FOX

La scrittrice di fantascienza Ursula K. Le Guin è morta a 88 anni

di -

Il mondo della fantascienza dice addio a una delle sue autrici più amate. Ursula K. Le Guin si è spenta a 88 anni. Tra le sue opere, il Ciclo di Earthsea e La Mano Sinistra delle Tenebre.

Ursula K. Le Guin in una delle sue ultime apparizioni pubbliche

17 condivisioni 0 commenti

Share

La fantascienza ha perso una delle sue penne più amate. La scrittrice Ursula K. Le Guin è morta a 88 anni. La notizia è stata confermata a The New York Times dal figlio, Theo Downes-Le Guin. L'uomo non ha specificato la causa del decesso, ma ha detto che la salute della madre era compromessa da mesi. La donna si è spenta a Portland, il 22 gennaio 2018.

Ultima di 4 fratelli, Ursula K. Le Guin era nata a Berkeley, in California, il 21 ottobre 1929. I suoi genitori erano due antropologi, Alfred L. Kroeber e Theodora Quinn Kroeber, autrice dell'acclamato libro Ishi. Un Uomo tra due Mondi.

Dopo avere conseguito la laurea al Radcliffe College nel 1951 e un master in letteratura romantica medievale e rinascimentale alla Columbia University nel 1952, ha vinto una borsa di studio a Parigi e si è trasferita nella capitale francese. Qui ha incontrato il suo futuro marito, Charles A. Le Guin, con il quale si è sposata nel 1953.

Al ritorno negli USA, ha lasciato gli studi per dedicarsi alla famiglia (oltre a Theo, ha avuto altre due figlie, Caroline ed Elisabeth). Ma non ha mai abbandonato la scrittura e dopo avere pubblicato un breve racconto fantasy nel 1962, nel 1964 ha fatto il suo ingresso nella mondo della fantascienza.

Le opere di Ursula K. Le Guin

Il nome di Ursula K. Le Guin ha iniziato a diventare familiare al grande pubblico nel 1966, con il romanzo Il Mondo di Rocannon. Ma la notorietà è arrivata due anni dopo, quando ha pubblicato il Mago di Earthsea, conosciuto anche come Il Mago.

Il libro è il capostipite dei Romanzi di Earthsea, che comprendono altre 4 storie: Le Tombe di Atuan, La Spiaggia più Lontana o Il Signore dei Draghi, L'Isola del Drago, I Venti di Earthsea o I Venti di Terramare. La serie racconta le avventure di un apprendista mago in un mondo fantastico dove la pratica della magia ha regole precise come ogni scienza e una connotazione moralmente ambigua. 

Insieme a 4 racconti, i Romanzi di Earthsea compongono il Ciclo di Earthsea, che nel 2006 ha ispirato il lungometraggio animato I Racconti di Terramare. Realizzato da Goro Miyazaki, figlio del grande maestro Hayao, il film è basato sul terzo e il quarto romanzo della serie, ma non ha soddisfatto Ursula K. Le Guin. Analoga sorte era toccata nel 2004 alla miniserie Earthsea, prodotta da Syfy Channel e bocciata dalla scrittrice.

Nel 1969, Ursula K. Le Guin ha pubblicato quello che è probabilmente il suo libro più famoso, La Mano Sinistra delle Tenebre. Ambientato su un pianeta chiamato Gethen, il romanzo è stato definito dalla sua autrice un "esperimento mentale" e indaga la natura delle società umane attraverso una serie di personaggi che non hanno genere, ma che una volta ogni 26 giorni diventano maschi o femmine.

La Mano Sinistra delle Tenebre ha vinto i due riconoscimenti più importanti della letteratura di fantascienza, il Premio Hugo e il Premio Nebula.

Anche un altro romanzo della scrittrice è stato insignito dei due prestigiosi premi, I Reietti dell'Altro Pianeta (1974). Invece, Il Mondo della Foresta (1973) ha vinto il Premio Hugo e L'Isola del Drago (1990) il Premio Nebula.

Ursula K. Le Guin ha scritto molti altri libri (tra cui La Falce dei Cieli, che è stata adattata in due serie TV nel 1980 e nel 2002), per un totale di oltre 20 romanzi, una dozzina di libri di poesie, più di 100 racconti, 7 raccolte di saggi e 13 libri per bambini. Inoltre, si è occupata della traduzione di 7 volumi di disparata natura e ha realizzato una guida per scrittori.

Le reazioni alla morte di Ursula K. Le Guin

La morte di Ursula K. Le Guin ha suscitato un grande cordoglio tra gli appassionati di fantascienza e i colleghi della scrittrice.

Il poliedrico artista Neil Gaiman (Sandman, American Gods) le ha tributato su Twitter un omaggio pieno di affetto e di stima per il suo lavoro:

Ho appena saputo che Ursula K. Le Guin è morta. Le sue parole sono sempre con noi. Alcune sono scritte nella mia anima. Mi mancherà la sua splendida persona divertente e spigolosa. E mi mancherà la più profonda e intelligente delle scrittrici.

E anche Stephen King ha reso omaggio alla grande autrice:

Ursula K. Le Guin, una tra i più grandi, se n'è andata. Non era solo una scrittrice di fantascienza. Era un'icona letteraria. Buona fortuna nella galassia.

Al cordoglio su Twitter si è unito pure Rick Riordan, autore della saga Percy Jackson e gli Dei dell'Olimpo, ricordando che i libri di Ursula K. Le Guin sono stati una delle sue letture preferite durante l'infanzia:

Per la fantascienza e per la letteratura tutta, la morte di Ursula K. Le Guin è una grandissima perdita. Ma l'eredità lasciata dalla scrittrice continuerà a fare emozionare, sognare e riflettere nuove generazioni di lettori. E questo non è poco davvero.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.