Il concept di Death Stranding è visionario, parola di Norman Reedus

di -

Lo avevamo già intuito grazie all'ultimo trailer, ed ora è l'attore di The Walking Dead a confermarlo: Death Stranding sarà un videogioco rivoluzionario!

Un primo piano di Norman Reedus dall'ultimo trailer di Death Stranding

222 condivisioni 4 commenti

Condividi

Da quando Hideo Kojima ha presentato al mondo il suo prossimo progetto, Death Stranding, il popolo nerd non fa che parlare del grande ritorno del game designer giapponese

Il recente divorzio con Konami pare infatti non aver intaccato la dirompente genialità del ''papà'' della saga di Metal Gear: il videogame in uscita su PlayStation 4 e PlayStation 4 Pro è intriso di mistero, soluzioni innovative e tematiche che, se confermate, potrebbero catturarci in una delle reti poligonali più impressionanti degli ultimi anni.

Se non addirittura di sempre. 

Un videogame, Death Stranding, che nasce per stupire il pubblico di affezionati ai lavori del buon Hideo, così come per attrarre le nuove generazioni, sempre più affamate di esperienze fuori dagli schemi. 

E se tutta la teatralità dell'ultima opera ''kojimiana'' si esprime al meglio nel trailer più recente - rilasciato in occasione dei Game Awards 2017 -, anche Norman Reedus è tornato a sottolineare quanto siano strabilianti le idee nella mente dell'uomo che ha dato i natali a Solid Snake - e che noi potremo vivere in prima persona solo impugnando il pad.

Reedus elogia la ''visione'' di Kojima in Death Stranding

L'attore, noto ai più per il ruolo di Daryl Dixon nella serie TV post-apocalittica The Walking Dead, sarà il protagonista principale di Death Stranding, e di recente si è espresso proprio sulla folle genialità del titolo in esclusiva per la console di ultima generazione a marchio Sony. Queste le sue parole ai microfoni di B&H Photography Broadcast, concentrate in particolare sul concept:

Non so dirvi esattamente di cosa parla il gioco... o meglio, conosco la trama fino ad un certo punto. Il concept è incredibile, pazzesco, si parla di connessioni. Qualcosa di visionario, molto in anticipo sui tempi. Ci sono elementi di social media, l'idea di una società che ha ormai perso l'idea del contatto fisico tra persone. Death Standing è ambientato dopo questa epoca, si cerca nel e con il gioco di ristabilire il contatto perduto tra gli esseri umani. E non solo.

Un'idea, quella di Hideo Kojima, che potrebbe in parte rivoluzionare gli aspetti narrativi e di gameplay dell'intero settore, proponendosi '' in anticipo sui tempi'' un po' come fecero in passato altre produzioni dello stesso autore.  

Norman Reedus ''recita'' in https://gamingbolt.com/death-strandings-concept-is-ahead-of-its-time-says-norman-reedusHDKojima Productions
Norman Reedus presta volto e voce al protagonista di Death Stranding

Intanto, mentre le dichiarazioni di Reedus riaccendono l'hype, Sony e Kojima Productions non hanno ancora rivelato una data di uscita ufficiale per Death Stranding. Secondo voi riuscirà a debuttare entro la fine di quest'anno?

Condividi

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.