FOX   

Scandal e Le Regole del delitto perfetto: la prima foto del crossover

di -

Il crossover che tutti stavamo aspettando sarà presto realtà. Shonda non delude mai e risolve anche il problema "Liza Weils" per far incontrare Olivia Pope con Annalise Keating

Una scena del cross over che vedremo in Scandal

545 condivisioni 40 commenti

Condividi

Il sogno di tutte le fan di ShondaLand e delle sue creazioni sta per diventare realtà. Le due guerriere per eccellenza create da Shonda Rhimes finalmente insieme. Stiamo parlando di Olivia Pope e Annalise Keating sullo stesso set per due interi episodi.Andrà in onda l’1 marzo negli Stati Uniti il lungo episodio del crossover tra Scandal e Le Regole del delitto perfetto, e finalmente abbiamo un primo scatto delle due protagoniste insieme.

Foto inedita del cross over tra Scandal e Le Regole del delitto perfettoHDEntertainment Weekly
Olivia Pope e Annalise Keating finalmente insieme

Sulla motivazione che porterà i due titani a trovarsi nello stesso posto vige il massimo riserbo, come sempre nelle produzioni a marchio Rhimes, ma possiamo supporre che una questione spinosa quanto di risonanza come la Class Action portata avanti da Annalise Keating possa quanto meno stuzzicare l'interesse delle alte sfere.

Amo davvero Viola, ho un immenso rispetto e una grande ammirazione nei suoi confronti.

Queste le parole di stima che Kerry Washington ha espresso a Entertainment Weekly per la sua collega Viola Davis. Il premio Oscar per Barriere nel 2017 ha invece espresso il suo piacere nel ballare insieme a Kerry sulle note di Rock the Boat.

Ma c'è un'altra questione che Shonda dovrà risolvere, ossia il ruolo di Liza Weils. La Bonnie Winterbottom , un tempo fidata assistente della Keating e ora sua acerrima nemica, è apparsa nella prima stagione di Scandal come stagista alla Casa Bianca, incontrando poi la morte. Il regno Rhimes riuscirà a gestire un buco narrativo di tale portata?

L'attrice Liza Weils nei due ruoli ricoperti nelle serie di ShondaHDEntertainment Weekly
Liza Weils nei panni di Amanda in Scandal e Bonnie in Le Regole del delitto perfetto

Secondo Entertainment Weekly pare proprio di sì. La Weils non comparirà nell'episodio Scandal del cross over e non incrocerà i suoi "colleghi di un tempo" nell'episodio che comparirà ne Le Regole del delitto perfetto. Pericolo Scampato!

Di sicuro sarà uno spettacolo irripetibile e siamo certi che verrà fuori il meglio da entrambi i personaggi.

Facciamo il punto su Le Regole del Delitto Perfetto

In Italia è tempo di mid-season, e in attesa del prossimo episodio previsto per metà marzo, cerchiamo di ricordarci dove siamo rimasti ne Le Regole del Delitto Perfetto con la Keating e i suoi Fantastici 5.

Abbiamo finalmente capito di chi era il corpo insanguinato all’interno della Caplan & Gold durante il party organizzato da Michaela, ossia quello di Simon e anche perché Oliver è il testimone oculare e abbiamo scoperto che nessuno ha commesso un tentato omicidio, in quanto Simon si è sparato accidentalmente. Sappiamo anche perché Annalise è ricoperta di sangue come il suo ascensore e perché Laurel si trova in ospedale senza il suo bambino.

Le grandi domande sono:

  • Perché Asher è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio?
  • Simon ce la farà o morirà?
  • Il bambino di Laurel è vivo o Annalise non è riuscita a salvarlo?
  • Il fatto che Dominick abbia sentito Connor parlare del piano di Laurel contro il padre metterà i ragazzi in pericolo?
  • Che fine ha fatto l’hard disk con le prove che incriminano la società del signor Castillo?
  • La Class Action della Keating risentirà di questo ennesimo trauma o l’accaduto servirà a motivare maggiormente Annalise e magari convincere qualche altro tirocinante a sposare la causa?

Gli interrogativi sono tanti e i dubbi sempre maggiori, ma una cosa è certa: Le Regole del Delitto Perfetto è tutt’altro che finito. E se qualche diffidente aveva pensato che la parabola della Keating fosse in discesa perché “non si può far morire sempre qualche personaggio principale e far ruotare un’intera stagione attorno a quell’omicidio” si sbaglia di grosso. La Class Action lo dimostra e la contorta trama fatta di bugie, inganni, scoperte e omissioni fa dell’omicidio di Simon un semplice elemento di contorno.

In attesa di rivedere Scandal

Non sappiamo ancora la data della messa in onda in Italia su FoxLife della settima e ultima stagione di Scandal, il political drama incentrato sulla Casa più famosa e ambita del mondo.

E mentre negli USA sono al giro di boa in questa ultima stagione e si apprestano ad assaporare l’ultima metà delle avventure di Olivia Pope, a noi non resta che ricordare come ci aveva lasciato La Pope e Associati lo scorso anno.

Per tutta la sesta stagione a tenere banco era stato l’omicidio dell’appena eletto Presidente Vargas e tutti gli intrighi legati alla Stanza Ovale. Nel finale di stagione abbiamo scoperto che dietro tutto c’era la non tanto affranta Luna Vargas, messa a “tacere” da Liv e Jake.

Il potere ora è nelle mani di Mellie Grant, apparentemente, perché come per il marito ora anche l’ex moglie è pilotata da Olivia Pope. Per iniziare infatti, Olivia ha fatto firmare dei documenti al nuovo Presidente Grant per riaprire il B613 e darne il comando esclusivo proprio alla Pope.

Il momento più toccante è stato forse l’ultimo saluto tra Fitz e Liv e il bacio pubblico tra i due che ne consacra il sentimento nato e maturato in 7 lunghe stagioni. Ma sarà stata davvero l’ultima volta che li abbiamo visti insieme?

L’amaro in bocca lasciato dal finale di stagione del sesto anno di Scandal è forse legato alla consapevolezza di vedere una Olivia cambiata, più cinica e arrivista. Per l’ennesima volta rinuncia all’amore per il potere, ma questa volta a qualunque costo, prendendo addirittura il posto di suo padre.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.