nessuno ricorda del sequel [la seconda parte della miniserie TV del 1990, n.d.R.].

In attesa di ulteriori dettagli in merito a quella che sarà la seconda parte di IT, ancora una volta diretta da Andy Muschietti, vi ricordiamo che in Italia la versione Home Video della pellicola sarà disponibile a partire dal 14 febbraio 2018.

FONTE: Screen Junkies

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.