Sacred Heart: come si vive in un mondo senza adulti

di -

Nel suo primo romanzo a fumetti, la fumettista americana Liz Suburbia racconta l'adolescenza coi toni graffianti del punk.

La cover del fumetto di Liz Suburbia

8 condivisioni 0 commenti

Condividi

Si vivrebbe meglio in una città senza adulti? Una città dove i ragazzini provano a cavarsela da soli, senza la presenza dei genitori a fare loro da guida?

Sacred Heart (Eris Edizioni), l’esordio della fumettista americana Liz Suburbia, tratta proprio di questo, di una strana realtà popolata da soli adolescenti.

Pubblicato inizialmente a puntate sul web, Sacred Heart è stato interamente ridisegnato dall’autrice: le centinaia di pagine in digitale sono state completamente rifatte e, confrontando i due lavori (l'originale lo trovate sul sito web dell'autrice lizsuburbia.com), è possibile notare quanto le nuove pagine risultino più forti e più comunicanti delle precedenti.

Ben passeggia per le strade di Alexandria

La storia si concentra sulla vita di Ben Schiller, una ragazzina che passa le sue giornate per le strade di Alexandria, una città americana qualunque, strana, quasi totalmente abbandonata, con atmosfere che potremmo definire apocalittiche.

Ben ama andare in giro per la città, portare a spasso il suo fedele cane, andare ai concerti punk, fare tatuaggi agli amici, guardare film sul divano del suo migliore amico Otto.

Ben e sua sorella Empathy conducono le loro ordinarie vite adolescenziali: le amicizie, le cotte, le feste, i balli della scuola, le prime esperienze sessuali. Il tutto senza alcuna supervisione da parte degli adulti, senza un minimo di autorità genitoriale.

Per le strade della città

In effetti, andando avanti nella storia, il lettore comincia a chiedersi come mai nessun adulto compare nella narrazione? Dove sono finiti i genitori?

Alcuni ragazzi sperano ancora nel ritorno degli adulti, spariti dalle loro vite all'improvviso; altri invece sono ormai rassegnati e sicuri del loro addio e continuano a vivere la loro vita fatta di baldoria ed eccessi.

Al mistero attorno alla scomparsa degli adulti se ne aggiunge un altro: perché alcuni giovani continuano a morire in modo violento? Chi si nasconde dietro a questa serie di omicidi efferati?

Ben ritrova il cadavere di un ragazzo

Nel suo libro Liz Suburbia riesce a ritrarre alla perfezione tutti i particolari che caratterizzano i suoi giovani personaggi, le loro routine, il modo di vestirsi, di atteggiarsi e di ballare alle feste. 

Grazie a questa attenzione ai gesti e ai modi di fare dei personaggi, l'autrice permette al lettore di provare quelle stesse sensazioni e il turbinio tipico di quell'età.

Sacred Heart è un fumetto con un’estetica molto punk (fantastiche le citazioni a gruppi quali Misfits o Ramones), la tavolozza dei colori non si allontana dall’essenziale bicromia del bianco e nero.

La cover del fumetto d'esordio di Liz Suburbia

Più che un semplice teen drama, si rivela una profonda riflessione sulla delicata fase dell’adolescenza. I temi affrontati sono tanti e seri: il confine tra sesso amore, il senso di sicurezza dopo l’abbandono dei genitori, la religione, la fede, la moralità.

Sacred Heart (312 pagine, brossura) è disponibile sullo shop online di Eris Edizioni e in libreria al prezzo di 19 euro.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.