FOX

Slender Man: la consacrazione di un nuovo mito?

di -

Dopo aver infestato per nove anni la rete, lo Slender Man arriverà al cinema: ripercorriamo la sua genesi per scoprire se davvero può diventare una nuova e terribile icona horror.

Una delle raffigurazioni dello Slender Man

159 condivisioni 18 commenti

Condividi

Frederick Charles "Freddy" Krueger, Jason Voorhes, Michael Myers, Leatherface, i cenobiti di Hellraiser: gli anni '80 sono stati capaci di generare alcune delle icone horror più convincenti della storia. Mostri che sono diventati miti tanto da catalizzare anche a distanza di decenni l'attenzione del cinema dell'orrore: remake, reboot e sequel hanno consacrato i franchise all'immortalità permettendo loro di frequentare ancora oggi le sale cinematografiche.

E gli anni 2000? Il nuovo millennio si sta dimostrando all'altezza di un passato così crudelmente fulgido? Sì e no. Da un lato ci sono alcuni guizzi horror molto interessanti come per esempio Saw e The Ring, due saghe di grande successo ma i cui mostri faticano a uscire dallo schermo in modo definitivo. Chi pensa all'uomo nero cita Freddy Krueger e non certo Samara.

I due terribili mostri Freddy Krueger e Jason VoorhesHDew.com

Dall'altro film horror riusciti e incentrati su personaggi forti, pensate a Insidious, Babadook o The Conjuring e i suoi vari spin-off, non riescono a creare una vera e propria mitologia convincente come quella del passato. Le figure più di rilievo per il momento sono relegate a un underground troppo ristretto del quale fanno parte per esempio Leslie Vernon di Dietro la Maschera o Victor Crowley di Hatchet.

La bambola maledetta Annabelle, protagonista di diversi film horrorHDindependent.co.uk

Perciò le nuove generazioni cosa devono aspettarsi? I Millennials e i nativi digitali sono destinati all'eterno ritorno di Freddy e dei suoi amici sanguinari? Forse no, ma prima dovete fare un piccolo passo indietro.

Nel giugno del 2009, sul forum online del sito Something Awful, Victor Surge pubblicò l’immagine in bianco e nero di un gruppo di ragazzini: alle loro spalle una figura alta, dinoccolata, senza volto, spettrale. Surge corredò la foto con un breve testo che recitava più o meno così:

Non volevamo andare, non volevamo ucciderli, ma il suo silenzio persistente e le braccia protese ci inorridivano e confortavano al tempo stesso ...

Pochi giorni dopo Surge pubblicò una seconda immagine: ancora ragazzini sorridenti e ancora, tra le ombre sullo sfondo, una figura nera e armata di tentacoli a frantumare la felice armonia di quello spaccato: era nato lo Slender Man.

Lo Slender Men originale terrorizza i ragazziniHDgizmodo.com.au

La forza del mostro attingeva a un immaginario tanto profondo quando convincente: Stephen King, H.P. Lovecraft e William S. Burroughs erano alcuni degli scrittori dalle cui penne Eric Knudsen, il vero nome dietro allo pseudonimo Victor Surge, aveva distillato la disturbante malvagità della creatura da lui inventata. Però Knudsen aveva fatto qualcosa di più che partecipare a un semplice contest. Le sue fotografie arricchite da testi inquietanti catalizzarono la creatività di centinaia di persone: fanart, cosplay e soprattutto fiction online chiamate creepypasta. 

Lo Slender Man e i suoi terribili tentacoliHDgizmodo.com.au

Lo Slender Man e i suoi terribili tentacoli erano sfuggiti dalle mani di Eric Knudsen per imboccare una via che lo avrebbe portato lungo sentieri impossibili anche solo da immaginare. Nel 2009 sbarcò su youtube all'interno del web serie Marble Hornets, poi entrò nell'universo di Minecraft e nel 2012 ebbe un videogioco tutto suo. La forza dello Slender Man cresceva sempre di più diventando un vero e proprio fenomeno di folklore digitale.

Ma cosa stava diventando lo Slender Man? Motivazioni oscure e origini altrettanto occulte lo rendevano abbastanza duttile da adattarsi alle fantasie degli artisti più svariati. Il minimo comune denominatore proveniva però proprio dalle immagini create da Eric Knudsen: qualunque fosse la provenienza del mostro, i bambini erano le sue vittime preferite.

Lo Slender Man infesta anche il mondo dei videogiochiHDgiantbomb.com

Il 13 maggio del 2104 ci fu una svolta per lo Slender Man, qualcosa di così terribile da sfondare il muro della finzione e da uscire dalla semplice leggenda digitale. A Waukesha, in Wisconsin, due ragazze di dodici anni pugnalarono diciannove volte una loro compagna di classe lasciandola in fin di vita. Le due giovani dichiararono alle forze dell'ordine che il terribile atto era stato compiuto per adempiere al loro compito di agenti dello Slender Man. Non solo: aggiunsero che lo Slender Man aveva minacciato di uccidere le loro famiglie se non avessero eseguito i suoi ordini. A chiudere il macabro cerchio, una delle due ragazze dichiarò che lo Slender Man era capace di leggere le loro menti e teletrasportarsi.

Eric Knudsen, che già in precedenza aveva affermato di essere molto sorpreso di quanto la sua creatura fosse diventata popolare, fu distrutto dalla drammaticità degli eventi di Waukesha ma, che lo volesse o meno, lo Slender Man aveva salito un altro gradino lungo la scala di una sinistra popolarità.

Lo Slender Man è senza volto e armato di tentacoliHDcinematographe.it

Perciò, che cosa è diventato ora lo Slender Man? Per rispondere alla domanda manca un ultimo tassello da aggiungere all'oscuro mosaico iniziato da Knudsen nel 2009. Il 17 maggio 2018 il tormentatore di ragazzini senza volto avrà un film tutto suo e sarà il regista Sylvain White a portarlo sul grande schermo. Dopo nove anni di militanza nel web e nel mondo dei videogiochi, tutti media che hanno contribuito e contribuiscono a formare le nuove generazioni, lo Slender Man è chiamato alla sua prova più grande: uscire dagli incubi digitali e raggiungere l'eterogeneo pubblico del cinema. 

Il trailer di cui già abbiamo parlato in dettaglio si rivolge a un pubblico giovane ma al suo interno richiama le parti più riuscite di piccoli e grandi capolavori come Babadook e The Ring. A rendere ancora più interessante l'esordio sul grande schermo del mostro c'è il mistero dietro cui si cela il detentore dei diritti cinematografici e televisivi: pubblicamente nessuno ne conosce l'identità. Con questi presupposti, riuscirà lo Slender Man ad affermarsi come nuovo mito dell'horror contemporaneo? I tempi forse sono maturi per la nascita di nuove stelle nere e lui potrebbe essere il primo di una nuova serie di idoli del terrore.

Slender Man uscirà nei cinema il 17 maggio 2018.

Condividi

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.