FOX

Black Panther: il tentato boicottaggio razzista bloccato da Facebook

di -

Fallisce miseramente il tentato boicottaggio a sfondo razzista ai danni di Black Panther. Facebook stoppa sul nascere la campagna d'odio nei confronti del nuovo film di Ryan Coogler, che con gran classe minimizza sull'accaduto.

Boicottato da Facebook il tentato boicottaggio di Black Panther

141 condivisioni 6 commenti

Condividi

A volte la follia del web sembra non conoscere confini. Soprattutto quando il pretesto per scatenarla è l'uscita di un film al cinema. Qualche giorno fa infatti, un sedicente gruppo di fan DC Comics - la casa editrice di Batman & Co. - aveva lanciato un tentativo di boicottaggio ai danni di Black Panther.

Lo scopo era quello di sabotare il "tomatometro" - il punteggio assegnato dall'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes a film e serie TV - della nuova pellicola del Marvel Cinematic Universe.

Tutto questo per cercare di pareggiare i conti con Disney, rea secondo questo delirante punto di vista di aver influenzato gli organi di informazione affinché creassero della cattiva stampa intorno alle varie produzioni del DCEU.

L'immagine del delirante post che suggeriva di sabotare lo score di Black Panther

Sinceramente, facciamo davvero fatica a credere che un'iniziativa di questo genere possa essere ispirata solo dalla passione per dei supereroi.

Molto più probabilmente le persone che hanno provato a metterla in atto hanno cercato di nascondere in modo maldestro tutta la loro avversione per il colore della pelle di T'Challa e degli altri protagonisti del cinecomic con Chadwick Boseman e Michael B. Jordan.

Forse anche per questo Facebook ha deciso di rimuovere il post che incitava ad accanirsi contro la diciottesima produzione dei Marvel Studios, che arriverà in Italia il 13 febbraio.

Il regista di Black Panther snobba il tentativo di boicottaggio

Chi non sembra essere minimamente preoccupato dall'esito di questo boicottaggio - forte forse dello straordinario risultato che il suo Black Panther continua a far registrare in fase di prevendita - è il regista che Kevin Feige ha scelto per dirigere il solo movie dedicato alle avventure del sovrano del Wakanda: Ryan Coogler.

Raggiunto da Huffington Post, il filmmaker ha commentato in maniera estremamente diplomatica quello che ci auguriamo rimanga un caso isolato nella storia della settima arte.

Per quel che mi riguarda, non vedo l'ora che tutti vedano Black Panther. Sono ansioso di condividere il mio film con il pubblico, a prescindere da quali siano le sue opinioni politiche.

Ryan Coogler e Chadwick Boseman sul set di Black PantherHDMarvel Studios
Ryan Coogler (a sinistra) e Chadwick Boseman (a destra)

In seguito Coogler fa partire anche una piccola stoccata nei confronti di Rotten Tomatoes e del suo eminentissimo sistema di valutazione, che a volte rischia di influenzare troppo - e troppo alla svelta - il giudizio degli spettatori, decretando nello spazio di poche righe un successo clamoroso o una prematura disfatta del lavoro altrui.

Rispetto l'opinione della critica e cerco di farne buon uso quando lavoro, ma le percentuali del 'tomatometro' possono essere una semplificazione eccessiva di quello che i critici pensano di un film. È molto più rapido guardare quelle che leggere l'intero articolo.

Probabilmente queste percentuali non andranno a intaccare minimamente l'inarrestabile corsa al botteghino di Black Panther che, stando a quanto apprendiamo da ScreenRant, dovrebbe guadagnare qualcosa come 400 milioni di dollari solamente al box office americano, diventando il quinto incasso di sempre per un cinecomic del MCU.

Shuri e T'Challa sembrano festeggiare l'imminente successo al box officeMarvel Studios
Shuri e T'Challa

E voi cosa ne dite? Siete curiosi di vedere Black Panther? Cosa pensate del tentativo di boicottaggio?

Condividi

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.