FOX

Facebook ha creato una nuova unità di tempo: ecco cos'è un 'flick'

di -

Gli ingegneri di Facebook hanno inventato una nuova unità di misura del tempo chiamata ‘flick’, per sincronizzare in modo preciso i frame dei video, soprattutto in ambienti di realtà virtuale.

Logo di Facebook con un orologio sullo sfondo

7 condivisioni 0 commenti

Condividi

Dopo aver conquistato il mondo dei social network con Facebook, Instagram e WhatsApp, Mark Zuckerberg ora vuole dominare anche il tempo?

Si chiama flick, la nuova unità temporale inventata dagli ingegneri del gruppo One Source dell’azienda statunitense, che aiuterà gli sviluppatori a misurare in modo preciso la durata di un singolo frame nei video per la realtà virtuale o per i videogiochi.

Un flick equivale a 1/705.600.000 di secondo e 1,41723356 nanosecondi, cioè è più grande di un nanosecondo (1/1.000.000.000 secondi, o un miliardesimo di secondo) ma più piccolo di un microsecondo.

“Il flick (frame-tick) è la più piccola unità di tempo più grande di un nanosecondo e riesce a suddividere esattamente la frequenza dei frame di audio e video - spiega Christopher Horvath, ingegnere della piattaforma per sviluppatori GitHub - gli sviluppatori potranno ora sincronizzare senza errori i contenuti audio e video, a varie frequenze”.

In pratica, con la nuova unità di misura gli sviluppatori invece di usare 24 fotogrammi al secondo (1/24 di secondo), possono dividere il frame rate in flick, per sincronizzare senza errori i contenuti audio e video, a varie frequenze.

Un ricercatore dell'Università di Oxford ha affermato che i flick potrebbero aiutare a creare esperienze di realtà virtuale migliori di quelle attuali:

I flick sono definiti nel linguaggio di programmazione C++, che vengono utilizzati per generare effetti visivi per un film, per uno show televisivo o per altri media. I flick offrono ai programmatori un modo per misurare perfettamente il tempo tra i frame multimediali senza utilizzare le frazioni.

Con l’utilizzo dei flick migliora la realtà virtuale? Horvath spiega che l'uso del flick anziché dei decimali permette una sincronizzazione perfetta di fotogrammi quando si progettano contenuti in computer grafica, per i videogiochi o realtà virtuale, a prescindere se la frequenza dell'immagine sia a 24hz, 25hz, 30hz, 48hz, 50hz, 60hz, 90hz, 100hz o 120hz.

Siete ancora confusi? Immaginate gli sviluppatori di uno studio di videogiochi impegnati a creare più immagini da soprapporre per un solo livello di un videogame, dove tutti gli elementi devono combaciare in modo armonioso. L'utilizzo attuale dell’unità temporale basata sui secondi (o millisecondi) ha un significativo margine di errore, che scompare con i flick dove si usano numeri interi e non decimali.

GIF ironica con il volto di un uomo avvolto da formule di matematicaGiphy

L’interesse di Zuckerberg per lo sviluppo di una nuova unità di tempo non è causale, visto che Facebook dal 2014 è proprietaria di Oculus, azienda pioniera nel settore dei visori 3D. Una cosa è certa: la realtà virtuale ben presto sbarcherà sul social network blu. Contenti?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.